Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Giornata mondiale autismo e cani

Ho trovato questo articolo di divulgazione. Voi cosa ne pensate?
Sia sul lessico usato, su come è stato descritto lo spettro e sul contenuto

https://www.dogsportal.it/autismo-quando-il-cane-puo-migliorarci-la-vita/?fbclid=IwAR2FZq1hCcYG6et8L9XO_7YoY_YsmESPZLcXv65zC_F2bnn3iLxzpLl0-PE
may13

Commenti

  • LupaLupa Veterano Pro
    Pubblicazioni: 614
    Ti rispondo sul contenuto visto che è un argomento che conosco bene: l'articolo fa confusione tra "pet presente in casa" e IAA, ovvero interventi assistiti da animali. Il primo è banalmente convivere con un cane o un altro animale domestico e non sempre è questa meraviglia che viene descritta nell'articolo; dipende dal pet, dipende dal bambino e dalla sua famiglia. A volte è una felice convivenza, ma altre volte si rivela una catastrofe. Troppo spesso sento consigliare anche da parte di professionisti (lato umano più che canino) di adottare un cane senza che ci sia una corretta valutazione della situazione e del fatto che possa davvero essere un valore aggiunto, anche nel rispetto del cane.
    Gli IAA invece sono delle vere e proprie sedute che vanno dalle attività ludiche a terapie, sono guidate da un team composto da professionisti dei vari settori (medici umani, psicologi, operatori cinofili, veterinari...) e sono strutturate in base alle esigenze dell'utente. Quasi sempre il pet coinvolto fa parte di un binomio preparato composto da cane-istruttore umano e non è il "cane di casa" della famiglia del fruitore. Le sedute di IAA sono molto faticose per i cani, è un vero e proprio lavoro che richiede poi tempi di riposo adeguati.
    BlunotteSniper_Opsriot
  • MinolloMinollo Veterano Pro
    modificato 5 April Pubblicazioni: 472
    Articolo interessante (specialmente per me che amo i cani e ne possiedo uno -una femmina mix epagneul breton- ).
    Per quanto riguarda la mia esperienza personale, avere un pet (in questo un cane) mi ha aiutato molto nel vedere e accettare la gente e anche per trovare una scusa per uscire fuori casa, in questi tempi di pandemia.
    Forse non sarò obiettivo, ma son dell'idea che avere un cane aiuti molto psicologicamente (anche se deve essere ben curato ed educato).
    lucy84
    Post edited by Minollo on
  • lucy84lucy84 Veterano
    modificato 6 April Pubblicazioni: 253
    @Lupa grazie della risposta, non sono del settore però qualcosa di cani la so.
    Avevo notato un po’ di confusione tra per e IAA anche io, che presumo sia solo relativa a poca chiarezza espositiva, visto che l’autore è preparatore di binomi IAA, almeno spero.

    Non so, l’articolo è uscito pin concomitanza con la giornata della consapevolezza sull’autunno e ci sta, farà più visualizzazioni.

    A me un po’ preoccupa la faciloneria con cui alcuni argomenti vengano trattati.
    Sullo stress del cane, giusto due parole nel box finale, quando secondo me dovrebbe essere l’elemento centrale...

    Di pet teraphy me ne ha parlato anche la mia psicologa quando ho fatto terapia, ne era anche entusiasta perché i bambini effettivamente si erano aperti e il cane era ben sereno a suo avviso.

    Io le posso anche credere, ma onestamente provo pena per questi cani, soprattutto se penso a quanto poco rispetto ci possa essere per l’animale.

    ---

    @Minollo io da che ho cani, per strada, litigo più di prima. Non ho particolari problemi a vedere la gente, in realtà, sono però molto suscettibile se non viene rispettato il mio spazio personale, e ancora di più se non viene rispettato quello del cane.
    Post edited by Sniper_Ops on
  • LupaLupa Veterano Pro
    Pubblicazioni: 614
    lucy84 ha detto:

    Di pet teraphy me ne ha parlato anche la mia psicologa quando ho fatto terapia, ne era anche entusiasta perché i bambini effettivamente si erano aperti e il cane era ben sereno a suo avviso

    Io le posso anche credere, ma onestamente provo pena per questi cani, soprattutto se penso a quanto poco rispetto ci possa essere per l’animale

    Se il lavoro è fatto come si deve nelle IAA ci lavorano (o dovrebbero lavorarci) solo cani che, oltre a essere preparati, abbiano altissime motivazioni e vocazioni per quel tipo di lavori (IAA è molto generico, ai vari cani possono essere richieste cose diverse); non basta che siano cani educati o addestrati, devono anche avere caratteristiche individuali che gli facciano apprezzare il lavoro che fanno. Per loro è comunque fatica, ma è una fatica che fanno volentieri se nella giusta misura e con le dovute accortezze.
    Poi purtroppo sono d'accordo con te sul fatto che troppe volte il cane o il pet in generale diventa uno strumento e non si tiene conto del fatto che è un essere vivente con le sue esigenze ed emozioni.
    lucy84
  • lucy84lucy84 Veterano
    Pubblicazioni: 253
    È un mondo che non conosco bene, faccio fatica a comprendere come un cane possa farlo volentieri, ma penso sia una questione interpretativa mia e non obiettivamente legata ai cani (della serie: io ho subito parecchio i problemi altrui, non vorrei essere nei panni del cane che lo fa di lavoro - quindi non riesco ad essere obiettiva sulla questione)

    La mia preoccupazione è che vedo proliferare preparatori di binomi e non so quale sia la qualità del lavoro

    In realtà mi piacerebbe capire che tipo di impatto hanno questi articoli, sempre che ne abbiano
  • LupaLupa Veterano Pro
    modificato 5 April Pubblicazioni: 614
    Per generalizzare molto di base si tratta di cani che già di loro hanno molto piacere
    nell'interagire con gli umani, non solo quelli noti ma anche gli
    sconosciuti, a cui vengono date competenze per poter fare ciò che già amano fare in un contesto strutturato (è poi sempre presente il lato umano del binomio che tra le varie cose ha il compito di monitorare costantemente lo stato di benessere del cane). Non basta che un cane sappia stare in mezzo alla gente, quello è solo un
    cane competente ma potrebbe non essere adatto per le IAA.

    Io sono di parte ma per me questi articoli sono fuorvianti. Dovrebbero semplicemente illustrare che esistono realtà come le IAA, senza spingere al fai da te o al pensare che possano essere una cosa miracolosa alla portata di tutti. Se proprio si vuole entrare nel dettaglio sarebbe importante non solo elencare i pro ma anche i contro.
    lucy84
    Post edited by Lupa on
  • lucy84lucy84 Veterano
    Pubblicazioni: 253
    Lupa ha detto:



    Io sono di parte ma per me questi articoli sono fuorvianti. Dovrebbero semplicemente illustrare che esistono realtà come le IAA, senza spingere al fai da te o al pensare che possano essere una cosa miracolosa alla portata di tutti. Se proprio si vuole entrare nel dettaglio sarebbe importante non solo elencare i pro ma anche i contro.

    Ecco, non riuscivo a focalizzare quello che mi strideva, che è fondamentalmente questo.
    Non sempre è possibile farlo, se si fa bisogna avere dei professionisti preparati, ci sono dei contro e a volte può non essere la soluzione ideale.

    Grazie mille
    Lupa
Accedi oppure Registrati per commentare.
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online