Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

vi capita di fare confusione su come rivolgervi alle persone?

AdalgisaAdalgisa Andato


es. vi capita di trattare in maniera molto  confidenziale (senza essere offensivi, parlo di "confidenza familiare")  persone che conoscete da poco? oppure di essere un pò troppo formali coi vostri familiari o coi bambini?  

da cosa dipende?
E' vero se è vero che è vero che..

che mi fa impazzire se penso che le cose che ho toccato insieme a te debbano svanire...dimmi che non è, dimmi che non è tutta un'illusione...un'illusione"
«134

Commenti

  • Andato46Andato46 Senatore
    Pubblicazioni: 5,160
    Il rivolgermi alle persone è un problema costante, ma non tanto all'interno di una conversazione già avviata (forse un po' rigidamente, ma ognuno è collocato in una categoria a cui è riservato un determinato grado di confidenza e formalità), quanto piuttosto il chiamarli e attirare la loro attenzione per iniziare a parlarci.
  • Andato47Andato47 Veterano Pro
    modificato August 2013 Pubblicazioni: 603
    A me capita di dare del "tu" e del "lei" a mia discrezione e non secondo le regole che vorrebbero che si desse del lei a chi non conosci o alle persone più anziane o che hanno un certo ruolo sociale/lavorativo rispetto a te. Mentre si dovrebbe usare il tu con persone che conosci e con le quali hai una certa confidenza e amicizia. Io invece uso il tu o il lei a seconda dell'impressione che mi dà la persona che ho davanti, magari posso dare del tuo ad un signore di una certà età, che non conosco perchè mi sembra simpatico e "alla buona", e posso dare del lei ad un mio coetaneo perchè lo sento distante e poco simpatico... quindi spesso mi sono sentita correggere perchè non ho dato del "lei", perchè ho dato troppa confidenza a chi non dovevo, o al contrario sto troppo sulle mie e distaccata con chi invece dovrei stare in amicizia... Ma il mio trattare in modo confidenziale o meno le persone non segue regole sociali ma solo le mie regole personali... :)
    Post edited by Andato47 on
    A.A.D. (Asperger Auto Diagnosticata)
    Tutto ciò che vuoi sta al di là della tua paura...
  • KrigerinneKrigerinne SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 3,163
    Mikikii secondo la mia esperienza la maggior parte delle persone fa così. A pelle. Ad esempio ero scandalizzata alle superiori di come facessero gran parte dei miei amici NT a dare del tu ai professori giovani di discipline pratiche. Per me era inaccettabile e mi metteva a disagio.
    Comunque anche io ho difficoltà in questo contesto. Durante gli esami ad esempio tendo a trattare il prof come un mio amico. Gli do del lei, sempre, ma faccio battute e sono sincera e sicuramente ho un erratissimo linguaggio del corpo (ad esempio mi metto a giocare con i lacci delle scarpe ingobbita). Ad alcuni piace, ad altri no. Alcuni prof mi danno della maleducata, altri mi alzano il voto per questo. Ad esempio a quello di filosofia ho detto che per come aveva spiegato Kant non ci avevo capito niente quindi me lo sono andato a studiare sul libro. E lui si è scusato per essersi spiegato male e mi ha aumentato il voto di 2. Potentissimo.
    Altre volte vengo descritta come fredda, ma più che fredda proprio gelida, una da evitare perché se gli parli ti morde... Altre volte mi accorgo che posso diventare quasi molesta per come tratto le persone. In università dopo aver conosciuto una ragazza che mi sembrava molto affine a me giunte al momento di separarci le ho detto di non sapere come salutarla perché io e le mie amiche ci salutiamo con un bel "ciao puttana". Per me non ha avuto una bella impressione, successivamente abbiamo parlato un po' diverse volte ma non è mai stata interessata ad allacciare un rapporto con me. Chissà...
    Backend developerAsperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea
    so I could walk right through it

  • andato21andato21 Membro
    Pubblicazioni: 1,191
    @Krigererinne molti adolescenti non usano bene il "tu" ed il "lei".. È che hanno difficoltà con le formalità (scusa il gioco di parole).
    Fanno anche cose tipo salutare con "ciao" persone a cui danno del Lei ed altre di questo tipo.
  • KrigerinneKrigerinne SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 3,163
    Ho una brutta esperienza con il "ciao". All'esame di maturità ho salutato la commissione con un ciao. La presidente di commissione mi ha obbligata a dire buon giorno. Successivamente dalla prof. di inglese sono venuta a sapere che la presidente durante le votazioni mi aveva assegnato 10/30 come voto asserendo che ero una ragazza maleducata. Immagina quanto odio ho provato per quella ingiustizia.
    Backend developerAsperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea
    so I could walk right through it

  • andato21andato21 Membro
    Pubblicazioni: 1,191
    Mi spiace, lo so che spesso i docenti tendono ad essere esagerati per quanto riguarda le formalità.
  • BohBoh Veterano
    Pubblicazioni: 676
    Comunque anche io ho difficoltà in questo contesto. Durante gli esami ad esempio tendo a trattare il prof come un mio amico. Gli do del lei, sempre, ma faccio battute e sono sincera e sicuramente ho un erratissimo linguaggio del corpo (ad esempio mi metto a giocare con i lacci delle scarpe ingobbita). Ad alcuni piace, ad altri no. Alcuni prof mi danno della maleducata, altri mi alzano il voto per questo. Ad esempio a quello di filosofia ho detto che per come aveva spiegato Kant non ci avevo capito niente quindi me lo sono andato a studiare sul libro. E lui si è scusato per essersi spiegato male e mi ha aumentato il voto di 2. Potentissimo.
    Accidenti!

    Hai rischiato molto.
    Ho una brutta esperienza con il "ciao". All'esame di maturità ho salutato la commissione con un ciao. La presidente di commissione mi ha obbligata a dire buon giorno. Successivamente dalla prof. di inglese sono venuta a sapere che la presidente durante le votazioni mi aveva assegnato 10/30 come voto asserendo che ero una ragazza maleducata. Immagina quanto odio ho provato per quella ingiustizia.
    Ciò che ha fatto è illegale. Avresti potuto protestare.
    Asperger probabile, non diagnosticato.
  • andato21andato21 Membro
    Pubblicazioni: 1,191
    @Boh
    Pensi che i professori avrebbero mai testimoniato contro il presidente di commissione (invalidando tutto l'esame che ha presieduto per altro: è una cosa penale, non roba amministrativa)?
  • cameliacamelia Pilastro
    Pubblicazioni: 3,512
    Io nn riesco a dare del tu ai miei superiori, nemmeno se mi pregano in aramaico, né, in generale a persone molto più grandi di me...
  • Andato47Andato47 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 603
    @krigerinne riferendosi ad esperienze nel settore scolastico (superiori e università) sono d'accordo con te. Ma in altri contesti non vedo la maggior parte delle persone fare così. Nel lavoro, sei sei inserito in una struttura allargata con coordinatori, direttori, presidenti, ecc. difficile vedere un dipendente dare del tu a dei "superiori" che non siano a contatto sempre o spesso con lui, nel lavoro. Come difficilmente vedo persone dare del "tu" al notaio, al commercialista, al consulente fiscale, al direttore di banca, o al medico, ecc. Forse è più tipico nei ragazzi giovani dare del "tu" ma negli adulti che superano i 40 anni io lo vedo veramente poche volte. La confidenza arriva solo dopo un certo tempo, oppure se si è coetanei, solitamente, si usa una forma del tipo: "posso darti del tu?". Forse io ho sempre vissuto e vivo con persone di una certa età, dove queste formalità sono rispettate anche troppo.
    Io non credo che sia tipico per gli NT dare confidenza a chi non conoscono, se non tra i giovani ed in certi ambienti (culturali, artistici, informali). O, viceversa, essere formali con famigliari e bambini, o comunque soggetti ai quali si può dare confidenza. Io non ho mai visto nessuno parlare ad un bambino in modo formale, come non ho mai visto (se non in vecchi films dove riportano il modo di vita di una volta) formalità all'interno di una famiglia (occidentale, perlomeno).
    A.A.D. (Asperger Auto Diagnosticata)
    Tutto ciò che vuoi sta al di là della tua paura...
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online