Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Difficoltà a "lasciarsi"

Mattia212Mattia212 Veterano
Trovo una certa difficoltà a "lasciarmi" con le persone.. nel senso quando ci si incontra e si passa del tempo insieme giunge inevitabilmente il tempo della "separazione" ad esempio a fine serata..
Noto che i nt non hanno alcun problema a gestire queste situazioni, a volte un "ciao, ci vediamo presto" a volte un saluto più affettuoso (spesso con le ragazze ci si scambiano i 2/3 bacini) o un abbraccio.. ma insomma tutti sanno sempre come comportarsi senza problemi..
Io mi trovo sempre un po' in difficoltà, non vorrei eccedere nella freddezza ma nello stesso tempo non vorrei dar luogo a fraintendimenti.. insomma non riesco a trovare un modo adeguato per ringraziare l'altra (o le altre) persone per la bella giornata/serata passata insieme.. per trovare una giustificazione a quel piccolo senso di vuoto che inevitabilmente si crea quando ci si saluta.. e nello stesso tempo non vorrei diventare tragicomico perchè non ci si sta dicendo addio per sempre :)
Anche a voi capita qualcosa di simile? :)
Andato_52
Post edited by yugen on
«134

Commenti

  • matthewStarmatthewStar Veterano
    Pubblicazioni: 415
    non so se è proprio la stessa cosa, ma a me ogni tanto è capitato.. quando ad una certa ora me ne volevo andare perché stufo, non sapendo bene come gestire i saluti, mi toccava o di aspettare che qualcun altro se ne andasse, cosi da aggregarmi senza troppe cerimonie, oppure di aspettare ancora a lungo e quando internamente spazientito andarmene comunque senza "troppi complimenti".
  • Mattia212Mattia212 Veterano
    Pubblicazioni: 756
    Si anche questo succede spesso :D
  • andato6andato6 Neofita
    Pubblicazioni: 194
    Idem. Sarà che si "carbura" in ritardo, ci si abitua dopo alla presenza,
    nonostante sia un appuntamento, e quindi concordato.
  • LadyLazarusLadyLazarus Veterano
    Pubblicazioni: 478
    Se incontro deliberatamente degli altri (e quindi non ad esempio se esco a fare la spesa o vado in Università) 93 volte su 100 sono insieme al mio ragazzo, a casa, e vado in catalessi molto prima di giungere ai fatidici saluti di rito. Non ho l'incombenza di portare avanti io le discussioni e quindi attendo che gli altri si salutino per salutare di conseguenza anche io. Le 7 volte su 100 che non esco con il mio ragazzo non credo di avere grosse difficoltà a salutare. Solitamente con un: "Ma ti dispiace se ora vado via?"
  • JimJim Membro
    Pubblicazioni: 787
    Il mio cruccio piu' che altro è di dire cose scontate, o promesse che non riuscirò a mantenere,
    tipo "Come sono stato bene oggi! Dobbiamo vederci presto, tutte le settimane!"

    Ho spesso la paura di dire frasi scontate, luoghi comuni, e questo blocca la mia espressività.
    Non solo al momento del saluto, anche durante la conversazione.

    Però ho notato che, man mano che frequento una persona, quando si rafforza il rapporto
    di amicizia e di intimità, perdo questa inibizione e divento una valanga, dico ogni stupidaggine
    che mi viene in mente. L'amico allora deve ricordarmi che il cervello ha anche la funzione
    di "filtro" dei pensieri stupidi ;)
    Pongo un limite alla mia felicità, per porre una fine alla tua sofferenza. Questo è amore, secondo me.
    Rinunciare a un piccolo "me" per un piu' grande "Noi".
  • andato6andato6 Neofita
    Pubblicazioni: 194
    Se incontro deliberatamente degli altri (e quindi non ad esempio se esco a fare la spesa o vado in Università) 93 volte su 100 sono insieme al mio ragazzo, a casa, e vado in catalessi molto prima di giungere ai fatidici saluti di rito. Non ho l'incombenza di portare avanti io le discussioni e quindi attendo che gli altri si salutino per salutare di conseguenza anche io. Le 7 volte su 100 che non esco con il mio ragazzo non credo di avere grosse difficoltà a salutare. Solitamente con un: "Ma ti dispiace se ora vado via?"
    Sarà (per quel che posso dire dal mio punto di vista) che ho attorno persone che si accontentano di 2 domande,
    e per fortuna non sono delle robe idiote... a differenza di alcuni vicini che ti interrogano, ed io mentre rispondo vado via,
    perchè me li sento addosso in una maniera incredibile.

    A me succede di sentirmi strano quando parliamo delle cose che mi interessano
    e magari non ha il tempo, e questi se ne va... mi disturba proprio.

    Tra amici invece tendo a fare il simpaticone e a fare battute, quindi ce n'è sempre una finale,
    il problema è che è finale per l'interlocutore, per me no :S
  • Mattia212Mattia212 Veterano
    Pubblicazioni: 756
    Normalmente le persone non si preoccupano molto di dire frasi fatte.. forse a volte ci prendiamo troppo sul serio e ci preoccupiamo troppo..
    Se fossimo (forse meglio che dica "fossi" così parlo solo per me) meno severi con noi stessi non ci preoccuperemmo così tanto di questo.. alla fine quando ciò che è alla base è sincero lo si capisce anche dietro alle frasi fatte e dietro ai luoghi comuni :)
  • matthewStarmatthewStar Veterano
    Pubblicazioni: 415
    "Solitamente con un: "Ma ti dispiace se ora vado via?" 
    il problema è che a me in molti casi risponderebbero si ;-) (non per altro, ma i miei conoscenti sono abbastanza tiratardi)

    @IlViandante si credo che tu abbia ragione, è sempre il solito problema...troppi "viaggi mentali" (per non essere volgare..)
  • JimJim Membro
    Pubblicazioni: 787
    Già, meno severi con noi stessi, giusto. Anzi, forse la severità va messa dove piu' ha senso utilizzarla,
    ad esempio nella costanza nello studio, nella serietà a lavoro (ahia, mi metto il coltello nella piaga da solo :P )
    Pongo un limite alla mia felicità, per porre una fine alla tua sofferenza. Questo è amore, secondo me.
    Rinunciare a un piccolo "me" per un piu' grande "Noi".
  • LadyLazarusLadyLazarus Veterano
    Pubblicazioni: 478
    @matthewStar : Anche io tiro tardi: ma sul divano a guardare per la duemilesima volta la prima stagione di Doctor Who. Se mi stanco a stare con gli altri io non reagisco più agli stimoli esterni. Divento un'ameba e sbadiglio insistentemente.
    P.S. Ti direbbero sì perché non sei una donna. Se lo fossi aggiungerebbero: "No figurati, non ti preoccupare. Se vuoi ti riaccompagniamo a casa." E, comunque, ti sei scelto male le conoscenze :P (Scherzo naturalmente!)
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online