Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Rabbia, stress e incubi

ShaiShai Neofita
modificato January 2015 in Mi sento giù
Le giornate pessime capitano a tutti, okay. Io avro' una settimana intera (idiotissima settimana dell'arte, due ore al giorno chiusa con quaranta adolescenti in una mini classe senza finestra), ma ancora, okay.
Quello che mi disturba e' come la prende il mio cervello.
Oltre alle crisi di rabbia che mi provoca la situazione, abbastanza evidenti da essere quasi cacciata fuori dall'aula, mi sono tornati gli incubi e non li sopporto. Li odio. Mi sento sempre orribilmente in colpa dopo e sono quattro ore che lotto per non piangere come una deficiente e qualcosa mi dice che dormiro' a luce accesa. Ma protendo piu' per evitare di dormire.
Inoltre se durano per lunghi periodi mi vengono le allucinazioni, uditive e visive.
Mi sento in loop mentale quando succede, forse ho una soluzione ma non e' a portata di mano e questo mi fa arrabbiare ancora di piu'.
Scusate lo sfogo. Tutto questo era per chiedervi: come reagite a stress e rabbia? Che conseguenze ha su di voi? E su chi/cosa Vi circonda?
Curiosita' supplementare. Sono l'unica a soffrire di un certo tipo di incubi da, beh, sempre o e' caratteristica piu' diffusa di quello che penso?
Post edited by yugen on
Taggata:

Commenti

  • BluBlu Veterano
    Pubblicazioni: 639
    Episodi che generano stress ce ne sono tanti nella mia vita, in genere utilizzo un metodo collaudato, il quale mi aiuta ad alleviare la tensione accumulata durante il giorno, l'interesse speciale del momento è un'ottima occasione per scaricare lo stress, a volte ho provato piacere studiare schede tecniche di computer, smartphone; un'altra attività piacevole è guardare film. Spesso quando mi dedico a queste attività, mi dondolo (mentre leggo), anche questo è molto piacevole :)

    Riguardo a sogni ed incubo, è vero che lo stato onirico è alterato durante questi periodi, ma di solito non faccio incubi, ma sogni molto lunghi e contorti.

    Sul concetto di rabbia ho qualche dubbio, nel senso che personalmente mi succede di non esprimerla per niente, o manifestarla in un unico momento intenso, di conseguenza sono bersagliati gli oggetti che ho intorno, ultima vittima uno schermo di un portatile letteralmente spezzato come un grissino ;)
    Tutti indaffarati a cercare lo spiraglio nel baratro delle maschere divoratrici.
  • bannato2bannato2 Membro
    Pubblicazioni: 2,035
    quoto @blu...
    occupazione del momento o botto con frantumi...

    i sogni possono essere repressi... basta sapere e ricordarsi che sono sogni..
    io ci riesco fin che dormo mi dico questo non e' possibile e' solo un film e si vede dai particolari che lo e' ..
    da quando iniziai a fare cosi praticamente non sogno piu ..

    dalla vita solo il meglio
  • bloody81udbloody81ud Veterano
    Pubblicazioni: 465
    Ciao Shai notavo che come me hai una predilezione per i draghi quindi era doveroso seguirti con simpatia:
    non mi arrabbio facilmente, capita solamente per fatti che ritengo veramente gravi, ripetuti nel tempo e volti a ledere la mia fiducia allora pure io sbarello e la vittima delle mie invettive per un certo periodo diventa pure il mio nemico principale, poi pian piano mi sbollisco. Per lo stress...beh io soffro di attacchi di panico, stati d'ansia, timore essenziale e tante belle altre cosette neurologiche. Cosa mi aiutato? Preciso aiutato quindi non è che ha risolto del tutto i miei problemi. Non c'è una bacchetta magica per farli sparire in pochi giorni, ma da quando frequento yoga va un po' meglio, spesso la colpa dello stress è che pensiamo al passato, a cosa ci accadrà domani, pensiamo su noi, su tutto tutti e continuamente. La meditazione ti aiuta ad essere nel presente in sintonia completa con te stesse, io purtroppo pigro come sono dopo gli incontri non sempre la pratico pure a casa.  Da settembre frequento il corso di sahaja yoga della mia città,  è completamente gratuito, è ormai diffuso un po' ovunque, e ti consiglio perlomeno a recarti per curiosità a dare un'occhiata a quello della tua città, a me non ha risolto tutti i problemi (come scritto sopra), ma sta aiutando non poco, magari si rivelerà utile pure per te. Ciao...e se posso: non mollare sul lavoro perché per quanto possa rivelarsi stressante c'è gente come me che pagherebbe di tasca sua per avercele quelle 6-8 ore di stress quotidiano.
  • Andato_SimAndato_Sim Andato
    modificato February 2014 Pubblicazioni: 2,046
    Ciao Shai.
    Io fin da piccolo ho due incubi che sono estremamente ricorrenti, e anche ora, che ho 32 anni, 7 mesi e 8 giorni, caratterizzano spesso quei pochi momenti nei quali riesco a "dormire".
    Nel primo, sogno che c'è un pericolo, qualcosa da cui sto scappando anche se non ho ancora visto mai nel sogno di cosa si tratti, e così corro e provo ad urlare. La mia bocca si apre, si spalanca, ma non esce alcun suono. Provo terrore, nel sogno, un senso di impossibilità, di chiusura.
    Nel secondo, sogno dei massi molto grandi e lisci che mi cadono addosso ma non mi schiacciano. Io riesco a "tenerli su" e sopravvivere, ma non riesco a lanciarli lontano.
    Quando mi sveglio dopo questi incubi, sai, piango e tremo. Spesso mi viene una forte nausea allo stomaco, e devo alzarmi e sedermi in cucina. Posso rimanere lì fino al mattino, quando succede. Le mie notti sono molto difficili sempre.
    Non ho paura ad addormentarmi, quello no. Ma è fin da piccolo che dormo molto poco (per la disperazione dei miei genitori) e quando dormo, spesso (diciamo al 70%) sogno queste cose.
    La rabbia e lo stress.
    Rabbia ne provo poca. Piuttosto provo molto stress e tensione e paura. Infinitamente stress, tensione e paura. Perché sento che vorrei essere in grado di fare alcune cose e invece, nonostante anni di schemi, di ragionamenti, di prove, non ci sono mai riuscito. Mai. E i miei mai sono categorici. Ieri sera, per esempio, l'ho passata in casa, come ogni sabato sera. Non sono mai uscito il sabato sera. Ma neanche le altre sere. Mai, in tutti questi anni, sono uscito con degli amici. Mi sono bastati gli infiniti errori fatti a scuola e al lavoro. Non saprei da che parte incominciare. Ho paura di annoiare, di ritrovarmi in piedi ad inseguire le conversazioni, di non sapere che fare, di non capire qualcosa e accorgermi che il cervello parte con i suoi ragionamenti, e ritrovarmi isolato. Allora, penso, isolamento per isolamento, meglio che lo sia nella mia camera. Perché qui, per lo meno, non c'è il pericolo che qualcuno mi giudichi o mi chieda cose che non riesco a spiegare...ma è molto impegnativo, tutto questo. Mi sfinisce prima ancora di cominciare.

    Post edited by Andato_Sim on
    Tutto ciò IO penso (e scrivo).
  • ShaiShai Neofita
    Pubblicazioni: 110
    @bloody81ud riguardo gli attacchi di panico... presente! Ultimamente pero' sono quasi del tutto assenti, uno ogni tanto ma fortunatamente non ogni dieci minuti come in passato. Per il lavoro... sto studiando in realtà, e anche io pagherei per poter avere un'occupazione, che so, lavare per terra.
    Lo yoga e' una buona idea! Ci provai in passato ma con un libro, ebbi risultati ma smisi, amavo piu' la teoria... cercherò questi corsi pero', grazie mille per l'informazione e il supporto! :-)
    @blu ottimo consiglio, grazie! Ho sempre evitato perche' temevo di rovinarmi anche quei momenti di piacere, ma ora tentero'.
    @ertimidone, a me piace sognare... quando non ho incubi. Mi lascia una bella sensazione. Dovrei solo imparare a non farmi Controllare dalle sensazioni che mi scatenano, ecco.
    @Simone, mi spiace tanto per te :-( vivo un decimo di quello che vivi tu e lo odio, dev'essere orribile! Non hai trovato nulla che possa migliorare la situazione?
    Tensione e stress... sette ore al giorno soltanto, fortunatamente. Per il resto non vedo anima viva, ed e' un balsamo per i nervi, ti assicuro.
  • bloody81udbloody81ud Veterano
    modificato February 2014 Pubblicazioni: 465
    Di niente, ciao Shai, comunque prova la meditazione in gruppo, secondo me è molto più efficace di quella che tu svogli da sola. Se posso un'ultima cosa: come mai ami i draghi? Mera curiosità.
    Post edited by bloody81ud on
  • ShaiShai Neofita
    Pubblicazioni: 110
    Provero' :-) Non lo so, mi piacciono molto! Sono forti, maestosi, rabbiosi e potenti, ma anche aggraziati... racchiudono una serie di significati affascinanti, almeno per me. Come mai a te piacciono invece?
  • fattore_afattore_a Colonna
    Pubblicazioni: 2,239
    Ho paura di sognare voci: queste voci non sono associate a persone e mi predicono le cose che stanno per succedere (purtroppo indovinano).

    Incubo ricorrente: mi manca ancora un esame per laurearmi e sono impreparato. Mi dà così tanta ansia che, nel tempo, nel sogno stesso mi convinco che è un sogno e che alla laurea ci sono arrivato.
  • Francy75Francy75 Membro Pro
    Pubblicazioni: 405

    Vi capisco tutti anche io come voi ho incubi ricorrenti, almeno una notte su quattro è un'incubo.

    I miei incubi rispecchiano esattamente le mie ansie ma molto più amplificate.

    Quello peggiore di tutti è ritrovarmi ancora con i miei compagni di scuola prima di un compito:

    io solo lì con loro paralizzata dal terrore mentre tutti si danno felicemente un bel d'affare per assicurarsi un posto nella vita, io non capisco loro e loro non capiscono me, qualche volta per un incomprensione scoppia una rissa e io accecata dalla paura e dalla rabbia comincio a passare alle mani per difendermi dai loro sorrisi beffardi.

    La sensazione che provo è talmente orribile che al risveglio devo continuamente convincermi che è un sogno, non è realtà ma per un pò non riesco a crederci e mi chiedo come sia possibile che sono lì nel letto e tra poco devo andare a lavorare, la sensazione del sogno poi mi rimane per tutta la giornata.

    Se penso che quell'incubo l'ho vissuto REALMENTE stando con i compagni di scuola è facile capire come sono stata male ai tempi dell'adolescenza,

    mai uscita una sera e neanche di giorno,

    mai nessuno che abbia studiato con me,

    dovevo metterci il doppio dell'impegno per le difficoltà di concentrazione e comprensione

    la mia mente scappava (e scappa) continuamente nella fantasia alla ricerca di mondi felici.

Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online