Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Qual è l'ultimo sogno che avete fatto? (Ratatouille)

13334363839

Commenti

  • TegretolTegretol Membro Pro
    Pubblicazioni: 129
    Non è esattamente l'ultimo sogno che ho fatto.


    Ho sognato di essere in compagnia di una bella ragazza, sembrava divertente e molto energica, non riusciva a stare ferma anche quando ho cercato di farla stare ferma e di farle delle domande lei cantava.
    Dopo eravamo davanti ad uno specchio ma non vedevo lei riflessa nello specchio ma un mostro con uno sfondo tenebroso e sinistro. Lei mi sembrava triste come se odiasse com'è veramente e, se ricordo bene, piangeva.
    lollinaWhoamiMakaira
  • A87A87 Pilastro
    Pubblicazioni: 3,017
    A87 ha detto:

    Io sogno spesso la scuola superiore, che mi piaceva molto ma fu traumatica al tempo stesso. Volevo arrivare puntuale a tutti i costi e, se non mi accompagnavano in orario, avevo delle crisi anche gravi. Nei sogni spesso arrivo in ritardo o devo essere interrogato su un argomento che non ho studiato, subisco atti di bullismo, o ancora, ci entro come sono oggi ma scopro di non essere mai cambiato, avvertendo uno spiacevole senso di regressione.

    Al secondo posto della mia classifica “luoghi ricorrenti in sogno” c’è la casa di una mia zia (cognata di mio padre) che non vedo dal 2006 (né la casa né la zia). Sicuramente quella casa mi colpì positivamente, non so per quale motivo, forse perché è molto grande, forse perché collocata in una zona isolata di un paesino… di sicuro non è solo per quello, ci sarà dell’altro, qualche esperienza positiva o negativa lì dentro che mi segnò, ma che ho rimosso dalla mia mente come la maggior parte della mia infanzia e preadolescenza.
    Chissà cosa proverei se, dopo tanto tempo, potessi rivedere quella casa.




    Torno qui su Spazio Asperger dopo tanto tempo e cito il mio commento del 1° aprile 2014 (post numero 132 di questo thread) per dirvi che, dopo tanti anni, stasera, sabato 11 marzo 2017, tornerò in quella casa, dove mia zia abita ancora.

    Ma andiamo con ordine.
    Negli ultimi cinque anni ho sognato più volte questa casa, ogni volta in diverse variazioni.
    Ad esempio:
    In alcuni sogni, una o più stanze della casa si trasformavano in un lungo corridoio che porta chissà dove.
    In altri sogni, il soggiorno era più grande del normale.
    In altri sogni ancora, l'appartamento si estendeva in modo bizzarro, ad esempio si aggiungeva un garage o altri edifici.
    L'appartamento esiste davvero, ma ovviamente le variazioni sono invenzioni del mio inconscio.

    Generalmente, per un Asperger (e non solo), rivedere un parente dopo tanto tempo è una seccatura, ma stavolta non vedo l'ora. Sono più in ansia per l'appartamento che per la visita.
    La notizia mi è arrivata dieci giorni fa.

    Per l'occasione, stanotte, alla vigilia dell'"evento", il mio inconscio si è deciso di farmi fare un altro sogno ambientato lì dentro: stavolta le stanze sono chiaramente vuote e c'è una stanza in più e una specie di comignolo che porta alla strada, simile al comignolo che portava Buzz Lightyear al bagno nell'appartamento del livello 11 del gioco Toy Story 2.
    Uscivo da quel comignolo e non sapevo più come rientrare, per fortuna avevo lo smartphone per contattare qualcuno su WhatsApp.
    Credo sia il primo sogno ambientato in quella casa, in cui possiedo uno smartphone.
    Finalmente anche i miei sogni si adeguano ai nostri tempi.

    Ecco, lo ripeto, sono entusiasta! Finalmente dopo dieci anni tornerò in quella casa e vedrò davvero com'è cambiata! Chissà cosa mi riaffiorerà! Ho un po' paura. :D
    DoorShadowLineNemomandragola77
  • A87A87 Pilastro
    modificato 16 March Pubblicazioni: 3,017
    Mi scuso per il ritardo. In questi giorni sono pieno di cose da fare.

    Alla fine, sabato scorso ci sono andato e l'ansia è svanita appena sono entrato.
    Nessun buco nero, nessun varco spazio-temporale, solo una visita a una persona che non vedevo da 10 anni. È sempre lei, anche se con qualche anno in più.
    Le ha fatto piacere vedermi, mentre i cambiamenti reali della casa sono molto più "normali".
    Vabbè, almeno non farò più quel sogno. :D
    Ho scattato alcune foto nelle stanze, non si sa mai.
    Non entro nei dettagli della visita, vi dico solo una cosa: se vedete voi o i vostri figli ansiosi per qualcosa, e dopo un secondo l'ansia svanisce lasciando spazio alla scioltezza, abbiate comprensione, è tutto normale!
    Mi sono tolto l'ennesimo scoglio. :)
    lollinamandragola77
    Post edited by A87 on
  • AJDaisyAJDaisy Pilastro
    Pubblicazioni: 6,542
    Ho sognato che i dentisti dove sto andando a curare i miei denti, mi portavano a vedere dei morti a me sconosciuti (a parte un'anziana che viene a bere il caffè nello stesso bar dove vado la mattina) in obitorio, che erano deceduti in seguito alle cure dentarie e che erano in grado di parlare e sedersi tranquillamente. Dicevano cose perlopiù insensate, o per me di poco interesse specifico, riguardo il loro passato ed in un caso su loro precedenti vacanze al mare (questo è quanto ricordo).

    Giocherei il 47, ma non amo giocare a lotto e quant'altro.
    Ludomarco3882lollinamandragola77
  • AmelieAmelie Pilastro
    modificato 25 March Pubblicazioni: 3,712
    Stanotte ho fatto un sogno surreale di cui facevano parte alcuni utenti del forum.
    Mi trovavo in una sala da tè vecchio stile, in cui la luce soffusa di abat-jour foderate di seta rosa cipria gettava riverberi guizzanti sulle vetrine curve. Gli interni erano rivestiti di una carta da parati un po' stinta, dai delicati ricami di foglie verde salvia che si avviluppavano a tralicci in un giardino lussureggiante e intricato, con qualcosa che ricordava i bassorilievi medievali sulle facciate delle cattedrali. I tavolinetti rotondi, di legno lucente e liscio, le cui venature catturavano la luce in gorghi quasi mobili, erano apparecchiati con tovagliette di merletto e grandi teiere bianche e panciute, da cui si levavano fili di fumo, accanto a tazze dalle linee eleganti e piattini colmi di pasticcini. Una sottile lastra di alabastro correva lungo il locale, dividendolo in due parti; alla lastra, da ambo i lati, erano appoggiate grandi panche di legno lucidato con cuscini in tinta con le pareti. Questa era la sala da tè di @WBorg , che accoglieva gli avventori da dietro il massiccio bancone invitandoli a prendere posto. Io sedevo sola a un tavolino, in attesa, quando il tintinnio della minuscola campanella d'ottone sopra la porta -così minuta da sembrare una decorazione degli alberi di Natale- mi fece voltare a osservare chi era appena entrato: ecco @AJDaisy , con i capelli lunghi raccolti in una coda, che ci salutava e prendeva posto, seguito a ruota da @Ossitocina , vestita di un abito nero e svasato e dai lunghissimi capelli color miele che le scendevano fino alla vita, il viso arrossato dal freddo e sorridente. Si sedettero insieme a un tavolino poco distante, mentre @WBorg estraeva da dietro il bancone la sua fisarmonica e iniziava a suonare Les feuilles mortes, con una voce che assomigliava stranamente a quella di Jacques Brel. Mentre ero concentrata sulla melodia, a poco a poco il locale si riempì: arrivò @amigdala , con una treccia e vestita come una principessa delle fiabe -aveva qualcosa di Elsa di Frozen-, con minuscole scarpine da Trilly, e @Marcof che sembrava appena uscito da una macchina del tempo e si trascinava una borsa di cuoio stracolma di tomi polverosi.
    Mano a mano che gli altri utenti prendevano posto e @WBorg passava a cantare canzoni di Aznavour, il mio sguardo restava incantato dai fili di fumo delle teiere, che si univano e danzavano lenti sopra le nostre teste. Finché la porta si aprì un'ultima volta, facendo entrare una folata gelida e profumo di pioggia, e comparve @camelia con un cappotto doppiopetto dai bottoni dorati, su cui ricadevano lunghi boccoli rosso hennè. Portava sotto braccio dei quaderni dalla copertina rigida, e si sedette davanti a me, sorrise e ci versò il tè.
    cameliaMarcofamigdalaSoleOssitocinaAJDaisyWBorglollina
    Post edited by Amelie on
  • marco3882marco3882 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 443
    Due notti fa ho fatto un sogno di cui ricordavo un particolarè.
    Compravo un gratta e vinci (mai comprati in vita mia) e già facevo fatica a capire come si scopriva a vedere se avevo vinto.
    Dopo aver capito che dovevo confrontare due stringhe di numeri se coincidevano avevo vinto.
    Mo sono messo a leggere questo numero di circa 12 cifre e confrontandolo con quello di raffronto. Uno dopo l altro leggevo i numeri ed erano uguali. Sono arrivato all ultimo all ultima cifra e purtroppo erano diverse quindi per un unico numero avevo perso.
    Quello che mi ha stupito che io leggevo ogni numero, lo memorizzavo e poi andavo a leggere l altro e vedevo che combaciavano. Era proprio una lettura come se fossi sveglio
    SolelollinaValenta
  • wolfgangwolfgang SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 10,178
    Ieri notte per la prima volta ho fatto un sogno al cubo. Ho sognato di sognare di sognare di sognare. Quando finalmente mi sono svegliato ho impiegato buoni 5 minuti per capire che ero finalmente sveglio... e poi mi sono rimesso a dormire. Per essere sicuro ho cambiato letto, così a meno di non aver camminato nel sonno ero certo di non aver sognato quel risveglio.
    WBorglollinaValentaAmelieLandauerNemo
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • AmelieAmelie Pilastro
    Pubblicazioni: 3,712
    Stanotte ho sognato che io, @Sole e @amigdala accompagnavamo @Ullastro in un enorme negozio per scegliere i suoi occhiali. Il negozio era un locale assurdamente ampio, con una vetrata da cui entrava la luce del pomeriggio che si rifletteva sul parquet chiaro; le pareti erano interamente occupate da espositori bianchi con i più svariati modelli, e nello spazio vuoto al centro, grande come un cortiletto, si riversavano i raggi di sole da un lucernario rettangolare, esattamente al centro del soffitto. Mentre @Ullastro iniziava a provare i primi modelli, venivamo distratti da @AJDaisy che si materializzava nello spiazzo centrale a bordo di un trabiccolo a pedali, salutandoci entusiasta. Il suo singolare mezzo di trasporto sembrava un ibrido tra una bici e un carrettino da gelataio, con le sue large righe bianche e azzurre, le grosse ruote bianche e la struttura metallica a cui era agganciato una specie di carrettino, ornato con decori intagliati nel legno laccato di bianco. @Ullastro si arrabbiò intimando ad @AJDaisy di non farci perdere tempo, perché era di vitale importanza trovare gli occhiali più adatti prima dell'ora di chiusura, ma @AJDaisy scosse la testa estraendo un telecomando dotato di antennine e accendendo una enorme tv che, per qualche ignota ragione, nessuno di noi aveva notato fino ad allora. Sullo schermo comparve ad altissima risoluzione @Landauer , in camice bianco inamidato, i capelli con la scriminatura e i baffi perfettamente arricciati, che con espressione solenne poneva una domanda ai partecipanti al suo quiz televisivo.
    LandauerSoleAJDaisyWBorgamigdalaUllastroNemoOssitocina
  • AJDaisyAJDaisy Pilastro
    Pubblicazioni: 6,542
    Amelie ha detto:

    Stanotte ho sognato che io, @Sole e @amigdala accompagnavamo @Ullastro in un enorme negozio per scegliere i suoi occhiali. Il negozio era un locale assurdamente ampio, con una vetrata da cui entrava la luce del pomeriggio che si rifletteva sul parquet chiaro; le pareti erano interamente occupate da espositori bianchi con i più svariati modelli, e nello spazio vuoto al centro, grande come un cortiletto, si riversavano i raggi di sole da un lucernario rettangolare, esattamente al centro del soffitto. Mentre @Ullastro iniziava a provare i primi modelli, venivamo distratti da @AJDaisy che si materializzava nello spiazzo centrale a bordo di un trabiccolo a pedali, salutandoci entusiasta. Il suo singolare mezzo di trasporto sembrava un ibrido tra una bici e un carrettino da gelataio, con le sue large righe bianche e azzurre, le grosse ruote bianche e la struttura metallica a cui era agganciato una specie di carrettino, ornato con decori intagliati nel legno laccato di bianco. @Ullastro si arrabbiò intimando ad @AJDaisy di non farci perdere tempo, perché era di vitale importanza trovare gli occhiali più adatti prima dell'ora di chiusura, ma @AJDaisy scosse la testa estraendo un telecomando dotato di antennine e accendendo una enorme tv che, per qualche ignota ragione, nessuno di noi aveva notato fino ad allora. Sullo schermo comparve ad altissima risoluzione @Landauer , in camice bianco inamidato, i capelli con la scriminatura e i baffi perfettamente arricciati, che con espressione solenne poneva una domanda ai partecipanti al suo quiz televisivo.

    Volevo mettere il "non capisco" con un senso di "'da fuck?!"
    AmelieLandauerOssitocina
  • WBorgWBorg SymbolPilastro
    Pubblicazioni: 2,819
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586