Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

paure

ciao a tutti e ben ritrovati, che tipo di paure avete voi? il mio fidanzato aspie per esempio ha paura a fare cose che non ha mai fatto, per esempio se si deve andare in auto in un posto in cui non c'è mai stato cerca di trovare soluzioni alternative (mezzi pubblici), quello che sto facendo io per aiutarlo è in questi casi di andare con la mia auto in modo che possa vedere la strada.

l'altra paura è di incontrare persone che non conosce, se esce da casa mia e sente qualche mio vicino sulle scale aspetta prima che se ne siano andati.

noto anche che lo mette in agitazione frequentare posti che frequento abitualmente io (bar o negozi in generale), credo per il fatto che loro conoscano bene me.

quando è particolarmente agitato in queste situazioni inizia a canticchiare, è da questo che capisco che non è a suo agio.

come posso aiutarlo io? devo spingerlo ad affrontare le sue paure oppure affrontare le situazioni assieme è meglio?

grazie

Post edited by yugen on

Commenti

  • Andato_SimAndato_Sim Andato
    Pubblicazioni: 2,046
    Temo infinitamente le incomprensioni. Perché poi spiegarsi costa molto tempo, molto sforzo, ed è molto difficile, ciò.
    Spesso ho cose in mente e non mi viene in mente che gli altri possano non averle chiare come lo sono per me, o possano non intuirle.
    E faccio delle gaffes incredibili. Ed è un disastro, poi.
    Ciao. Grazie. Simone
    Tutto ciò IO penso (e scrivo).
  • fattore_afattore_a Colonna
    modificato April 2014 Pubblicazioni: 2,181
    Anche io (che non ho avuto alcun parere medico se non un personale sospetto di neurodiversità) ho paura a muovermi con la macchina per andare in posti nuovi.

    Da bambino, anche andare a piedi e in bici: dovevo sempre farmi accompagnare tanto che i miei compagni alle elementari mi prendevano in giro perchè mi portavano in auto quando loro arrivavano a piedi.

    Santo cielo, se ci penso... poi il giorno prima degli esami di 3ª media è dovuta andare mia madre a comprare il biglietto della corriera dal tabaccaio perchè io non ci sarei mai andato. Era il 17/06/1992 (ho controllato la data, è giusta).
    Ancora adesso, andare a piedi per le strade del paesino dove vivo mi mette a disagio; dall'ottobre 1989 non vado dal panettiere.

    Al contrario, mi è capitato di viaggiare da solo e con aerei, treni e metro mi muovo bene (tranne con i bus).

    Ho "paura" se devo chiedere un'indicazione per strada. Non entro in un bar o ristorante per mangiare se sono da solo. Non voglio ricevere visite a casa e chi mi conosce da quasi 20 anni non sa neanche dove abito.
    Nonostante ogni tanto cada su qualche parola e mi venga da balbettare, non mi sono mai tirato indietro nel parlare al pubblico; vicevera, al telefono mi agito tanto.
    Quando vado a portar fuori l'immondizia mi sento gli occhi addosso e non mi fermo mai in giardino.
    La spiaggia, non ci vado dall'agosto 1997 e mi ci portavano di peso quando andavo a trovare mia nonna al mare (dall'altra parte dell'Italia).

    Ho scritto troppo, infatti c'erano troppi errori.
    Post edited by fattore_a on
  • Lycium_bLycium_b Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,868
    @aissela le paure che ha il tuo ragazzo le ho anche io. Fai bene ad aiutarlo per il discorso delle strade, mentre per quello degli estranei c'è poco da fare poichè è un tratto distintivo della sindrome. Cerca di tranquillizzarlo spiegandogli che queste persone sono innocue.
  • DoorDoor Colonna
    Pubblicazioni: 642
    Ho una fottuta paura delle persone.
    Il mio sistema limbico è crashato.
  • bloody81udbloody81ud Veterano
    modificato April 2014 Pubblicazioni: 465
    Per la macchina è risolvibile, semplicemente se hai a tua volta la patente (se no falla, e spero con esiti migliori dei miei) guida tu così potrà apprendere il percorso e la seconda volta non avrà problemi a muoversi.

    La mia più grande paura è quello di restare chiuso in un posto contro la mia volontà, sono decisamente claustrofobico oltre a soffrire d'attacchi improvvisi di panico che mi portano non tanto a scappare quanto a reagire in maniera imprevedibile.
    20 anni fa frequentavo un gruppo di ragazzini, miei vicini di casa, più piccoli di me di circa 2 anni. Un giorno pensammo bene di fare una prova di coraggio che consisteva nel rimanere chiusi un tot tempo (cronometrando) al buio nel garage di questo Luca, dopo un tempo che mi sembrava congruo iniziai a battere sulla porta scorrevole per farmi aprire, mi sentii rispondere: "Marco non si apre", mi incazzai dicendo: "Basta con sti scherzi idioti aprite", ma con tono costernato mi sentii rispondere: "Non è uno scherzo non si apre veramente". Iniziai prima a gridare, poi a piangere, poi ancora a tirare calci e pugni a destra e a manca; richiamati dal frastuono i genitori di questo Luca riuscirono a sbloccare loro la porta, inutile dire che trovarono metà degli oggetti del garage disfatti o sottosopra.

    Questa paura in parte ce l'ho ancora, ma è di gran lunga migliorata grazie ad una mia ex (la ragazza con la tourette della quale accennai nel post di San Valentino) , dopo che ne parlai con lei, mi costrinse nel periodo in cui vivevamo in affitto a Udine a far sesso più volte con lei all'interno dell'armadio chiuso della nostra camera da letto. Ora tutto sommato ho ricordi claustrofobici pure belli.

    Mandi mandi.
    Post edited by bloody81ud on
  • yugenyugen Mastro Libraio
    Pubblicazioni: 1,888
    @bloody la tua ex e' un genio!! =D>
  • fattore_afattore_a Colonna
    Pubblicazioni: 2,181
    A me, che ho alle spalle più di 200.000 km, non basta una volta per imparare un percorso: se entro in una rotonda da una parte diversa da come sono solito fare perdo l'orientamento. Mi è capitato anche lo scorso 16 aprile.
    Con un amico un'estate andavamo ogni sabato in zona costiera e non c'è stato verso di imparare la strada: "siamo venuti tante volte e ancora non hai imparato la strada" mi diceva. Guidavo sempre io perchè tutti sanno che non bevo alcolici.
  • bloody81udbloody81ud Veterano
    Pubblicazioni: 465
    kokorozashi ha scritto: @bloody la tua ex e' un genio!!

    Sì della perversione come il sottoscritto :D
    Scherzi a parte a lei devo molto quello è vero, fino a 5 anni fa ero molto meno maturo di adesso, questo lo ammetto.

  • AnamAnam Membro
    modificato April 2014 Pubblicazioni: 136
    La mia piu' grande paura e' che gli altri mi prendano per una antipatica che sta sulle sue e mi taglino fuori... cosa puntualmente successa!!! io sono sempre cordiale e gentile, solo non so come comportarmi con i coetanei che non conosco (dal vivo). Nessun problema sociale con gli anziani, anzi sto molto volentieri con loro e cerco di adeguarmi al loro eventuale deficit conversazionale se sfiorano i 90 anni e perdono colpi (poverini).

    Il pettegolezzo e il giudizio piu' che farmi paura mi danno fastidio.

    Buon Tutto...
    Shanti.
    Post edited by Anam on
    Om Shanti Shanti Shanti
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online