Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Avete mai paura di avere paura?

DoorDoor Colonna
modificato January 2015 in Mi sento giù
Vi capita di sentirvi bloccati, di perdere la voglia di fare qualcosa perché non volete riprovare la sensazione di crampi allo stomaco e panico che l'agire potrebbe portare?
A me capita spesso.
Come fare a superare l'ostacolo?
Post edited by yugen on
Il mio sistema limbico è crashato.
Taggata:
«13

Commenti

  • Andato_SimAndato_Sim Andato
    Pubblicazioni: 2,046
    Accidenti.
    Io ci sono luoghi dove ho deciso, nel tempo, che io non andrò MAI più perché l'esperienza è stata tremenda.
    L'ultimo, la scorsa settimana, un magazzino sportivo che aveva l'aria condizionata accesa e che mi ha causato malessere con il suono e le luci e mi ha fatto stare male nel parcheggio. Io ho una lista di luoghi "da evitare" (luoghi pericolosi).
    E io ho capito che anche se dovessero cambiare le condizioni, io non so se andrei, comunque, perché ogni volta, ogni volta mi viene in mente ciò che ho provato e mi torna l'acido in bocca e mi irrigidisco al pensiero, e quindi io non ci torno. Io cerco di dimenticare, ma fatico a fare ciò, ci vuole moltissimo tempo, moltissimo moltissimo tempo.
    Io ho letto un articolo qui che parla della paura nell'autismo, e penso sia giusto ciò che dice, che negli individui nello spettro autistico spesso la paura dura molto di più e richiede molto, molto più tempo per essere cancellata. Io ho provato con alcuni luoghi, ad avvicinarmi piano piano, per poco, ma per adesso io non ci torno.
    Non so se intendevi ciò.
    Ciao. Grazie. Simone
    Tutto ciò IO penso (e scrivo).
  • AleenaAleena Colonna
    modificato May 2014 Pubblicazioni: 1,050
    "Un giorno la paura bussò alla porta, il coraggio andò ad aprire e non trovò nessuno" Goethe

    Io mi ripeto questa frase e funziona... la maggior parte delle volte affrontando una cosa ci si accorge che era più semplice di quanto ci si aspettasse e che si aveva paura per niente.

    Fare piccoli passi per uscire dalla propria zona di comfort aiuta a prendere confidenza con le sensazioni spiacevoli che fanno paura e un po' alla volta queste perdono intensità e ci si può spingere sempre un po' oltre.
    Wanda
    Post edited by Aleena on
    I exist as I am, that is enough,
    If no other in the world be aware I sit content,
    And if each and all be aware I sit content.

    ---Walt Whitman
  • fattore_afattore_a Colonna
    Pubblicazioni: 2,175
    Ad esempio, prima di andare a fare un giro in bici, come oggi. Il km più duro è quello che va da casa mia alla fine del paese e la paura/fastidio che gli altri mi vedano e commentino sul fatto che vado in bici: va piano, è ingrassato, è dimagrito, non si vede mai in giro, non saluta ecc.
    A volte rinuncio e rimango a casa; il più delle volte, per quel km mi ripeto mentalmente quello che mi ha detto un amico, cioè che "la gente deve farsi i c... propri".

    Da bambino non andavo mai a piedi da solo; quella volta che la mestra ci ha diviso in coppie per fare una ricerca a casa, mia madre ha chiesto all'altro bambino, che a 8 anni già beveva la birra dal frigo, di accompagnarmi fino a casa perchè da solo non sarei tornato. Mi ha portato con la bici, in 2 sulla bici quella col sellino lungo allora di moda, e a metà strada tutti i fogli sono volati via. Ancora adesso ho paura/fastidio di attraversare il paese specie a piedi.

    Per me ogni rinuncia è una conquista.
  • AleenaAleena Colonna
    Pubblicazioni: 1,050
     Per me ogni rinuncia è una conquista.
    In che senso?
    I exist as I am, that is enough,
    If no other in the world be aware I sit content,
    And if each and all be aware I sit content.

    ---Walt Whitman
  • Andato_SimAndato_Sim Andato
    Pubblicazioni: 2,046
    la maggior parte delle volte affrontando una cosa ci si accorge che era più semplice di quanto ci si aspettasse e che si aveva paura per niente. 

    MA alcune volte però io sto proprio male dall'ansia e dalla paura, e non sono più in me, sai, e scappo, e devo, devo scappare.
    Ed è una sensazione che io vorrei sapere spiegare bene, ma non lo so fare, purtroppo, fino in fondo.
    Ciao. Grazie. Simone
    Tutto ciò IO penso (e scrivo).
  • fattore_afattore_a Colonna
    modificato May 2014 Pubblicazioni: 2,175
    @Aleena volevo dire che...

    Se posso vivere bene anche senza dover fare o avere una cosa che non voglio, per me è un successo.

    Mi rendo conto che negli ultimi 13 mesi sto rinunciando a troppe cose; doveva essere temporaneo ma, invece, non ne vengo fuori.
    Post edited by fattore_a on
  • AleenaAleena Colonna
    modificato May 2014 Pubblicazioni: 1,050
    @fattore_a
    Capisco, perché un aspie a un certo punto della sua vita deve imparare anche a fare questo, a pensare al proprio benessere e a non sentirsi in obbligo di fare tutte le cose che gli è stato insegnato si devono fare anche se queste lo fanno stare male... l'importante è non eccedere poi nel senso opposto, per non ritrovarsi immobilizzati dalla paura e incapaci di sopportare anche il più piccolo senso di disagio.

    Per farsi gli anticorpi bisogna esporsi ai germi e per me funziona un po' allo stesso modo con le emozioni negative... esporsi a piccole dosi per diventarne immuni, o per lo meno per saperle gestire quando arrivano con più forza.
    Post edited by Aleena on
    I exist as I am, that is enough,
    If no other in the world be aware I sit content,
    And if each and all be aware I sit content.

    ---Walt Whitman
  • fattore_afattore_a Colonna
    modificato May 2014 Pubblicazioni: 2,175
    Credo sia giusto ciò che scrivi, @Aleena.
    Nel mio caso, premesso che non ho alcun parere medico sul mio essere o no Aspie, nel tempo ho fatto di tutto per ripianare le differenze con gli altri: perdere peso, parlare in modo interessante, vestirsi con gusto; all'università per i primi 2 anni non conoscevo nessuno, poi in un anno sono diventato rappresente degli studenti per l'intero ateneo (mi occupavo di diritto allo studio) creando una lista non politica e coinvolgendo una ventina di persone, finendo anche sulle prime pagine dei quotidiani locali per le battaglie contro gli amministratori regionali. Anche andare in bici è stata una conquista.
    Post edited by fattore_a on
  • AleenaAleena Colonna
    Pubblicazioni: 1,050
    @fattore_a
    Posso chiedere cosa ti ha portato all'involuzione degli ultimi 13 mesi?
    I exist as I am, that is enough,
    If no other in the world be aware I sit content,
    And if each and all be aware I sit content.

    ---Walt Whitman
  • fattore_afattore_a Colonna
    Pubblicazioni: 2,175
    @Aleena se solo lo sapessi di preciso... A non aiutarmi, situazioni lavorative e familiari che, nell'insieme, è come se sentissi marcire le radici sotto i pedi e crollare tutto. È l'armonia delle cose che non c'è più. Si tratta proprio di una involuzione, la chiamo analfabetismo di ritorno.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online