Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Cognitive affective training kit. Terapia Cognitivo Comportamentale.

wolfgangwolfgang SymbolModeratore
modificato January 2012 in Educazione, insegnamento, terapia

COGNITIVE AFFECTIVE TRAINING kit.

Programma di intervento CBT per la percezione, il riconoscimento, la gestione delle emozioni e l´insegnamento delle abilità sociali.

di Davide Moscone


articolo pubblicato su RAPPORTI ISTISAN 11/33 pp.89-102



image




La CBT (Terapia Cognitivo-Comportamentale) è tra le terapie evidence based per la Sindrome di Asperger e l´Autismo ad Alto Funzionamento. Nel presente articolo si presentano i punti salienti della terapia ed il "pacchetto" CAT-Kit sviluppato dal Dr. Tony Attwood.


Introduzione


Le persone appartenenti alla parte alta dello spettro autistico, quelle che stando agli attuali manuali diagnostici internazionali definiamo con il termine Sindrome di Asperger (SA) oppure “Aspie”, come si definisce Liane Holliday Willey nel suo libro Pretending to be normal, impongono a noi “neurotipici” un profondo ripensamento del nostro modo di essere. Data la loro peculiare modalità cognitiva caratterizzata da una coerenza centrale debole e da cecità mentale , hanno un basso quoziente di empatia e tendono a soffermarsi, anche in situazioni sociali, su dettagli percettivi per noi insignificanti, ma che per caratteristiche intrinseche al loro sistema nervoso appaiono invece assai gratificanti sensorialmente o interessanti cognitivamente. Tutto ciò è fonte di grande incomprensione da ambo le parti, ma soprattutto di forte frustrazione che si manifesta in ansia, rabbia e depressione. Questi vissuti spesso confinano gli individui con SA e i loro famigliari in una solitudine assai dolorosa.


Per venire incontro a queste persone si rende necessario un cambiamento del nostro modo di comunicare e di utilizzare il linguaggio, ricco di incongruenze, sottintesi e di messaggi non verbali quindi astratti e “invisibili” che deve essere adattato ad uno stile cognitivo “iperrealista” che comprende solo ciò che “vede”. Sarebbe anche necessario, ma non è argomento del presente contributo, ripensare al nostro modo di intendere le relazioni sociali ed affettive che generalmente sono incentrate sulla condivisione di emozioni, pensieri e progetti futuri, ma che potrebbero anche basarsi sulla condivisione di un interesse meramente cognitivo. Scrive in proposito Temple Grandin, donna autistica ad alto funzionamento e professoressa alla Colorado State University:

I miei amici non autistici mi dicono che le relazioni con gli altri sono la cosa più importante della vita per la maggior parte delle persone, mentre io mi affeziono molto ai miei progetti e ad alcuni luoghi.







Continua a leggere l'articolo su SpazioAsperger.it >>
Post edited by wolfgang on
Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.

Commenti

  • Andata2Andata2 Membro
    Pubblicazioni: 935
    Perdono se non leggo tutto l'articolo che è molto lungo e magari contiene già la risposta alla mia domanda: in un adulto Asperger ha senso una terapia cognitivo comportamentale?

  • TsukimiTsukimi Senatore
    Pubblicazioni: 3,827
    Se ha credenze disfunzionali sì.
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • wolfgangwolfgang SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 10,212
    Si ha senso, ovviamente non si fa con strumenti "da bambino".
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • Andata2Andata2 Membro
    Pubblicazioni: 935
    Ma un asperger si rende conto di averne bisogno?
    Perché se è solo per accontentare chi gli sta intorno, non avrebbe senso comunque.


  • TsukimiTsukimi Senatore
    Pubblicazioni: 3,827
    Se uno ha problemi di ansia, per fare un esempio comune, è facile voglia stare meglio di per sé.
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • wolfgangwolfgang SymbolModeratore
    modificato January 2012 Pubblicazioni: 10,212
    Ma un asperger si rende conto di averne bisogno?
    Perché se è solo per accontentare chi gli sta intorno, non avrebbe senso comunque.


    Da quanto posso notare in giro direi alcuni si e altri no. Ci sono anche tecniche particolari che si possono mettere in atto per aumentare la compliance dei pazienti, ma ovviamente non si può lavorare contro le scelte del paziente.
    Comunque non tutte le persone si rendono conto di dover essere aiutate, neanche tra i non asperger, anzi, direi che chi se ne rende conto è una minoranza in generale.

    Personalmente ho sempre pensato che cose come CBT e simili andrebbero insegnate ai ragazzi a scuola, insieme a tante altre cose.
    Post edited by wolfgang on
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • davidemosconedavidemoscone SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 474
    Ma un asperger si rende conto di averne bisogno?
    Perché se è solo per accontentare chi gli sta intorno, non avrebbe senso comunque.




    Da quanto posso notare in giro direi alcuni si e altri no. Ci sono anche tecniche particolari che si possono mettere in atto per aumentare la
    compliance dei pazienti, ma ovviamente non si può lavorare contro le scelte del paziente.
    Comunque non tutte le persone si rendono conto di dover essere aiutate, neanche tra i non asperger, anzi, direi che chi se ne rende conto è una minoranza in generale.

    Personalmente ho sempre pensato che cose come CBT e simili andrebbero insegnate ai ragazzi a scuola, insieme a tante altre cose.
    Concordo in pieno sull'opportunità e sull'efficacia di una pedagogia speciale ispirata alla CBT, come l'educazione razionale emotiva che piuttosto che correggere un comportamento problematico, tende a insegnare un modo di pensare realistico e "razionale", ovvero una buona funzionalità cognitiva, emotiva e razionale. Detto altrimenti si insegna ai bambini a sapere tenere conto dei propri bisogni e delle proprie emozioni, ma anche di quelle degli altri. Questo stile personale con l'aggiunta di altre specifiche viene generalmente definito con il termine di assertività.
    Un'esperienza nota dove sono stati applicati i principi dell'educazione razionale emotiva è la scuola Living School di New York, dove accanto alle materie tradizionali, venivano insegnate strategie cognitive e comportamentali per imparare ad affrontare problemi emotivi.
  • mammadialemammadiale Membro
    Pubblicazioni: 14

    SCUSATE MA IL KIT IN ITALIA E' DISTRIBUITO DALLA FAVELLANA?

    E' GIA' IN COMMERCIO?

     

  • davidemosconedavidemoscone SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 474
    Ciao @mammadiale,
    la versione italiana del CAT-kit sarà disponibile tra novembre e dicembre 2012, distribuita da La Faveliana, con i primi corsi all'utilizzo a Roma e Milano. Appena saranno definite le date dei corsi, verranno pubblicate su www.cat-kit.it e www.logopedia.com.

    Saluti
    Davide
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586