Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Sono facile alla polemica

Sia nella vita che, ahimè, qui sul forum (colgo l'occasione per chiedere scusa a quelli che ho tartassato di post) sono incline alla polemica. Non mi è facile accettare che qualcuno abbia un'idea diversa dalla mia.
Succede più spesso quando sono effettivamente ferrato sull'argomento, ma a volte anche senza avere titoli per dire che "io ho ragione e tu no".
Non fa bene a me che mi innervosisco, non fa bene a chi incontro per strada che non aveva voglia di sentire le mie lunghissime dimostrazioni. I più furbi mi dribblano dandomi ragione (facendomi arrabbiare ancora di più, perché me ne accorgo).
Vi capita? Oppure preferite lasciar perdere, non esporvi allo scontro ideologico?
Vi esasperano il qualunquismo e la faciloneria quando si traducono in luoghi comuni sui vostri interessi speciali?
Post edited by yugen on
«13

Commenti

  • fattore_afattore_a Colonna
    modificato September 2014 Pubblicazioni: 2,180
    Ci sono cose di cui la gente mi parla anche con conoscenze approfondite ma a me non interessano proprio; allora, anche se accenno a un'opinione diversa e loro ribattono, do loro ragione sbrigativamente: loro parlano, continuano e io sono con la testa altrove.

    Al contrario, se qualcuno mi fa un'osservazione e io sono convinto di aver ragione, insisto e anche a distanza di anni posso tornare sull'argomento.

    Da studente, ho scatenato polemiche da finire sui giornali locali, che conservo ancora.

    @Peregrino le polemiche le fai allo stesso modo nei luoghi pubblici e nei luoghi più riservati?
    Post edited by fattore_a on
  • AleenaAleena Colonna
    Pubblicazioni: 1,050
    Non trovo alcuna utilità nella polemica e cerco di non farmici trascinare, anche se a volte purtroppo cedo. Non mi piace chi non accetta le idee altrui e vuole ad ogni costo convincere che la sua idea è migliore (nemmeno se lo è per davvero).
    Senza accettazione a priori della legittimità del punto di vista altrui per me non può esserci confronto costruttivo. Solo scontro improduttivo.
    Penso che le persone, quando non vogliono ascoltare o si rifiutano di capire, non si stanno opponendo alle idee altrui (che possono essere ottime anche se contrarie), ma si stanno opponendo alla volontà altrui di imporre il proprio pensiero come migliore.
    Rinunciando a questa pretesa di imposizione, l'ascoltatore sarà più ben disposto all'ascolto, all'accogliere nuove idee e anche all'eventuale cambio di parere.
    I exist as I am, that is enough,
    If no other in the world be aware I sit content,
    And if each and all be aware I sit content.

    ---Walt Whitman
  • PeregrinoPeregrino Andato
    modificato September 2014 Pubblicazioni: 779
    @Peregrino le polemiche le fai allo stesso modo nei luoghi pubblici e nei luoghi più riservati?
    Dovunque. Negli anni del liceo stuzzicavo il mio compagno di banco sull'evoluzionismo, su cui non andavamo d'accordo, e lui era pronto alla polemica quanto me all'inizio, ma io scaldavo i toni fino a gridare per strada (a quel punto lui ha cominciato a sottrarsi). Ora si tira fuori la questione così per sport, una o due volte l'anno via mail, quasi per scherzo. Quando ci vediamo dal vivo in genere siamo sostanzialmente d'accordo su tutto.
    Ormai da qualche anno ho imparato a trattenermi, salvo occasioni in cui mi devo un po' sfogare e un malcapitato a caso dovrà sorbirsi le mie domande (e poi anche le 'correzioni') sull'attualità mondiale.
    Però le polemiche che ho smesso di fare dal vivo si svolgono nella mia mente, e mi innervosisco per il fatto di non poter dire la mia al bersaglio di turno (un professore che sa solo ripetere ciò che ha letto nei libri altrui senza capirlo, un promotore di nuove diete prive di costrutto scientifico, un italiano all'estero che ripete con un sorriso idiota pregiudizi sulle donne dell'est europa...)
    Da studente, ho scatenato polemiche da finire sui giornali locali, che conservo ancora
    Ti faccio i miei complimenti, partecipare alla vita della propria città è paradossalmente più impegnativo che riempirsi la bocca con scontri planetari fra civiltà (non che uno escluda l'altro)
    Post edited by Peregrino on
  • kachinakachina Andato
    modificato September 2014 Pubblicazioni: 560
    @Peregrino, il tuo metterti in discussione su questo punto è segno di reale auto-analisi. per qs sei encomiabile.

    io non sono una persona polemica. (lo dichiaro a rischio e pericolo di smentirmi da sola)
    ma una volta ho cacciato un uomo da casa mia xè diceva stupidaggini sulla relatività.
    quindi ?
    Forse noi aspie tendiamo ad eccedere nell'identificazione della nsa persona con le nse opinioni (percepite come verità assolute, ma qs vale per quasi tutta l'umanità), e i nostri abiti mentali (bisogni vulcaniani di logica che intervengono anche quando non siamo così preparati su un tema) ?

    se io casco nel polemos (guerra), vien fuori che poi noi nel conflitto sono un "paperino inca---ato", e ne patisco a 360 gradi, forse anche 720.
    poi ci sono i fortunati tra noi che han la stoffa da battaglieri. io  non c'ho più il fisico.

    complimenti per un altro thread interessante.

    Post edited by kachina on
    Let us try to teach generosity and altruism, because we are born selfish.             -Richard Dawkins
  • giovannagiovanna Colonna
    Pubblicazioni: 3,900
    A volte e'meglio fare un po'd'opposizione.
    ci sono persone fortunate che vengono sempre assecondate anche quando sparano delle cose allucinanti e tutti per educazione dicono di si hai ragione te.
    queste persone alla lunga al primo che trovano che non e'disponibile e risponde, urlano strepitano aggrediscono piangono e scappano.
    un po'di polemos per tanti e'curativo,parlo di certi tipi soprattutto donne vecchie e viziate e cattive che conosco:)
    Sono quella che ha creduto sempre che fosse la chioma di un albero al tramonto e invece era un orso
  • giovannagiovanna Colonna
    Pubblicazioni: 3,900
    La gente si deve allenare ai punti di vista altrui.
    Sono quella che ha creduto sempre che fosse la chioma di un albero al tramonto e invece era un orso
  • vanessavanessa Colonna
    Pubblicazioni: 1,163
    Quando ero giovane ero molto più polemista di adesso, ora sono disillusa li lascio cuocere nel loro brodo tanto pretendere di discutere con gente che è convinta che il sale è dolce non porta a nulla. Le polemiche accademiche mi divertono di più ma solo se l'argomento di cui si parla lo conosco bene
  • giovannagiovanna Colonna
    Pubblicazioni: 3,900
    A volte ci sono le strategie utili.
    se ti vengono a dire che il sale e'dolce e ti inseguono per ribadirtelo:)) cercano sicuramente lo scontro e allora se glielo concedi sono contente,se non glielo concedi vanno via imbelvite e colpiscono su altri fronti anche per vie traverse:))
    Dunque la migliore e'conoscere tutti sti giochi,ma logorano

    Ma dirgli una buona volta la verita'nuda e cruda?:) che non e'polemos?
    Sono quella che ha creduto sempre che fosse la chioma di un albero al tramonto e invece era un orso
  • vanessavanessa Colonna
    Pubblicazioni: 1,163
    Ma io penso che, al di là delle polemiche ideologiche e degli scontri di opinione, quando si tratta di persone che affermano assurdità la verità la sappiano da soli ma che cerchino lo scontro per prendersi la ragione che non hanno. Oppure prendono il silenzio come assenso.
  • giovannagiovanna Colonna
    Pubblicazioni: 3,900
    Molto vero in piu direi che l'obiettivo e'prendersi il ruolo di martire e vittima che li rende vittoriosi perche si sono presi un liscibus.:)
    Chi e'vittima ha sempre ragione e in piu'e'Santo:)
    Sono quella che ha creduto sempre che fosse la chioma di un albero al tramonto e invece era un orso
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online