Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Passione per l'informatica e rapporti con gli altri.

AriaAria Neofita
modificato January 2015 in Informatica e videogames
Io ho una grande passione per l'informatica, la mia casa è piena di riviste sui computer, il funzionamento del computer mi ha sempre affascinato e continuo a documentarmi sul tema. Il problema con gli altri, però, scaturisce proprio da questa passione: quando conosco una persona o anche con i miei (pochi) amici sento sempre il bisogno di parlare di computer, di mostrare loro i nuovi aggiornamenti sul tema, gli altri mi ascoltano ma poi si stancano, e si annoiano, ma non comprendono il fatto che io voglio trasmettere a loro il mio entusiasmo. Ecco, avete qualche consiglio da darmi per evitare che io finisca sempre per parlare dell'argomento con gli altri?
 
Post edited by yugen on
«1

Commenti

  • greekpigreekpi Veterano Pro
    Pubblicazioni: 890
    Stesso problema, a 8 anni ho iniziato a programmare in Java ed i computer mi hanno sempre affascinato, fin da piccolissimo. La prima volta che vidi un programmatore fu a 7 anni con mio cugino allora diciottenne... (l'ho poi battuto a 12 in una competition di programmatori :) ). Adesso ho 15 anni, e sono rispettato per le mie competenze nell'ambito. Ad ogni modo ciò annoia abbastanza coloro con cui parlo. Ho un continuo forte impulso ad imparare cose nuove di informatica, ho addirittura passato estati a leggere libri su libri della biblioteca, cercandoli con la generica parola chiave "programmazione". Soluzione, parlane con me :)

    Chiunque è un genio, ma se tu giudichi un pesce per la
    sua abilità di salire su un albero vivrà eternamente con la sensazione
    di essere uno stupido. – Albert Einstein

  • TsukimiTsukimi Senatore
    Pubblicazioni: 3,827
    A questi tuoi amici l'informatica non interessa proprio o solo interessa meno che a te?
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • VinciVinci Membro Pro
    Pubblicazioni: 142
    Cerca gente a cui piace parlare dei tuoi interessi. Anche io sono uno di quei nerd smanettoni che parla unicamente di informatica, tecnologia e videogiochi. Conosco le basi del linguaggio c/c++ e diciamo che ho iniziato il java. Purtroppo ho difficoltà ha studiare e mi distraggo spesso e di conseguenza ho perso diversi anni per dedicarmi alla programmazione. Mi sono pure ritirato dall'università, ho frequentato il primo anno di ingegneria elettronica.
  • FrancescoFrancesco Veterano Pro
    Pubblicazioni: 966
    Secondo me parlare di informatica è come parlare di calcio o religione, tutti abbracciano la propria fede e si finisce su questioni di principio da cui nessuno si smuove.
    Ve lo dice uno che fa questo mestiere da più di trent'anni ormai ...
    :(
    Non vorrei mai far parte di un club che accettasse tra i suoi soci uno come me. (G. Marx)
  • PhoebePhoebe SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 2,063
    Anche io sono programmatrice e ho sempre avuto lo stesso problema. Il mio consiglio è di circondarti di persone che hanno gli stessi interessi. Ad esempio, i colleghi di lavoro (altri programmatori).
    Ero solita pensare di essere la persona più strana del mondo ma poi ho pensato, ci sono così tante persone nel mondo, ci dev'essere qualcuna proprio come me, che si sente bizzarra e difettosa nello stesso modo in cui mi sento io. Vorrei immaginarla, e immaginare che lei debba essere là fuori e che anche lei stia pensando a me. Beh, spero che, se tu sei lì fuori e dovessi leggere ciò, tu sappia che sì, è vero, sono qui e sono strana proprio come te.

    Frida
  • FrancescoFrancesco Veterano Pro
    modificato October 2014 Pubblicazioni: 966
    Non so se conoscete il parallelo tra prostitute e programmatori...
    Io mi ci trovo ...


    L' Analista / Programmatore è come una prostituta
    Caro Analista / Programmatore

    Lavori a degli orari bizzarri....                              - Come le prostitute
    Sei pagato per rendere felice il tuo cliente                    - Come le prostitute
    Il tuo cliente paga tanto, ma è il tuo padrone che intasca            - Come le prostitute
    I tuoi orari si prolungano di sera fino a quando il lavoro è finito            - Come le prostitute
    Anche se sei bravo, non sei mai fiero di quello che fai                - Come le prostitute
    Sei ricompensato se soddisfi le fantasie del cliente                - Come le prostitute
    Ti è difficile avere e mantenere una famiglia                    - Come le prostitute
    Quando ti domandano in che cosa consiste il tuo lavoro, tu non puoi spiegarlo    - Come le prostitute
    I tuoi amici si allontanano da te e resti solo con gente del tuo tipo        - Come le prostitute
    E' il cliente che paga le tue spese e le tue ore di lavoro                - Come le prostitute
    Il tuo padrone ha una gran bella macchina                    - Come le prostitute
    Quando vai in "missione" da un cliente, arrivi con un gran sorriso        - Come le prostitute
    Ma quando è finito, sei di cattivo umore                        - Come le prostitute
    Per valutare le tue capacità ti sottopongono a dei terribili tests            - Come le prostitute
    Il cliente vuole sempre pagare meno e tu devi fare delle meraviglie        - Come le prostitute
    Quando ti alzi dal letto dici: "Non posso fare questo lavoro per tutta la vita"    - Come le prostitute

    Post edited by Francesco on
    Non vorrei mai far parte di un club che accettasse tra i suoi soci uno come me. (G. Marx)
  • PhoebePhoebe SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 2,063
    No, io non mi ci ritrovo affatto! Sarà che lavoro come dipendente e non ho a che fare con il cliente. I miei orari sono normali 9:30 - 18. Alla fine è come il lavoro di qualsiasi altro dipendente e a mi piace ciò che faccio!
    Ero solita pensare di essere la persona più strana del mondo ma poi ho pensato, ci sono così tante persone nel mondo, ci dev'essere qualcuna proprio come me, che si sente bizzarra e difettosa nello stesso modo in cui mi sento io. Vorrei immaginarla, e immaginare che lei debba essere là fuori e che anche lei stia pensando a me. Beh, spero che, se tu sei lì fuori e dovessi leggere ciò, tu sappia che sì, è vero, sono qui e sono strana proprio come te.

    Frida
  • TsukimiTsukimi Senatore
    Pubblicazioni: 3,827
    @Francesco è come parlare di calcio o religione se si parla con altri esperti. Con un non addetto ai lavori è come parlare dello spirito aspro nelle copie apocrife di Aristofane (=se non hai le basi non solo ti annoi ma proprio non capisci di che si parla).
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • greekpigreekpi Veterano Pro
    Pubblicazioni: 890
    @Francesco, il tuo paragone fa sorridere, però può essere considerato da qualcuno offensivo. Non voglio assolutamente attaccarti, non sono arrabbiato, ma se non ti piace molto l'informatica non puoi capire. Il vero esperto non legge riviste di computer, le considera di basso livello, ma conosce la funzione di ogni singolo transistor in esso, ogni problema e soluzione e legge libri di centinaia di pagine per continuare ad approfondire (sì, voglio diventare un vero esperto in futuro :) ). La programmazione è un'arte, ed il mio sogno è proprio quello: stare seduto con altri programmatori ad un tavolo nella sede di google, o, perché no, di una mia azienda. Sogno di avere qualche idea che rivoluzioni il mondo dell'informatica e di poter girare con un portatile per i piani alti di qualche grande azienda. Sogno di fare l'università a Berkley o Stanford, e di uscire con voti altissimi. Viste le spese alte, sogno di poterlo pagare con una borsa di studio vinta a qualche gara di programmazione. Ad ogni modo, è un'utopia, ma spero di aver dato l'idea.

    Chiunque è un genio, ma se tu giudichi un pesce per la
    sua abilità di salire su un albero vivrà eternamente con la sensazione
    di essere uno stupido. – Albert Einstein

  • FrancescoFrancesco Veterano Pro
    Pubblicazioni: 966
    Forse sono stato frainteso, forse troppo provocatore, tenete presente che l'informatica è il mio pane quotidiano da oltre 30 anni. Non l'ho subita, l'ho scelta e la vivo sempre con entusiasmo anche se ormai mi avvicino ai 50 ...
    La lista di cui sopra girava su internet un po' di tempo fa e mi sembrava simpatica, niente di particolare, se parlo male degli informatici lo faccio solo perchè mi sento tale al 100%.Qui dove lavoro, una grossa ditta di sw del gruppo telecom, il programmatore è stato sempre visto come il rematore delle galere romane, una specie di esecutore senza spirito critico, in genere si parte dal principio che un buon tecnico lo trovi sempre dietro l'angolo, sei bravo, invece,  solo se gestisci persone. Io mi sento programmatore perchè mi piace farlo, lo faccio per cultura personale prima che per lavoro, mi occupo di informatica a 360 gradi per cui affronto con lo stesso impegno il cambio di una label su una gui o la definizione dell'architettura applicativa per sistemi da migliaia di utenti. Ho scritto non so più quanti moduli software o firmware, in tanti linguaggi esistenti o morti, non fa differenza, l'informatica per me è risolvere problemi, la maggior parte delle volte che provo a portare le discussioni su argomenti tosti, ad esempio, come migliorare un algoritmo o una procedura troppo lenta o come irrobustire un server,  tutti scappano !
    @greepi, non ti voglio demoralizzare, mi piace il tuo entusiasmo, da giovane la pensavo esattamente come te, poi il mondo è sempre diverso da come lo si immagina, sicuramente posso dirti che in America la situazione è decisamente migliore, li mi rispettavano molto più che qua.

    Non vorrei mai far parte di un club che accettasse tra i suoi soci uno come me. (G. Marx)
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online