Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

I vostri genitori hanno mai capito che eravate "diversi" dal "normale"?

Ciao A tutti, 
Un paio di mesi fa, dopo aver fatto il test, ho scoperto di essere Aspie. Sinceramente mi son sempre sentito "diverso" in quel che modo, un po' bizzarro. Ora mi sto chiedendo come i miei intorno non siano stati capaci di captare la mia particolarità che di certo ho più volte manifestato, soprattutto nell'infanzia. Per esempio mi hanno raccontato che, quando ero piccolo, avevo una fissa per le aspirapolveri tant'è che come regalo chiesi un'aspirapolvere (Folletto), disegnavo aspirapolveri e mi facevo disegnare aspirapolveri. Un altro esempio sta nel fatto che alle scuole medie, durante i riposi, restavo sempre in classe a leggere libri.
Un'altra questione che volevo porvi è: come andavate/andate a scuola? Avete avuto una materia di vostro grande interesse? Come vi relazionavate con i compagni e professori?
Grazie per qualsiasi risposta/commento!
Soltanto nella pienezza della mente è la chiarezza e la verità dimora nel profondo.
Memento audere semper. 
«134

Commenti

  • ct87ct87 Colonna
    Pubblicazioni: 2,956
    Io ho sempre odiato le aspirapolveri Per il loro dannato rumore che mi perfora i timpani.
    Si, hanno sempre saputo che sono particolare, facevo e dicevo cose singolari.
    Scuola ero tra le nuvole e poco attenta. I professori hanno sempre capito che fossi particolare.
    Sapere Aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza
  • ValentaValenta SymbolPilastro
    Pubblicazioni: 9,380
    Ciao si i miei qualcosa avevano senz'altro capito. A scuola bene sino alle medie, poi quel che si può dire un andamento discreto. All' uni ho avuto una rimonta, ed ero tra i bravi, ho finito la magistrale a 25 anni con 108, ma nel mondo del lavoro arranco decisamente più dei miei ex colleghi.
  • ValentaValenta SymbolPilastro
    Pubblicazioni: 9,380
    Dimenticavo che a parte qualche eccezione non andavo d accordo ne con i compagni ne conti prof.
  • IoAssolutoIoAssoluto SymbolMembro
    Pubblicazioni: 36
    Grazie a tutti per i vostri commenti!
    @ct87 ahahah neanche a me piacciono più le aspirapolveri :D

    Soltanto nella pienezza della mente è la chiarezza e la verità dimora nel profondo.
    Memento audere semper. 
  • AdalgisaAdalgisa Andato
    Pubblicazioni: 1,793

    ciao e benvenuto ! io andavo benissimo alle elementari e medie (la prima della classe), al liceo meno bene, studiavo solo le materie che mi piacevano.

    tu come andavi a scuola? come sei arrivato su questo forum?

    E' vero se è vero che è vero che..

    che mi fa impazzire se penso che le cose che ho toccato insieme a te debbano svanire...dimmi che non è, dimmi che non è tutta un'illusione...un'illusione"
  • AleenaAleena Colonna
    Pubblicazioni: 1,050
    Aspirapolvere è maschile, ho controllato.
    I exist as I am, that is enough,
    If no other in the world be aware I sit content,
    And if each and all be aware I sit content.

    ---Walt Whitman
  • ct87ct87 Colonna
    Pubblicazioni: 2,956
    @Aleena sbagliando l'articolo ho solo rafforzato il fatto che odio GLI aspirapolvere, coerenza al 100% :D
    Sapere Aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza
  • SheldonSheldon Veterano Pro
    Pubblicazioni: 617
    Credo che proprio il fatto di essere sempre stato bravissimo a scuola abbia spento ogni preoccupazione dei miei per tutti gli altri tratti evidentemente "strani" che avevo e ho. 
  • vanessavanessa Colonna
    Pubblicazioni: 1,163
    Non me lo dicevano, ma una volta mia mamma mi disse che sperava che col fidanzamento diventassi normale, quindi evidentemente si preoccupavano.
    Peccato che anche loro fossero strani forte.
    A scuola non andavo bene in educazione fisica e disegno al liceo avevo problemi anche in matematica, ero brava in italiano storia latino e filosofia, me la cavavo con le lingue e la biologia. Con i compagni non andavo d'accordo con quelli delle medie, con quelli del liceo sarei andata anche d'accordo se gli avessi dato un minimo di confidenza in più ma mi isolavo per non essere esclusa dagli altri, i professori qualcuno mi piaceva e qualcuno no ma ho litigato solo con la professoressa di informatica.
  • fattore_afattore_a Colonna
    modificato October 2014 Pubblicazioni: 2,181
    Di solito, vedendo un bambino comportarsi in modo strano, l'adulto non lo vede diverso dal normale ma lo richiama alla normalità perché è e deve essere uguale agli altri. Ai miei tempi si usava dire: chi sei, il figlio dell'oca bianca?

    Da bambino mi capitava quando avevo i tic nervosi che gli altri bambini non avevano, quando non volevo mettere i pantaloncini corti e i jeans, quando dicevo di vole fare il prete da grande (per non dovermi sposare), quando non volevo muovere un passo da solo perché avevo paura, quando suonavano alla porta e correvo a nascondermi, quando volevo parlare l'italiano e non dialetti, quando dicevo di non volere bene a mio padre ecc.

    A scuola andavo bene ma mi capitava di prendere tante note, che la maestra venisse a casa e che chiamasse mia sorella in classe (eravamo nella stessa scuola ma in classi e aule diverse).

    Secondo me, se un genitore si convince della non normalità del figlio commette un errore, sia quando crede il figlio superdotato, sia quando lo crede incapace.
    Post edited by fattore_a on
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online