Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Aiuto nella comprensione di un mio comportamento

AJDaisyAJDaisy Pilastro
Da una mia discussione precedente è emersa la mia propensione al "non voler appartenere" alla massa ed al mainstream, situazione che a mio parere deriva dal fatto che in quanto ND, sono "diverso", non sono mai stato pienamente accettato dalla società, in qualche modo ho trovato un minimo di integrazione, ma non posso ed a questo punto forse semi-involontariamente nemmeno voglio far parte della massa. Questa cosa è sfociata e sfocia in una continua ricerca di "alternativismo", nella musica che ascolto, nel look, nelle mie attività. Con questo non voglio dire che ogni cosa che faccio, dico, seguo è completamente out dal mainstream, ma un minimo di questo comportamento c'è ed a volte mi sento di dover essere (neanche troppo forzatamente, se non quasi per nulla) l'alternativo tra gli alternativi, cioè a volte nel sottogruppo di appartenenza, in maniera un po' provocatoria, di essere quello diverso, magari sfociando paradossalmente nel mainstream stesso (qui calza bene l'esempio di uscirsene con affermazioni tipo "amo molte canzoni di Lady Gaga" o "in questo periodo ascolto solo hip-hop", con amici metallari, pur avendo un passato da musicista black metal e frequentando assiduamente club rock/metal, eppure senz'altro queste affermazioni sono tanto vere per me, quanto inaccettabili e di "rottura" per metallari old school).
Mi aiutereste ad analizzare questo comportamento?
Aggiungo, in quanto può tornare utile, il fatto che da piccolo il mio essere riflessivo, particolare ecc., veniva ben visto dalla gente e difficilmente accettato da me stesso, mentre in adolescenza mi ha escluso, fatto ottenere l'etichetta di "sfigato" e così via, cosa assolutamente poco piacevole...
Al momento vengo considerato una persona intelligente, con una bella moglie ed un buon lavoro (non uno sfigato quindi, al contrario), particolare, un po' strano ed anche "a pelle" un po' str#nzo.
Post edited by yugen on
«134

Commenti

  • ct87ct87 Colonna
    modificato November 2014 Pubblicazioni: 2,956
    Io lo sono sempre stata e con molta semplicità poiché me ne frego e vivo come fa stare meglio me e il 90% delle volte vadi contro l'opinione altrui ma se non faccio male a nessuno e sto bene io, scelgo ciò che mi fa stare meglio.

    Ora c'è da capire se tu godi nel fare lo "stravagante" (io lo uso in accezione positiva questo termine) e quindi se vuoi esserlo a tutti i costi
    Post edited by ct87 on
    Sapere Aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza
  • AJDaisyAJDaisy Pilastro
    Pubblicazioni: 11,101
    Io lo sono sempre stata e con molta semplicità poiché me ne frego e vivo come fa stare meglio me e il 90% delle volte vadi contro l'opinione altrui ma se non faccio male a nessuno e sto bene io, scelgo ciò che mi fa stare meglio.

    Ora c'è da capire se tu godi nel fare lo "stravagante" (io lo uso in accezione positiva questo termine) e quindi se vuoi esserlo a tutti i costi
    Sono stravagante in quanto diverso "dentro" in maniera innata, lo esterno perchè ne sento l'esigenza ed un po' godo del fatto di "provocare", inteso come rompere le regole in modo tale risultare diciamo "anormale".
  • marielmariel Senatore
    Pubblicazioni: 1,551
    A me invece capita l'inverso,  penso di essere normalissima, di dire e comportarmi in modo abbastanza canonico e invece spesso mi sento dire che sono strana anzi bizzarra, stravagane, nella migliore delle ipotesi originale, creativa.
  • ct87ct87 Colonna
    Pubblicazioni: 2,956
    Quindi ti piace essere visto come stravagante, perché allora dovresti rivedere questo comportamento? Non ne capisco il motivo. Ti piace essere stravagante e lo sei.
    Sapere Aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza
  • AJDaisyAJDaisy Pilastro
    Pubblicazioni: 11,101
    A me invece capita l'inverso,  penso di essere normalissima, di dire e comportarmi in modo abbastanza canonico e invece spesso mi sento dire che sono strana anzi bizzarra, stravagane, nella migliore delle ipotesi originale, creativa.
    Guarda @mariel , in realtà anche quando cerco di essere "normale", spesso anche io vengo etichettato comunque come originale o bizzarro. Ti faccio un esempio stupidissimo: in ufficio un giorno vesto elegante, un giorno casual, un giorno street, a volte magari metto pantaloni di velluto e camicia dark, il tutto a seconda di ciò che mi va... Alcune volte in cui penso di essere vestito consono alla situazione, vengo comunque "deriso" da alcuni / parecchi colleghi. Ed uno potrebbe dire "per forza, la volta che vesti normale risulti strano...." Non è così! Spesso vesto elegante o casual e per me sono consono al luogo e le osservazioni che mi vengono fatte non sono quindi "come mai vesti così oggi", ma più che altro che vesto in maniera eccessivamente elegante, che ho accessorio tot ecc.. Eppure a mio parere è tutto regolare, quindi penso ci sia qualcosa di alternativo insito in me.....
  • AJDaisyAJDaisy Pilastro
    Pubblicazioni: 11,101
    Quindi ti piace essere visto come stravagante, perché allora dovresti rivedere questo comportamento? Non ne capisco il motivo. Ti piace essere stravagante e lo sei.
    Non voglio rivedere questo comportamento, io sono felice di essere e vivere così! Voglio solo capire se può avere in qualche modo a che fare con la neurodiversità, con il mio periodo adolescenziale e preadolescenziale piuttosto complicato sotto la sfera sociale e se qualcuno riesce a vedere dei nessi tra queste cose.
  • ct87ct87 Colonna
    Pubblicazioni: 2,956
    Ah beh, facile io sono sempre stata la diversa, stramba, anormale e fuori luogo. Per cui rispetto al mio caso sei nella mia norma.
    Sapere Aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza
  • ct87ct87 Colonna
    Pubblicazioni: 2,956
    Comunque ho sempre odiato uniformarmi con la massa mi fa sentire come una caprona.
    Sapere Aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza
  • AJDaisyAJDaisy Pilastro
    Pubblicazioni: 11,101
    Ah beh, facile io sono sempre stata la diversa, stramba, anormale e fuori luogo. Per cui rispetto al mio caso sei nella mia norma.
    Ed hai avuto lunghi periodi di grave complessità nella sfera sociale e di accettazione da parte della gente (inteso come parenti, coetanei ecc...)?
    Scusa l'insolenza se vogliamo della domanda, molto privata.
  • ct87ct87 Colonna
    Pubblicazioni: 2,956
    Io piacevo e piaccio soprattutto per il mio essere originale e fuori dagli schemi. Si vede che alle persone piacciono le persone che dicono le cose come stanno e sono anche un pò fredde, altrimenti non me lo spiego.
    Sapere Aude! Abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligenza
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online