Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

AS come Donna, gusti e preferenze, l'uomo ideale

11011121315

Commenti

  • MelisandeMelisande Veterano
    Pubblicazioni: 198
    Al contrario, non ce l'ho con il loro modo di essere, è normale che esitano donne e uomini di questo tipo, la colpa non è loro, ma di chi più o meno implicitamente avvalora questo modello. Anzi mi correggo, è normale che questa tipologia abbia successo, però poi non ci si può lamentare che "le donne sono tutte così, o gli uomini sono tutti fatti allo stesso modo". Ognuno addobba la propria bancarella con quello che piace di più, quindi se non trovate la donna sicura, è perché gli uomini sono attratti in media (sempre generalizzando)per motivi socioculturali dal prototipo di donna gelosa, ergo insicura, da ciò deriva che una donna a cui viene insegnato che deve essere così cerchi per forza qualcuno di sicuro cui appoggiarsi. Adesso lentamente le cose stanno cambiando, infatti io vedo molta crisi nei rapporti in generale, anche tra i neurotipici.
    LisaLaufeysonEstherDonnelly
  • AntaresAntares Veterano
    modificato 17 March Pubblicazioni: 264
    Melisande ha detto:

    Al contrario, non ce l'ho con il loro modo di essere, è normale che esitano donne e uomini di questo tipo, la colpa non è loro, ma di chi più o meno implicitamente avvalora questo modello. Anzi mi correggo, è normale che questa tipologia abbia successo, però poi non ci si può lamentare che "le donne sono tutte così, o gli uomini sono tutti fatti allo stesso modo". Ognuno addobba la propria bancarella con quello che piace di più, quindi se non trovate la donna sicura, è perché gli uomini sono attratti in media (sempre generalizzando)per motivi socioculturali dal prototipo di donna gelosa, ergo insicura, da ciò deriva che una donna a cui viene insegnato che deve essere così cerchi per forza qualcuno di sicuro cui appoggiarsi. Adesso lentamente le cose stanno cambiando, infatti io vedo molta crisi nei rapporti in generale, anche tra i neurotipici.



    Il punto è che fino a prova contraria l'essere iper-gelosi/e è un evidente disvalore, mentre avere sicurezza di sè (che significa conoscenza di sè e "dominio" della propria personalità) è un evidente valore. Paradossalmente se il maschio medio va a cercare la femmina iper-gelosa, e la femmina media va a cercare il maschio sicuro di sè, chi sceglie tirandosi la zappa sui piedi è tendenzialmente il maschio, non ho problemi ad ammetterlo. Infatti io non attribuivo le colpe alle singole donne perchè - tendenzialmente - avvalorano il modello di uomo sicuro di sè. La sicurezza di sè è una qualità. Come potrei biasimare una persona (uomo o donna che sia?) che ricerca una qualità nel potenziale partner? La mia era poco più di una considerazione esistenziale cruda: relazioni sentimentali eterosessuali, per maschi non sicuri di sè (ma pure per donne sicure di sè, probabilmente, questo non lo nego), tendono ad essercene pochissime.

    Poi sai qual è il punto? La tua generalizzazione è verissima, perchè non penso che di amici come quelli descritti ne hai avuti giusto un paio, altrimenti non avresti generalizzato (neanche per stare sulla falsariga della generalizzazione mia). Ne avrai avuti tanti. E le cose, puntualmente, (quasi?) immancabilmente, sono andate come le hai descritte. La stessa identica cosa, rammaricandomi (che è ben diverso dall'accusare, chiarisco nuovamente) della prevalente condizione interiore femminile, ho fatto io. Ho generalizzato un qualcosa di talmente diffuso (con uniformità) a livello socio-relazionale che, secondo me, non vale la pena di derubricare a "è una variabile individuale, tante donne non sono come le dipingi", eccetera (non l'hai detto tu questo, sia chiaro, ma mi si potrebbero muovere queste obiezioni).
    Melisande
    Post edited by Antares on
  • MarkovMarkov Pilastro
    Pubblicazioni: 7,723
    Comunque comprendere qualcuno con personalità speciale non sempre è un dovere. Al più un generoso volere.

    Per esempio, per dirne una, probabilmente una con as moderno non sarebbe un problema di per sè per me... Ma tutte le comorbidità non le capirei, farei molta fatica a starle dietro... È necessario almeno che abbia un pensiero sempre lucido ed equilibrato e che non si tiri indietro all'ultimo momento in circostanze misteriose.
    Naturalmente se ad una proprio ci tenessi potrei fare qualche sforzo in più, però inutile negare che non lo troverei comodo.
    AntaresMelisande
  • MelisandeMelisande Veterano
    Pubblicazioni: 198
    @Antares direi che alla fine il concetto è quello.
    @Markov, in pratica stiamo dicendo la stessa cosa. Io credo che a prescindere dal sesso la diversità, specialmente per quel che riguarda o patologie mentali vere e proprie o neurodiversità, sia difficile da accettare all'atto pratico. Infatti, anch'io credo non sia un dovere accettarlo né per un uomo, né per una donna, al limite è un atto di amore completamente disinteressato, anzi con un pizzico di cinismo mi chiedo anche se sia possibile.
    Antares
  • amarena_amarena_ Membro Pro
    Pubblicazioni: 79
    AJDaisy ha detto:

    Un'altra cosa che ho capito, traendo questa conclusione dal recente e celeberrimo thread da 200 post, è che non conosco bene le donne aspie, allora dopo il settimanale (o sito web, o entrambi, non sono grande esperto in materia) D come Donna, apro la rubrica AS come Donna (o come ASonna, vi anticipo).

    Domanda: che caratteristiche deve avere il vostro uomo ideale?
    Una scelta di precedenza, il resto free int. passando per profilo caratteriale, culturale e fisico.

    La domanda di precedenza è: preferite un uomo di cultura e deciso o un uomo dal carattere accomodante e più semplice? No way, o una o l'altra scelta di base, il tutto inteso vagamente come: date più peso al livello culturale o ad un carattere che mette a proprio agio?
    Per il resto libere nella descrizione.

    Ciao e grazie.

    A.

    Deve saper occupare lo spazio, deve saper risolvere problemi pratici. Deve amare musica e letteratura. Deve avere una voce grave e rugosa. Deve essere smilzo, fa niente se un poco sghembo. Deve intendere il tempo quale processo simultaneo e non sequenziale. Deve volermi bene
  • TatTat Membro Pro
    Pubblicazioni: 92
    Sempre prediletto uomini con caratteristiche simili alle mie quali introversione, poca tolleranza ad ambienti affollati e poco desiderio di essere maschi alpha. Tipi di poche parole (sono convintissima che chi tende a parlar poco abbia in realtà molto da dire) e che non si mettono in mostra (diffido del pavone che fa la ruota).
    Importante che abbia interessi e gusti similari, per avere un dialogo e non conflitti eccessivi: amo la cultura e dunque mi piace chi è acculturato, non necessariamente con laurea anzi, spesso chi si appassiona e approfondisce da autodidatta è molto più interessante. Tecnicamente amo gli outsider.
    Mi piacerebbe fosse capace di darmi sicurezza, soffrendo di ansia, ma è una caratteristica difficile da trovare (sarà forse perché la mia ansia è di titaniche dimensioni).
    L'aspetto fisico ha sempre contato pochissimo tranne che per due caratteristiche: testa pelata (al limite rasata quasi a pelle) e naso aquilino ed importante.
  • MarkovMarkov Pilastro
    Pubblicazioni: 7,723
    Wow è la prima volta che sento dire che piacciono i pelati ahah
    TatAJDaisy
  • PercipioPercipio Membro Pro
    modificato 21 June Pubblicazioni: 348
    @Markov Probabilmente le donne associano la calvizie all'eccesso di testosterone, che indebolisce i follicoli. Ma io non credo a questa cosa. Sarebbe come dire che le persone coi capelli rossi sono più intelligenti perchè contengono più ferro.
    TatMarkov
    Post edited by Percipio on
  • TatTat Membro Pro
    Pubblicazioni: 92
    Ma sai @Percipio che in maniera piuttosto alta siamo giunti alla stessa conclusione?
    Cioè, senza riferimento alla diceria a cui fai riferimento (anche io non ci credo), credo che questa caratteristica, assieme al naso pronunciato, io l'associ ad un'estetica prettamente ed inequivocabilmente maschile -ribadisco, parlo solo di immagine estetica.
    Dato che vado letteralmente in crisi di fronte alle ambiguità (concettuali, cognitive etc...) non so se sia funzionale ad un'eliminazione di queste al livello più superficiale, il visivo.
    Oltretutto mi incanto davanti alle donne con un'immagine iper femminile, mi piacciono proprio (però generalmente le trovo caratterialmente incomprensibili quindi al di là dell'ammirazione estetica non vado). Poi possono venir ritenuti/e anche brutti (secondo i canoni ad oggi culturalmente accettati), però mi attira ciò che è esule dall'ambiguo.
    Almeno sono per ora giunta a questo pensiero.
    Lupa
  • AJDaisyAJDaisy Pilastro
    Pubblicazioni: 9,791
    Markov ha detto:

    Wow è la prima volta che sento dire che piacciono i pelati ahah

    La terza io.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online