Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

AS come Donna, gusti e preferenze, l'uomo ideale

145791015

Commenti

  • AJDaisyAJDaisy Pilastro
    Pubblicazioni: 9,622
    correttezza/corretto... Che ignorante...
    Vale insultarsi da solo?
  • Standby14Standby14 Membro Pro
    Pubblicazioni: 171
    Guardando un pò le opinioni di voi donne aspie mi verrebbe da dire che il metro di giudizio non è quasi per niente diverso da quello delle neurotipiche (per quanto ne so io).
    Inoltre sembrerebbe che un compagno aspie non sia ben accetto perchè raramente mostrerebbe iniziativa e difficilmente apparirebbe come uno dal carattere deciso...(mi riferisco all'asperger medio).
    Io credevo che le cose fossero ben diverse: due individui aspie pur essendo "in sintonia" mentalmente è molto difficile che ingaggino una relazione perchè suppongo nessuno dei due farebbe il primo passo se non dopo moltissimo tempo.
    Personalmente da maschio cercherei una ragazza con una personalità simile alla mia e con cui condividere ciò che con gli altri non riesco a condividere; soprattutto però una ragazza gentile :) e non egoista (ciò escluderebbe la variabile intelligenza dal mio punto di vista). Fisicamente non ho enormi pretese però ci sono tre cose che non possono mancare: magra, con un viso simpatico e che non si vesta troppo "da maschio".
    Riflettendoci... non è che magari state facendo una selezione troppo limitata a caratteri "estetici"???? non intendo solo l'aspetto fisico ma anche la posizione di leader che il maschio assume nei confronti degli altri (e qui ci ricolleghiamo al commento di prima, visto che la verità è che spesso non ci accorgiamo nemmeno di quanto le nostre scelte siano prevedibili data la nostra natura...).




    Io sono considerata abbastanza gentile e non egoista dagli altri, ma non mi sembra di essere poco intelligente. Viceversa proprio in quanto Asperger ho un intelligenza un po' superiore alla media.
    Spesso la gente (sia uomini che donne) sbaglia considerando che le persone semplici e di buon cuore debbano essere anche per forza cretine.
    Viceversa con l'esperienza ho constatato che le persone che pensano solo a se stesse e trattano male gli altri non sono realmente intelligenti, ma o sono stupide o al massimo sono solo furbe. Tuttavia la furbizia non è vera intelligenza, perché reca vantaggi nel breve ma non nel lungo termine.
    Perdonami devo essermi spiegato male, quando dicevo escludere la variabile intelligenza intendevo dire proprio che per me se è gentile non importa che sia intelligente perchè non lo considero un parametro essenziale.
    Sono assolutamente d'accordo con te, infatti anch'io dimostrandomi spesso gentile con gli altri credo di dare l'impressione di quello poco sveglio e ciò mi dispiace molto :( perchè è indice di un atteggiamento superficiale degli altri; per certi versi una persona gentile credo che non tenda ad etichettare forzatamente le persone come stupide o intelligenti.
    Anche io credo che una persona che tratta male qualcun altro non si dimostri per nulla intelligente :), o comunque non è di sicuro gentile e questo a me personalmente non piace molto  
    [-X
  • Andato46Andato46 Senatore
    Pubblicazioni: 5,160
    Ecco, io NON posso proprio escludere la variabile intelligenza. Se un uomo non mi appare più intelligente di me non mi suscita proprio nulla...
  • ShadowLineShadowLine Veterano
    Pubblicazioni: 372
    Guardando un pò le opinioni di voi donne aspie mi verrebbe da dire che il metro di giudizio non è quasi per niente diverso da quello delle neurotipiche (per quanto ne so io).
    Inoltre sembrerebbe che un compagno aspie non sia ben accetto perchè raramente mostrerebbe iniziativa e difficilmente apparirebbe come uno dal carattere deciso...(mi riferisco all'asperger medio).
    Io credevo che le cose fossero ben diverse: due individui aspie pur essendo "in sintonia" mentalmente è molto difficile che ingaggino una relazione perchè suppongo nessuno dei due farebbe il primo passo se non dopo moltissimo tempo.
    Personalmente da maschio cercherei una ragazza con una personalità simile alla mia e con cui condividere ciò che con gli altri non riesco a condividere; soprattutto però una ragazza gentile :) e non egoista (ciò escluderebbe la variabile intelligenza dal mio punto di vista). Fisicamente non ho enormi pretese però ci sono tre cose che non possono mancare: magra, con un viso simpatico e che non si vesta troppo "da maschio".
    Riflettendoci... non è che magari state facendo una selezione troppo limitata a caratteri "estetici"???? non intendo solo l'aspetto fisico ma anche la posizione di leader che il maschio assume nei confronti degli altri (e qui ci ricolleghiamo al commento di prima, visto che la verità è che spesso non ci accorgiamo nemmeno di quanto le nostre scelte siano prevedibili data la nostra natura...).




    Io sono considerata abbastanza gentile e non egoista dagli altri, ma non mi sembra di essere poco intelligente. Viceversa proprio in quanto Asperger ho un intelligenza un po' superiore alla media.
    Spesso la gente (sia uomini che donne) sbaglia considerando che le persone semplici e di buon cuore debbano essere anche per forza cretine.
    Viceversa con l'esperienza ho constatato che le persone che pensano solo a se stesse e trattano male gli altri non sono realmente intelligenti, ma o sono stupide o al massimo sono solo furbe. Tuttavia la furbizia non è vera intelligenza, perché reca vantaggi nel breve ma non nel lungo termine.


    Perdonami devo essermi spiegato male, quando dicevo escludere la variabile intelligenza intendevo dire proprio che per me se è gentile non importa che sia intelligente perchè non lo considero un parametro essenziale.
    Sono assolutamente d'accordo con te, infatti anch'io dimostrandomi spesso gentile con gli altri credo di dare l'impressione di quello poco sveglio e ciò mi dispiace molto :( perchè è indice di un atteggiamento superficiale degli altri; per certi versi una persona gentile credo che non tenda ad etichettare forzatamente le persone come stupide o intelligenti.
    Anche io credo che una persona che tratta male qualcun altro non si dimostri per nulla intelligente :), o comunque non è di sicuro gentile e questo a me personalmente non piace molto  
    [-X
    Che bello leggervi!
    :x

    (scusate, non è pertinente all'argomento, ma lo dovevo dire)
  • Standby14Standby14 Membro Pro
    Pubblicazioni: 171
    Ecco, io NON posso proprio escludere la variabile intelligenza. Se un uomo non mi appare più intelligente di me non mi suscita proprio nulla...
    E per curiosità come fai a determinare l'intelligenza di un uomo :)? dici "mi appare" proprio perchè deve sembrarlo senza necessariamente esserlo o viceversa dimostrarlo con i fatti?
    Inoltre ciò dipende da che tipo di intelligenza consideri, una prettamente razionale e logica (quella migliore secondo me per valutare le vere potenzialità intellettive di una persona in quanto più "pura"), oppure una più applicata a specifici campi (es: scientifici/ artistici/ musicali/ sociali/.....). Se prendi come riferimento un intelligenza scientifica io ad esempio ritengo di avere buone conoscenze in campo fisico-astrofisico così come molti asperger hanno interessi scientifici d'altronde.
    Certamente il fatto che tu non ne abbia fatto menzione non significa che escludi altre variabili più "fisiche" :) però mi viene da pensare che la questione a questo punto possa essere più che altro di "affinità mentale" che di vera intelligenza.
    Sempre per curiosità ma l'interesse di una donna come te per un uomo intelligente aumenta diciamo "linearmente" con le sue capacità razionali oppure c'è un "massimo"???
  • Standby14Standby14 Membro Pro
    Pubblicazioni: 171



    Che bello leggervi!
    :x

    (scusate, non è pertinente all'argomento, ma lo dovevo dire)
    Sono felice che ti piaccia leggere i nostri commenti :)
  • Andato46Andato46 Senatore
    Pubblicazioni: 5,160
    Ecco, io NON posso proprio escludere la variabile intelligenza. Se un uomo non mi appare più intelligente di me non mi suscita proprio nulla...


    E per curiosità come fai a determinare l'intelligenza di un uomo :)? dici "mi appare" proprio perchè deve sembrarlo senza necessariamente esserlo o viceversa dimostrarlo con i fatti?
    Inoltre ciò dipende da che tipo di intelligenza consideri, una prettamente razionale e logica (quella migliore secondo me per valutare le vere potenzialità intellettive di una persona in quanto più "pura"), oppure una più applicata a specifici campi (es: scientifici/ artistici/ musicali/ sociali/.....). Se prendi come riferimento un intelligenza scientifica io ad esempio ritengo di avere buone conoscenze in campo fisico-astrofisico così come molti asperger hanno interessi scientifici d'altronde.
    Certamente il fatto che tu non ne abbia fatto menzione non significa che escludi altre variabili più "fisiche" :) però mi viene da pensare che la questione a questo punto possa essere più che altro di "affinità mentale" che di vera intelligenza.
    Sempre per curiosità ma l'interesse di una donna come te per un uomo intelligente aumenta diciamo "linearmente" con le sue capacità razionali oppure c'è un "massimo"???
    No aspé, io qualche intervento fa ho detto che mi interessa pure il lato fisico.

    Per intelligenza, direi che sono attratta da quella razionale e logica, non tanto dalla conoscenza. Dico mi appare perché non mi ritengo infallibile nel giudizio, però diciamo che perdo interesse se uno apparentemente intelligente poi si rivela non essere tale.

    Se c'è un limite? Non saprei. Però ti spiego come funziono. Io provo attrazione fisica/sessuale per un numero veramente ristretto di uomini, ed è sempre stato così, nel senso che in tutta la mia vita quelli che mi hanno attratto si conteranno sulla punta delle dita delle mani (e ho 30 anni...). Uno può essere bellissimo, nel senso che posso io trovarlo bellissimo perché "rispecchia" i miei ideali estetici per l'uomo, può anche essere simpatico, buono, etc., ma se non vedo in lui anche un'intelligenza (abbiam detto intelligenza razionale e logica) che mi affascina e mi stimola, non mi suscita neanche alcun interesse di tipo sessuale.

    Mi complico ulteriormente la vita perché, pur in presenza di questa intelligenza che, ripeto, mi deve apparire superiore alla mia (sennò non mi stimola né affascina), l'uomo in questione deve essere pure bello.

    Ah, "ma te come stai messa?" Beh, mica tanto bene XD Ho detto che ho dei gusti difficili, mica che mi posso permettere sti gusti difficili :D
  • Andato46Andato46 Senatore
    Pubblicazioni: 5,160
    [...] il fatto che una persona decida di non interessarsi a nulla che gli dia una cultura [...] a me pare dimostrare che non ha [...] uno spirito critico [...]

    Mah.. Non è vero, una persona potrebbe essere ad esempio molto depressa e dunque non interessarsi a nulla, ma possono esserci anche altri motivi caratteriali ed educativi. Ad esempio nella mia famiglia ci sono persone non acculturate ma che hanno uno spirito critico maggiore di tanti acculturati.. La cultura semmai è *causa* di un aumento del proprio spirito critico, il quale parte da un livello base innato, ma la cultura non è necessariamente una conseguenza della presenza dello spirito critico. Secondo me.



    Posso essere d'accordo per una persona che ha dei limiti dovuti a cause di forza maggiore, come la depressione. Ma non vedo altri motivi caratteriali, né educativi. Io poi ho specificato che il mio discorso vale per qualsiasi tipo di cultura, non necessariamente quella tradizionale acquisita a scuola o sui libri. Una persona curiosa necessariamente si crea una propria cultura.



    Vabbé se parliamo di qualsiasi tipo di cultura ogni uomo ogni tanto si legge da qualche parte qualcosa che gli interessa oppure trae qualche informazione che gli interessa tramite contenuti audiovisivi oppure parla con persone che gli raccontano cose interessanti, cioè allora l'insieme di uomini che hai definito coincide con la totalità degli uomini e dunque, secondo il tuo ragionamento, tutti gli uomini sarebbero dotati di spirito critico. Occorre che tu definisca meglio quell'insieme altrimenti la proprietà "ha spirito critico" si può applicare a tutti e dunque sarebbe un requisito inutile.
    Intendo cultura quel bagaglio di informazioni che vengono immagazzinate e poi anche rielaborate personalmente utili a capire meglio ciò di cui ci si interessa. Dal mio punto di vista una persona ha una cultura quando si è informato sul suo interesse, sui suoi interessi (poi ovviamente esistono interessi più compatibili ai miei, per tornare un po' più nel tema della discussione) con lo scopo di capire come funzionano le dinamiche di quell'interesse, e che l'abbia fatto con spirito critico.
  • Standby14Standby14 Membro Pro
    Pubblicazioni: 171
    No aspé, io qualche intervento fa ho detto che mi interessa pure il lato fisico. 
    Per intelligenza, direi che sono attratta da quella razionale e logica, non tanto dalla conoscenza. Dico mi appare perché non mi ritengo infallibile nel giudizio, però diciamo che perdo interesse se uno apparentemente intelligente poi si rivela non essere tale.


    Se c'è un limite? Non saprei. Però ti spiego come funziono. Io provo attrazione fisica/sessuale per un numero veramente ristretto di uomini, ed è sempre stato così, nel senso che in tutta la mia vita quelli che mi hanno attratto si conteranno sulla punta delle dita delle mani (e ho 30 anni...). Uno può essere bellissimo, nel senso che posso io trovarlo bellissimo perché "rispecchia" i miei ideali estetici per l'uomo, può anche essere simpatico, buono, etc., ma se non vedo in lui anche un'intelligenza (abbiam detto intelligenza razionale e logica) che mi affascina e mi stimola, non mi suscita neanche alcun interesse di tipo sessuale.

    Mi complico ulteriormente la vita perché, pur in presenza di questa intelligenza che, ripeto, mi deve apparire superiore alla mia (sennò non mi stimola né affascina), l'uomo in questione deve essere pure bello.

    Ah, "ma te come stai messa?" Beh, mica tanto bene XD Ho detto che ho dei gusti difficili, mica che mi posso permettere sti gusti difficili :D
    Ahah ho capito, effettivamente non sembrano i parametri più "abbordabili" per un uomo ma nemmeno così impossibili.
    Mi chiedo però sempre come faresti a determinare l'intelligenza "pura" di una persona; io col tempo ho trovato un modo ma è estremamente complesso da spiegare ad altri e a dirla tutta non credo nemmeno che verrei capito da qualcuno :D.
    Se approcci una persona che rispecchia il tuo ideale estetico poi dovresti cercare di capire se rispecchia anche quello intellettuale direi; e per fare ciò dovresti fare domande o eventualmente "giostrarlo" finchè non riesci a carpire qualcosa dalla sua mente ed infine valutare se si tratta della persona giusta oppure no.
    Io potenzialmente farei più o meno così (più o meno sempre perchè non credo sia il caso di spiegare quel metodo difficile di prima..) anche se alla fine a conti fatti avendo la sindrome di asperger non riesco ad approcciare direttamente una persona appena vista per cui devo saltare questo passaggio :).
    Mi sembra comunque di confermare per ora la mia precedente ipotesi che le donne aspie hanno parametri quasi identici alle nt per quanto riguarda la scelta di un compagno.
  • Andato46Andato46 Senatore
    modificato November 2014 Pubblicazioni: 5,160
    No, non approccio mai una persona che rispecchia il mio ideale estetico, perché non mi interesserebbe se non ci fosse quell'attrazione intellettuale. Quindi il percorso è diverso, proprio inverso: conosco delle persone, per motivi vari, che poi conoscendoli si rivelano essere delle persone molto intelligenti, allora se mi piacciono anche fisicamente poi possono attrarmi anche sessualmente. Ma ripeto che è una cosa molto molto rara, tanto d'aver passato anni senza provare alcuna attrazione sessuale verso qualcuno (direi almeno i  miei primi 3 anni di università, forse 4).

    Non ho un metodo per capire se una persona è davvero così intelligente come mi appare. Ci parlo tanto, cerco di conoscerla, e poi coi miei mezzi intellettivi mi faccio un'idea. Ripeto che appunto son più che lontana dall'infallibilità, per cui si tratta, alla fine, di impressioni. Però son curiosa di sapere il tuo metodo di valutazione :)
    Amelie
    Post edited by Andato46 on
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586