Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Asperger, relazioni con altri ,successi e insuccesi

Ciao,
ho da poco appreso di essere un Aspie,anche se questo non mi cambia assolutamente nulla dato che significa assegnare una definizione al mio modo di essere, a ciò che sono sempre stato.
Sull'Asperger in internet ,a parte le solite definizioni da manuale, si trova ben poco,almeno in italiano.
Cercavo in particolare qualcosa su coloro che scoprono di esserlo in età adulta e si chiedono come mai spesso si trovino a dover sbattere contro un muro insormontabile posto proprio da se stessi.
Io ho fatto del mio interesse un lavoro ma ci parecchie difficoltà.
Per esempio mi rendo conto che ci sono delle differenze proprio nel modo in cui si vedono le cose.
A volte è stupendo vederle con la semplicità e l'ingenuità di cui solo noi siamo capaci prendendo tutto alla lettera,fidandoci degli altri,senza doppi sensi,senza malizia,dire quello che pensi e vedere le  espressioni degli altri stupefatte di tanta semplicità e di approvazione .
A volte è orribile,vieni trattato come un idiota,un ritardato pur essendo 1000 volte superiore agli altri,ma per il solo fatto di essere te.
In alcune occasioni ,soprattutto lavorative, non è concesso essere se stessi se si è come me,bisogna fingere (approvazione per il capo,lavorare in gruppo,ecc.) ;certo si può imparare ma è molto dura,quasi impossibile direi,ecco perchè pur essendo molto molto bravo ,dato che vivo per il mio interesse,non  avanzerò mai.
Rapporti con donne?un bel disastro dato che non si riesce assolutamente ad esternalizzare nulla.
Questo porta ad un enorme conflitto tra ciò che provi e che ci si aspetta venga trasmesso tramite gesti,abbracci,scherzi,parole ,sorrisi, e quello che invece trasmetti all'esterno : assoluta freddezza.
In altre parole una statua di ghiaccio a cui è impossibile affezionarsi.
A volte questi conflitti sfociano in depressione o peggio.
Vi potranno dire che vi comportate così perchè siete egoisti,che vi aspetta che l'altra faccia tutto e pensate solo a voi ;in fatti questo è abbastanza veritiero,ma nessuno immagina quello che hai dentro e che non riesci a comunicare.
Non angosciatevi se siete così;penso che basti solo lavorarci su,almeno io lo sto facendo.
Ci provo.Spero che questo possa consolare qualcuno che si sta chiedendo il perchè di certe situazioni che a noi appaiono assolutamente ordinarie,ma che in realta vengono viste come anomale.
Grazie a tutti.
Ciao.


Post edited by wolfgang on
«134567

Commenti

  • TsukimiTsukimi Senatore
    Pubblicazioni: 3,827
    Benvenuto, Roberto. Su questo forum direi che molti possono capirti.
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • Icaro89Icaro89 Colonna
    Pubblicazioni: 1,223
    Ciao benvenuto! L'interrelazione fra Asperger e neurotipici è "facile" come la comunicazione fra un cacciatore della Papua Nuova Guinea e un broker di New York City. Però non è impossibile, ci si può lavorare sopra per imparare almeno in parte i meccanismi che reggono la strutturazione della socialità neurotipica per potersi muovere più agevolmente fra gli altri. Anche gli Aspie possono raggiungere le loro personali soddisfazioni, questo è certo, anche se è altrettanto certo che la sfida per la realizzazione dei propri desideri e obiettivi è più complessa e faticosa perchè la posizione di partenza è di tre o quattro scalini più arretrata.

    Resta un filo di amarezza nel constatare che il 100% degli sforzi dovrà tendenzialmente essere attuato dal lato ND del canale comunicativo, e difficilmente il lato NT avrà occasione di rapportarsi con questi problemi per via della sua schiacciante superiorità numerica.
    Un NT può, se lo desidera, rinunciare a superare i problemi di comunicazione, tanto può fare a meno di risolverli perchè vive in un mondo NT; un ND invece no.
  • marielmariel Senatore
    Pubblicazioni: 1,551
    ciao! :)
  • Andata2Andata2 Membro
    Pubblicazioni: 935
    Benvenuto, Roberto :)
  • Pubblicazioni: 10
    Ciao,
    sono assolutamente daccordo con Icaro89,per noi è possibile imparare i meccanismi della socialità,anzi direi proprio che questa sarebbe la mia (nostra) più grande vittoria ,alla fine si tratta solo di imitare certi schemi di comportamento e sforzarsi di non fare ciò che verrebbe più naturale.Non condivido invece molto la divisione tra questi due mondi,Nd e NT,che nel suo contesto è corretta,ma non sono portato a fare distinzioni tra persone ND e NT,per me siamo tutti sullo stesso livello,ciascuno con le propire caratteristiche positive o negative che siano.Il problema è solo capire cosa va tenuto e cosa va cambiato di se.
    Saluti.
  • Icaro89Icaro89 Colonna
    Pubblicazioni: 1,223
    Non condivido invece molto la divisione tra questi due mondi,Nd e NT,che nel suo contesto è corretta,ma non sono portato a fare distinzioni tra persone ND e NT,per me siamo tutti sullo stesso livello,ciascuno con le proprie caratteristiche positive o negative che siano.Il problema è solo capire cosa va tenuto e cosa va cambiato di sé.
    Beh, è una distinzione che faccio con finalità prettamente descrittive, ovviamente si tratta di una semplificazione che uso per spiegarmi, è certo che ogni individuo è presenta caratteristiche irripetibili e non potrà mai essere ridotto ad una categoria piuttosto che ad un'altra. ;)
  • wolfgangwolfgang SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 10,754
    Benvenuto!
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • iilaieliilaiel Veterano
    Pubblicazioni: 175
    @roberto

    "Dividere fra due mondi" non implica un giudizio di merito, è solo la descrizione di una diversità.
    "People live their lives bound by what they accept as correct and true. That's how they define "Reality." But what does it mean to be "correct" or "true"? Merely vague concepts... their "reality" may all be a mirage. Can we consider them to simply be living in their own world, shaped by their beliefs?"
    --Masashi Kishimoto

    Io sono una selva e una notte di alberi scuri, ma chi non ha paura delle mie tenebre troverà anche pendii di rose sotto i miei cipressi.
    -- Friedrich Wilhelm Nietzsche
  • TsukimiTsukimi Senatore
    Pubblicazioni: 3,827
    @roberto

    "Dividere fra due mondi" non implica un giudizio di merito, è solo la descrizione di una diversità.
    Sì. Ma ho notato più volte (specie da NT ma anche da qualche ND) che l'usare le due categorie, anche nella maniera più neutra possibile, viene recepito come un segno di "superiorità", o comunque un voler esacerbare le differenze. 
    Sospetto che alla base vi sia la visione della diversità come negativa in sé, per cui constatarla deve essere un affronto nei confronti di almeno una delle due parti.
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • wolfgangwolfgang SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 10,754
    Vero, è anche vero che una ripartizione bimodale dell'umanità ha poco senso logico in realtà.
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online