Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Come integrarsi in un gruppo di ragazze?

RobKRobK Colonna
Quasi tutti gli amici che ho avuto fin dall'infanzia erano di sesso maschile. Ho un'amica stretta, e sto approfondendo il rapporto con una ragazza del mio paese d'origine che conosco ormai da tre anni, voglio un'amicizia sincera con lei e per questo ci vuole tempo. Con queste due ragazze mi sento a mio agio, siamo simili e riesco a parlare di tante cose, ma con il resto del genere femminile non so proprio come fare. Anche al liceo non sono mai riuscita a inserirmi completamente con le ragazze della classe, e l'unica con la quale andavo d'accordo mi ha tradita.
Ora sono all'universitá in un'altra cittá, il mio corso è quasi interamente femminile ed io mi sento sempre più esclusa.
Mia sorella mi ha detto che per vivere bene questi anni devo integrarmi con qualche ragazza, anche se il rapporto non sará uno di quelli veri che piacciono a me, altrimenti rischio di impazzire. Anche se mi da fastidio pensare di essere in un certo senso falsa, non posso darle torto.
Solo che davvero io le ragazze non le capisco.
Di solito a lezione sto con due ragazze, ma non ci sto assolutamente bene. Non le comprendo ed alcuni loro attegiamenti mi fanno sentire male, anche se io obiettivamente non c'entro nulla (ad esempio una di loro tradisce ripetutamente il suo ragazzo e anche se non mi riguarda mi fa star male perchè mi racconta sempre queste cose). Poi si abbracciano e mi abbracciano 6-7 volte al giorno e non capisco perchè ci si abbraccia. Quando passa un ragazzo loro iniziano a ridacchiare ed io non so che fare. Spesso loro parlano ed io osservo soltanto. Ho parlato un pò con le altre compagne di corso, ma non c'è molta affinitá.
Non voglio lamentarmi, mollare tutto e stare da sola tutto il tempo.
Quindi, come posso interagire in maniera corretta con queste due ragazze? E con tutto il genere femminile?
testadimortoBatteowolfgangValentaalexander_pope
Post edited by yugen on

Commenti

  • Andato46Andato46 Senatore
    Pubblicazioni: 5,160
    Oh mamma...senza giudicare, ma davvero queste sono il meglio che hai trovato? Forse il problema è che ti accontenti delle uniche persone con cui riesci a interagire, ma non posso credere che su un gruppo numeroso di ragazze, le migliori siano queste due che ridacchiano come galline al passaggio di un ragazzo, e una tradisce ripetutamente il ragazzo. Io mi chiederei se tra le tue compagne di corso non ci sia di meglio...
    Mikiwolfgangsilvia78
  • RobKRobK Colonna
    Pubblicazioni: 1,189
    Elanor ha detto:

    Oh mamma...senza giudicare, ma davvero queste sono il meglio che hai trovato? Forse il problema è che ti accontenti delle uniche persone con cui riesci a interagire, ma non posso credere che su un gruppo numeroso di ragazze, le migliori siano queste due che ridacchiano come galline al passaggio di un ragazzo, e una tradisce ripetutamente il ragazzo. Io mi chiederei se tra le tue compagne di corso non ci sia di meglio...


    Il fatto è che nel mio corso ci sono 200 persone, ma essendo le lezioni non obbligatorie, a frequentare siamo solo in 30. Gli altri sono venuti solo la prima settimana, ho conosciuto una ragazza simpatica che non frequenta, ma con la quale qualche volta esco, poi altre due ragazze (sempre che non frequentano) che però sono di una cittá un pò lontana .
    Ho parlato un pò con la gente che viene sempre a lezione, ma non riesco ad approfondire, sia perchè non noto affinitá, sia perchè il problema sono io che non riesco ad intraprendere una conversazione con una persona che conosco poco, per i primi tempi devono essere sempre gli altri a parlarmi per primi (questo è odioso, ma non riesco a modificarmi sotto quest'aspetto perchè mi blocco). Magari sono ragazze stupende, sono io che sono incapace ad integrarmi.
    Quel che non riesco ad accettare è che tante cose delle mie compagne non le comprendo, ad esempio: ho capito che ridacchiano perchè il ragazzo che guardano è di loro gusto, ma non riesco a capire perchè trovare qualcuno attraente generi ilaritá, e per questo mi chiudo sempre più in me stessa.
    Andato34
  • wolfgangwolfgang SymbolModeratore
    modificato January 2015 Pubblicazioni: 10,732
    RobK ha detto:

     ho capito che ridacchiano perchè il ragazzo che guardano è di loro gusto, ma non riesco a capire perchè trovare qualcuno attraente generi ilaritá, e per questo mi chiudo sempre più in me stessa.




    Non genera ilarità. Genera eccitazione con un bricolo di ansia e nervosismo e questo può provocare il riso. Il riso può essere segno di diverse cose non solo di ilarità.
    Marijuan e Navarro, due ricercatori americani, hanno suggerito grazie a studi evoluzionistici e di risonanza magnetica che il riso è legato alla canalizzazione di eccitazioni corticali in eccesso di parti del cervello responsabili della vocalizzazione . Ma senza nulla di specifico da dire , il risultato è il tipo di ansimi e schiamazzi che chiamiamo risate. Da questo poi si è evoluto il significato sociale, non il viceversa. Quindi in realtà ovviamente ridiamo per delle battute, perché una battuta crea una sorta di cortocircuito nella corteccia che si scarica attraverso una risata. Ma ci sono altre situazioni che creano questo cortocircuito, come ad esempio il desiderio di dire qualcosa a qualcuno (un bel ragazzo) ma tra timidezza ed eccitamento non riuscire a "parlargli". O anche una situazione potenzialmente triste o spaventosa ma che non riusciamo a "metabolizzare".
     Il 97% delle risate sono in presenza degli altri e il 99.99% delle risate avviene quando NON stiamo parlando. Solo il 20% delle risate avviene a seguito di qualcosa di "divertente".
    Fondamentalmente ridiamo quando "non sappiamo cosa dire". O perché è molto divertente, molto strano, molto eccitante o molto triste. Ridiamo quando dovremmo dire qualcosa ma siamo troppo confusi o eccitati o sconvolti per farlo. E' una sorta di risposta automatica, innata, quando "dovrebbe" esserci una risposta vocale ma non ne esce fuori nessuna.
    Theda_BaraEunicegiovannarondinella61ValentaAleenaMikiRobKmandragola77silvia78
    Post edited by wolfgang on
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • Andato46Andato46 Senatore
    modificato January 2015 Pubblicazioni: 5,160
    RobK ha detto:

     per i primi tempi devono essere sempre gli altri a parlarmi per primi (questo è odioso, ma non riesco a modificarmi sotto quest'aspetto perchè mi blocco).

    Appunto...questo è il problema... In realtà mi pare che non hai granché in comune neanche cn queste due ragazze. Non so cosa consigliarti, visto che neanche io sono in grado di socializzare, ma se riuscissi ad avvicinarti a qualcun altro forse sarebbe meglio, anche se non senti grande affinità. Non mi pare ti possa andare tanto peggio...
    Cmq le strategie son poi le solite: chiedi magari gli appunti se manchi a lezione o offri i tuoi se vedi che qualcuno li cerca, se qualcuno propone un caffè (collettivo) allora unisciti a loro, scambio di libri, studio/ripasso assieme. Prova ad arrivare prima a lezione così se c'è già qualcuno scambi due chiacchere.
    PeregrinoRobKsilvia78
    Post edited by Andato46 on
  • EuniceEunice SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 1,060
    @Robk, mi dispiace, ma almeno per quanto mi riguarda, non sono mai riuscita ad integrarmi in gruppi di sole ragazze. Le dinamiche che tu descrivi non riesco a capirle o sopportarle tuttora.

    All'università avevo risolto andando a vivere in case miste e frequentando gruppi misti di persone. Nello stesso tempo sceglievo una ragazza con cui mi trovavo bene e soprattutto con cui mi sentivo a mio agio e poi uscivamo in due.

    Non sono mai riuscita a forzarmi a frequentare persone che mi fanno sentire a disagio e, in più, con gli anni ho scoperto che posso avere veri rapporti di amicizia solo con donne molto forti e molto sicure di sé. Il motivo mi risulta sconosciuto.

    Quindi, fossi in te, mi guarderei in giro con curiosità, cercando di capire con chi potrei trovarmi bene e poi seguirei i consigli di @Elanor per avvicinare quella persona o persone. Questo senza farti prendere dalla frenesia di dover per forza trovare delle amiche.
    ValentaRobK
  • Andato46Andato46 Senatore
    Pubblicazioni: 5,160
    @Eunice manco io mi son mai integrata in un gruppo di ragazze. Al massimo ho amicizie singole, ma in gruppo mai. All'università stavo sola o con la mia amica del liceo, oppure con quella che poi è diventata la mia migliore amica. Ora che in corso siamo 16 ragazze e 3 ragazzi, alla fine ho stretto amicizia con 2 ragazze e uno dei ragazzi, ma mai in gruppo. Uscire praticamente mai, manco quando ero "in età" per farlo. Però avere un minimo di contatto con i compagni di corso può rendere le cose meno faticose, sicuramente.
    EuniceValenta
  • RobKRobK Colonna
    Pubblicazioni: 1,189
    @wolfgang Grazie per la spiegazione! Ora che l'ho capito, non mi dará più fastidio.

    @Elanor grazie! Non so se riuscirò ad affrontare un caffè di gruppo, ma i miei appunti saranno pronti :D

    @Eunice sai che anche io riesco riesco a fare amicizia più facilmente con donne forti? Forse perchè hanno un comportamento più maschile(non che le donne siano deboli).
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online