Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Non al denaro non all'amore né al cielo - Fabrizio De André

Da qualche tempo sono in fissa con questo album del 1971, che considero uno dei più belli mai scritti e tra l'altro è ispirato ad un'opera di una poesia e di una raffinatezza splendide come l'Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters.
Pensavo (ditemi se è un caso) che molti brani sembrano parlare di aspie.
Parla di un asperger "Un Matto", che "ha un mondo nel cuore e non riesce ad esprimerlo con le parole", "cerca le parole sicure per farsi ascoltare" e, consapevole che "per stupire mezz'ora basta un libro di storia", "cerca di imparare la Treccani a memoria". Un savant!
Non avrà problemi cardiaci, ma, come "Un Malato di Cuore", anche un asperger "da ragazzo spia i ragazzi giocare", "gli viene la voglia di uscire e provare che cosa gli manca per correre al prato", ma poi "si tiene la voglia, e rimane a pensare come diavolo fanno a riprendere fiato". E, sempre come lui, "da uomo avverte il tempo sprecato a farsi narrare la vita dagli occhi", "e mai può bere alla coppa d'un fiato, ma a piccoli sorsi interrotti".
E un asperger è un po' anche "Un Chimico", che ha sempre "il potere di sposar gli elementi e di farli reagire", ma "mai gli uomini mai gli riesce di capire perché si combinino attraverso l'amore affidando ad un gioco la gioia e il dolore". Però l'idrogeno e l'ossigeno si sposano senza scoppiare "soltanto con la legge che lui riesce a capire". E coerentemente "no, non si volle sposare, non sapendo con chi e chi avrebbe generato".
Molti altri sarebbero gli esempi... ma mi stupisce come De André riesca a cogliere certi aspetti nell'umanità di queste persone. Non dico, con questo, che potesse essere asperger lui (non ne ho le prove), ma che mi riconosco molto in queste frasi e in questi personaggi che ho citato.
Voi cosa ne pensate?
Amelieandato27ValentaKolymaWandageekjakeyugenKrigerinneRobKandreaumkCyrano
«13

Commenti

  • stanleystanley Membro
    Pubblicazioni: 47
    Bellissimo disco, uno dei miei preferiti; e mi piacciono molto anche le poesie di Masters, ma penso che De Andrè abbia addirittura superato il modello.
    La cosa più interessante è che sono tutte persone morte che parlano dalla tomba e confessano i segreti della loro vita e del loro carattere, tutte le cose che da vivi non hanno mai avuto il coraggio di dire perchè frenati dall'ipocrisia e dalle convenzioni sociali
    In effetti è vero che sono tutti dei diversi, degli emarginati, esclusi dalla società per le "stranezze" dell'oro carattere un po' come noi asperger.
    Il mio preferito è il suonatore Jones: anche lui è un po' un emarginato che non si è mai interessato alle cose a cui si interessano gli altri (non al denaro, non all'amore ne al cielo, appunto) ma un emarginato felice perchè ha fatto quello che gli piaceva (suonare e sbronzarsi) quando gli piaceva: Dovremmo seguire tutti il suo esempio: non parlo di sbronzarsi ovviamente ma di essere noi stessi senza pensare al giudizio degli altri.
    Sheldonaspirina
  • SheldonSheldon Veterano Pro
    Pubblicazioni: 614
    Che bella, la mente del suonatore Jones! "In un vortice di polvere gli altri vedevan siccità...".
    Gli altri! Quante volte ci succede di pensare a come vedono la realtà "gli altri"... e a come la vediamo noi, tra la sua dimensione rigorosamente fisica e il suo riflesso nella nostra fervidissima immaginazione!
    aspirina
  • andreaumkandreaumk Veterano Pro
    Pubblicazioni: 339
    Concordo in pieno, non a caso mi sono appassionato a De Andrè a 11-12 anni e rimane tutt'ora l'artista che ascolto di più.
    In ogni suo disco ha cercato di dare voce agli emarginati evocando sempre un atmosfera umana e di compassione.
    Come te non voglio dire se lui stesso sia stato aspie o meno ma di sicuro era un emarginato, tanto quanto i personaggi che cantava (il non voler prendere la patente per la paura di affrontare l'esame, la paura di cantare davanti al pubblico che lo portava a bere come una spugna, riuscire ad avere i primi rapporti solo col le prostitute per non dover aprirsi sentimentalmente, i primi dischi pubblicati sotto il solo nome di "Fabrizio" e rimanere quasi nell anonimato). Uno dei tanti amici fragili.
    Sheldon
  • SheldonSheldon Veterano Pro
    Pubblicazioni: 614
    E poi sorpreso dai vostri "Come sta"
    meravigliato da luoghi meno comuni e più feroci,
    tipo "Come ti senti amico, amico fragile,
    se vuoi potrò occuparmi un'ora al mese di te"
    "Lo sa che io ho perduto due figli"
    "Signora lei è una donna piuttosto distratta."
    E ancora ucciso dalla vostra cortesia...
    andreaumkyugenCyranoaspirinawinstonsmith87reset
  • andreaumkandreaumk Veterano Pro
    Pubblicazioni: 339
    nell'ora in cui un mio sogno
    ballerina di seconda fila,
    agitava per chissà quale avvenire il suo presente di seni enormi
    e il suo cesareo fresco
    Sheldonyugen
  • andreaumkandreaumk Veterano Pro
    Pubblicazioni: 339
    Troppi ricordi :' )
    Sheldon
  • stanleystanley Membro
    Pubblicazioni: 47
    per chi viaggia in direzione ostinata e contraria
    col suo marchio speciale di speciale disperazione
    e tra il vomito dei respinti muove gli ultimi passi
    per consegnare alla morte una goccia di splendore
    di umanità di verità

    SheldonCyranoandreaumkkripstyyugenaspirina
  • kripstykripsty Veterano
    Pubblicazioni: 201
    Io mi porto addosso l'amore dei miei per De Andrè. Le sue canzoni erano le mie ninnananne e non ho mai smesso di amarlo.
    Penso che fosse al di sopra di ogni prospettiva, svincolato da pregiudizi e osservatore acuto della natura umana, oltre che inimitabile poeta.
    L'album che hai citato, come anche "La Buona Novella", (e tutti gli altri) sono irraggiungibili nella loro grandezza (so che è troppo generico come termine ma davvero faccio fatica ad esprimermi su questo).
    Mi ha sempre dato l'idea di non essere di questo mondo, troppo immensa la sua mente..
    yugenandreaumkrondinella61
    Non sono le tragedie che mandano l’uomo al manicomio.
    Non la fine del suo amore,
    ma il laccio delle scarpe che gli si spezza proprio all’ultimo momento.
    (Charles Bukowski)
  • ZenzeroZenzero Veterano Pro
    Pubblicazioni: 645
    Non ci avevo mai fatto caso, adesso mi è venuta la curiosità di ascoltarlo guardandolo da un nuovo punto di vista.
    Curioso. :-)
    Sheldon
  • yugenyugen Mastro Libraio
    Pubblicazioni: 1,888
    Forse sono OT ma ascoltando questo ho pensato di condiverlo con voi :)

    Cyranolollina
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586