Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Come cercare lavoro senza coraggio né ambizioni né aiuti

Andato_87Andato_87 Andato
modificato September 2012 in Studio e lavoro
Lavoro. Una parola così astratta per me che ancora non ne capisco il significato.

L’argomento è delicato, per cui già aprire questo thread è una prova di coraggio. Sono diplomato dal 2007 e non sono mai uscito di casa da solo, tranne pochissime volte. Per questo, non ho alcuna esperienza lavorativa, e purtroppo nemmeno un’ambizione. Non ditemi di fare l’università, per favore. Non me la sento, e se non ho continuato gli studi, un motivo ci sarà. Vorrei cominciare a fare qualcosa che mi tenga impegnato e che mi aiuti a non sentirmi una nullità, a smuovermi e ad essere un po’ più indipendente e responsabile.
Negli ultimi tre anni ho parlato più volte di lavoro con mia madre (e altri parenti), anche se non spesso. Le ho chiesto anche di aiutarmi a cercarlo, o di darmi una dritta, come penso dovrebbero fare molti genitori, ma ogni volta mi sembra avermi detto che non posso, o che non ne sarei capace, o che la mia non sembra una richiesta seria. Forse non ne parlo con la giusta sicurezza, o forse non si fida di me. Eppure mi vuole bene e penso sarebbe contenta se prendessi finalmente un’iniziativa seria da solo, anziché vergognarmi ingiustamente. Di solito a questa richiesta mi si pongono domande del tipo “Cosa vorresti fare?” o “Per cosa ti senti adatto”?. Domande a cui non ho mai saputo rispondere. E meno male che noi ND, secondo lo stereotipo, siamo pieni di interessi particolari o ristretti, e chissà cos’altro... Al massimo ho avuto fissazioni da piccolo, ma mai nulla di realmente costruttivo, anzi... roba che ad oggi mi avrebbe precluso molte opportunità, e infatti ho sprecato occasioni molto più “banali” ai tempi della scuola, come imparare a prendere l’autobus, o farmi amico a qualche compagno di classe, magari l’unico che non mi prendeva in giro per la mia goffaggine di allora, ammesso che ne abbia avuto uno... ora fatico a ricordare, del resto il passato è passato.
Compio 25 anni fra due settimane, ed ogni anni in questo periodo, penso di star sprecando il mio tempo.
Vorrei provarci su qualche sito che mi aiutasse nella ricerca di un impiego (non riesco ancora a usare il termine lavoro correttamente) nella città dove vivo. È da un anno e mezzo che ci penso, ma non ho mai avuto il coraggio di metterlo in pratica. Scrivo soprattutto per ricevere consigli su dove orientarmi nella ricerca di lavoro on line, visto che non ho il coraggio di cercarlo con i metodi “tradizionali”, anzi, a dire il vero non so neanche come si fa. Non posso neanche scrivere annunci su giornali. Per farla breve, non ho idea di come, dove e quando si svolge un semplice colloquio. Nessuno me lo ha mai insegnato perché a tutti dovrebbe venire istintivo, ma per me non lo è mai stato e non lo sarà mai.
Il web sarebbe un’ottimo “trampolino” di lancio.
Però mi terrorizza l’idea di pubblicare il mio numero di cellulare su un annuncio web, quindi sarei tentato a “rischiare” (come già considero la ricerca di un impiego) solo pubblicando un numero di un’altra scheda che non uso più e da cui posso ancora ricevere.
Mi blocca anche la convinzione di non essere ancora pronto per il “grande passo”. A quanto pare sono il solito post-adolescente timorato (ma di cosa, poi?). Magari sono io a sentirmi come “costretto”, e invece semplicemente mi manca il coraggio.
Inoltre non voglio più che la solita frase “c’è crisi” mi blocchi ulteriormente, non voglio sia un pretesto per essere l’ennesimo nullafacente. È da anni che cerco di uscire da questa specie di blocco di cemento armato e prima o poi ci riuscirò.
Non sono sicuro di ciò che ho scritto, ma me ne assumo la responsabilità. 
Spero di non aver violato il regolamento del forum, poiché chiedo consigli su alcuni siti internet e su cosa e come scriverci. Nel caso, la mail è aperta.
Spero anche di essere stato chiaro, eventualmente aggiungerò altro.

Grazie a chiunque mi risponderà.
Post edited by Andato_87 on
Taggata:
«1345

Commenti

  • Semir78Semir78 Andato
    Pubblicazioni: 1,101
    Ciao A87.
    Allora, se hai paura che il tuo numero di cellulare vada ai quattro venti, usa un'altra SIM. Se non hai un altro cellulare, ce ne sono DualSIM a meno di 50 euro.

    Cercare lavoro su internet è difficile, perché a differenza che all'estero, qui in Italia non ti rispondono neanche per dirti "No, grazie. Non abbiamo bisogno di lei".

    Lavorare ti aiuterà a crearti delle abituni e routine che a noi fanno bene ;-)
    Dalle mie parti (Toscana) si dice che i lavori come falegname, panettiere, fabbro ecc... sono ben reunerati e i datori di lavoro non riescono a trovare personale, neanche senza esperienza.
    Non mettono annunci on-line e neanche sui quotidiani, devi presentari personalmente. E' difficile, ma se ti prendono è buona cosa.

    Non fidarti degli annunci sui quotidiani, la maggior parte cercano personale altamente qualificato e con molti anni di esperienza oppuri trovi i classici lavori porta a porta o di vendita piramidale.

    Dovresti per prima cosa presentari all'ufficio per l'impiego, li è un buon inizio. Sapranno anche orientari. Considera che sei ancora in tempo per essere assunto come apprendista, quindi non aspettare altro tempo!

    Ciao :-)
  • Andato_87Andato_87 Andato
    modificato September 2012 Pubblicazioni: 3,049
    Si può essere assunti come apprendisti anche via web?
    Non ho nemmeno il coraggio di uscire per quel motivo.
    Avrò dei traumi irrisolti, non so…
    Post edited by Andato_87 on
  • Semir78Semir78 Andato
    Pubblicazioni: 1,101
    Si può essere assunti come apprendisti anche via web?
    Non ho nemmeno il coraggio di uscire per quel motivo.
    Avrò dei traumi irrisolti, non so…
    Via web in che senso? Trovare annunci di lavoro su internet? Si, certo. Ci sono siti apposta, come monster.it. Essere assunti direttamente via webcam (per esempio) per un lavoro da casa, direi proprio di no. Sai perché? Perché siamo in Italia.

    Devi trovare la forza per uscire. Comincia intanto all'ufficio per l'impiego.
    O esci e cerchi lavoro o rimani agli arresti domiciliari. Questo mi dicevo, quando ero disoccupato. Meglio uscire e cercare lavoro.
  • caione8caione8 Veterano
    Pubblicazioni: 251
    Molte delle paure che hai tu sono le stesse che avevo io (e che avrei tutt'ora se perdessi il mio attuale lavoro) quindi non preoccuparti troppo; è ovvio che più aspetti più la situazione si aggrava.
    Quando ho dovuto informarmi per lo stage universitario, l'ho fatto solamente tramite internet.
    Innanzitutto preciso che quando mi sono iscritto all'università non sapevo nemmeno che stavo facendo. Il secondo anno però ha cominciato a delinearsi un piano nella mia mente, ossia sfruttare il tirocinio messo a disposizione dall'università per poi farmi assumere dall'azienda; durante lo stage non ho percepito alcun compenso e devo dire che ciò ha influito in positivo sulla mia futura assunzione perché non sentivo alcuna responsabilità verso l'azienda.
    Ma passiamo alla parte che interessa a te, ossia il modo con cui ho contattato il mio attuale datore di lavoro.
    Prima di tutto ho ricercato in internet le aziende della mia zona con un contatto mail.
    Dopodiché ho spedito a tutte il mio curriculum, omettendo di proposito qualsiasi numero di recapito (se volevano rispondere potevano farlo da email).
    Ogni volta che ricevevo una risposta mi assaliva la paura del colloquio e declinavo l'offerta, finché ho ricevuto una email che mi pareva più "alla mano" di altre (non so, dava una sensazione più casalinga che aziendale); mi sono deciso a fare questo colloquio (ho sudato come un maiale mentre lo facevo, devo ammetterlo) e dopo il periodo di prova, la laurea e l'assuzione, eccomi qui a risponderti.
    Spero di non averti messo ancora più terrore; io ti ho raccontato la mia esperienza sperando che possa aiutarti.
    Death is so terribly final, while life is full of possibilities.
  • TsukimiTsukimi Senatore
    Pubblicazioni: 3,827
    Non so darti consigli pratici perché non ne so molto fuori dal mio settore. Però vorrei incoraggiarti a non farti abbattere dalla tua famiglia. Ovviamente so solo quello che scrivi, ma da quel che vedo non capisco perché diano per scontato che non farai mai niente e non ti abbiano invece incoraggiato prima a fare qualche esperienza.
    Un fatto, comunque, é che per prima cosa devi imparare a uscire di casa da solo. Magari prova a uscire per fare, boh, qualche piccola commissione, perché se la prima uscita corrisponde al colloquio di lavoro questo aumenterebbe il livello di stress. Meglio andare per gradi ed abituarsi.
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • TsukimiTsukimi Senatore
    modificato September 2012 Pubblicazioni: 3,827
    Ah ancora un paio di cose: 1) hai qualche disabilità riconosciuta (per cui potresti avere qualche corsia preferenziale)? 2) a nessuno viene "istintivo" il modo di cercare lavoro o affrontare un colloquio, infatti é pieno di corsi, manuali e consigli vari.
    Post edited by Tsukimi on
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • Andato_87Andato_87 Andato
    modificato September 2012 Pubblicazioni: 3,049
    hai qualche disabilità riconosciuta o puoi ottenerla?
    Diverse cartelle di quando avevo 3 e 7 anni parlavano di “sospetta sindrome autistica”, mentre a 19 anni (forse già 18) ho avuto la diagnosi ufficiale di Asperger.
    Post edited by Andato_87 on
  • TsukimiTsukimi Senatore
    Pubblicazioni: 3,827
    Chi fra i lettori ne sa qualcosa, per favore posti informazioni su come ottenere il riconoscimento della disabilità e sulle possibilità di accesso "speciale" all'impiego.

    Lo dico essenzialmente perché vale la pena tentarle tutte, NON assolutamente per rinunciare a prospettive di lavoro "normali".

    Potrebbe essere anche utile qualche forma di terapia per poter affrontare psicologicamente la cosa. In America so che fanno "vocational rehab", qui non so cosa sia disponibile. Ancora una volta metto lì qualche idea e mi appello agli esperti (@wolfgang?).
    "The Enlightened Take Things Lightly" - Principia Discordia
  • Andato_87Andato_87 Andato
    modificato September 2012 Pubblicazioni: 3,049
    Prima di tutto ho ricercato in internet le aziende della mia zona con un contatto mail. Dopodiché ho spedito a tutte il mio curriculum, omettendo di proposito qualsiasi numero di recapito (se volevano rispondere potevano farlo da email).
    Vedrò se sarà fattibile... chissà... mi serve solo più incoraggiamento.
    Intanto ringrazio anche Tsukimi per l’interessamento e attendo altre risposte, non si sa mai.
    Post edited by Andato_87 on
  • biancabianca Senatore
    Pubblicazioni: 1,380
    @A87. Ho alcune cose da dirti, ora non riesco, ti scrivo più tardi.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online