Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Perché le persone Asperger sono così sole?

FedericaxFedericax Veterano Pro
modificato December 2016 in Mi sento giù
Buonasera a tutti. È da un po' di tempo che non scrivo su questo forum, più che altro per non ripetermi e ribadire le stesse cose. Comunque, premettendo che io non ho una diagnosi dato che continuo a tirarmi indietro, ciò che mi ha fatto sempre pensare principalmente (tralasciando il resto) di essere "imparentata" con questa sindrome è il fatto di non avere (né di non avere mai avuto) amici, insomma l'aspetto che riguarda la socializzazione. Ma perché le persone che hanno a che fare con l'autismo solo sole? Insomma, è triste. Io personalmete vorrei una persona con cui uscire, condividere qualcosa, soprattutto durante le vacanze natalazie. La società ci impone dei momenti, programma la nostra vita. La vigilia di Natale e il giorno di Natale lo si passa con la famiglia, a S.Stefano è tradizione andare al cinema, la vigilia di Capodanno la si passa coi suddetti amici e infine c'è la giornata della Befana dove si va per mercatini a "spaccarsi" di cioccolato e caramelle. Alla fine, per quanto vorremmo e potremmo ignorare queste tradizioni sciocche non lo facciamo, e queste giornate a mio avviso servono solo a ricordare ad una persona quanto è sola.
amigdalaSoleSolitaireWBorg_AndatoMariAlberiEstherDonnellyEireneWhoamiEinsteinDoorpixie_queen
Post edited by Federicax on
«13456

Commenti

  • WBorg_AndatoWBorg_Andato SymbolPilastro
    Pubblicazioni: 2,903
    A volte siamo noi stessi che scegliamo questa strada. Ed e uno sbaglio a fine dei conti.
    Si sta bene da soli ? Può darsi. Ma alla lunga fa male e danneggia.
    Chiedo scusa a tutti quelli che amano la solitudine.
    EstherDonnellyFedericaxWhoamilollinaEinsteinDoorKaliapixie_queen
    .
  • FedericaxFedericax Veterano Pro
    Pubblicazioni: 291
    WBorg ha detto:

    A volte siamo noi stessi che scegliamo questa strada. Ed e uno sbaglio a fine dei conti.
    Si sta bene da soli ? Può darsi. Ma alla lunga fa male e danneggia.
    Chiedo scusa a tutti quelli che amano la solitudine.

    Hai ragione, però io non ho mai scelto questa strada semplicemente non riesco a socializzare con le persone. Ciò può sembrare una risposta banale e scontata, e non penso di essere l'unica a trovare soltanto questa, però non saprei in che altro modo spiegarlo. Uno si dovrebbe adattare al contesto in cui si trova ma ciò è possibile farlo per un tempo limitato.
    Forse dovrei farmene semplicemente una ragione? C'è chi non è portato a nuotare, chi a guidare, per esempio, io a stare con le persone, questo penso potranno confermarmelo le persone più grandi se col tempo uno impara a convivere con questa cosa.
    amigdalaWhoamiWBorg_AndatoMariAlberiBlue_SoulEinsteinvanessa
  • cameliacamelia Colonna
    Pubblicazioni: 2,472
    Io credo che affermare che la scegliamo (la solitudine) non sia corretto. Mi aspetto questo genere di considerazione da chi non sa, non può sapere, ma non in questo forum. Sono considerazioni che possono far male. Potrebbero forse far pensare, se ognuno di noi già non ci avesse passato notti insonni, forse potrebbero "scuotere" qualcuno. Ma forse no.
    FedericaxamigdalaWBorg_AndatoMariAlberiEinsteinWhoamiLudoAntonius_BlockSirAlphaexa
  • FedericaxFedericax Veterano Pro
    modificato December 2016 Pubblicazioni: 291
    camelia ha detto:

    Io credo che affermare che la scegliamo (la solitudine) non sia corretto. Mi aspetto questo genere di considerazione da chi non sa, non può sapere, ma non in questo forum. Sono considerazioni che possono far male. Potrebbero forse far pensare, se ognuno di noi già non ci avesse passato notti insonni, forse potrebbero "scuotere" qualcuno. Ma forse no.

    Spero di non avere turbato la sensibilità di nessuno con il mio post, il mio era più che altro uno sfogo personalmente.
    Semplicemente vorrei capire, perché ci sono persone (come me) che non riescono a socializzare, nemmeno arrivando a "pagare" le persone (con ciò mi riferisco principalmente ai compleanni, dove riuscivo a convincere le persone a venire alla mia festa con la scusa che ci sarebbe stato tanto da mangiare), e altre che sembrano nate con la dote naturale di fare amicizia. Non dico che vorrei diventare come loro, ma almeno una via di mezzo.
    amigdalaWBorg_AndatoanxietyMariAlberiEinsteinWhoamivanessa
    Post edited by Federicax on
  • pokepoke Neofita
    Pubblicazioni: 1,133
    Perché le persone Asperger sono così sole?

    La tua domanda non è una domanda, sembra più un'imprecazione.
    Sai, fino a qualche giorno fa, avrei risposto con l'elenco dei motivi "tecnici".

    Ora mi sembra più una richiesta d'amicizia.

    Immagina due tipi di movimenti, uno è meccanico composto da rotelle ed ingranaggi (tipo vecchie sveglie) l'altro di tipo magnetico (esempio calamita).

    Le persone si muovono tra di loro, nei rapporti sociali, seguendo un istinto innato.
    Questo è osservabile in natura anche nei cugini primati.
    Ci sono comportamenti remotivanti, altri inducono nell'altro il segnale di avvicinamento, condivisione.
    In natura questi segnali hanno l'obiettivo di creare gerarchie, evitando/limitando scontri diretti.
    Immagina che tutto questo ovviene per un istinto. Quindi in modo immediato. Gli animali funzionano così, l'uomo inteso come animale sociale funziona così.

    Immagina ora, che in alcuni individui ci sia un diverso modo di elaborare le informazioni e quindi di ritrasmetterle.
    Il sistema non funziona per magnetismo ma per ragionamento.
    I rapporti sociali ed i segnali di reciprocità, transitano per un breve tratto nella via dell'istinto e poi vengono elaborati in modo razionale, quindi ritrasmessi nel sociale.

    Questo produce un ritardo nella comunicazione.
    Questo ritardo viene interpretato come anomalia dall'uomo sociale. L'uomo sociale ha il suo senso di agglomerazione con i simili. Coloro che utilizzano un segnale di tipo magnetico.

    Ora, questa favoletta per dirti di non disperare. Tanto più sono ragionate le tue strategie di amicizia e tanto più sono destinate a fallire con la tipologia uomo sociale. Egli avverte la differenza. Ricorda vuole il simile.

    Quindi, puoi provare a limare la ragione ed a sensibilizzare il tuo schema comunicativo verso l'istinto.

    O, puoi fare la ricerca di persone simili. Impresa destinata a fallire. Questo è con una nota di amarezza, in quanto è stato un sogno.


    Piccola nota conclusiva, hai aperto una bella discussione. Perché ti crucci?

    MariAlberiFedericaxsara79pixie_queenCorocottasqwert179
  • PavelyPavely Membro
    modificato December 2016 Pubblicazioni: 2,782
    "Perché le persone Asperger sono così sole?".

    @Federicax, le persone Asperger sono così sole perché sono Asperger...

    MariAlbericameliaKaliaFedericaxLudoAntonius_Blockvanessa
    Post edited by Pavely on
  • pokepoke Neofita
    Pubblicazioni: 1,133
    Le persone neurotipiche sono "mamme gatto" che accudiscono i piccoli. E sanno difenderli e li difendono

    Già, ma alcune divorano i loro cuccioli se intravedono le imperfezioni. E di questo bisogna tener conto per sopravvivere. Da qui deriva la maschera che alcune persone Asperger si poggiano sul viso per tenersi in vita, soffocando.

    Condivido il tuo pensiero, signor Pavely, ma tu parti da un punto, l'autistico come se fosse un unico individuo circondato da una globalità di neurotipici omogenei.

    Io nella mia mente coltivo il sogno frantumato che si possa individuare e rappprtarsi con una persona somigliante.

    Per il resto, sai bene che non tutti non leggono i tuoi lunghi post.

    Sorrido nel leggere alcune tue affermazioni. (Sia chiaro un sorriso non di derisione, tutt'altro credimi).
    Vero per fare amicizia è necessario appiattirsi, rinunciare a ragionare, in quanto in ragionamento individuale è interpretato come sovversivo segnale di aggressività.
    Che sciocchezza!



    @Federicax tu hai aperto una delle uniche discussioni sensate. Che va' al nocciolo di quello che c'è alla.base della disperazione di un Asperger.
    Per dirla in modo crudo, l'origine dei tentativi di suicidio.
    Ma ci sarà chi deriderà questo pensiero. Chi lo riterrà non attinente. Solo perché fa emergere l'invito ad un senso di responsabilità diretta, quando si emargina un individuo.

    Se, scritto con tanti se, vuoi io sono aperta a fare amicizia. Se non ti lasci influenzare dalle dinamiche sociali di un forum che spesso disegnano con matite nere, confini inesistenti tra le persone.

    A me non fa paura esser definita sfigata, solo perché ho l'umiltà di riconoscere ed ammettere la mia solitudine. No. Mi sento che la vita ha senso di esistere anche per i tentativi destinati strategicamente a fallire.
    Forse è il guerriero che è in me, forse è il carnefice del buon senso. Ma credo che Pollicino lasciando prima briciole di pane, e poi sassolini, prima o poi ritrovi la strada di casa (amicizia).
    EirenecameliaMariAlberiFedericaxrondinella61pixie_queenvanessaalia
  • EireneEirene SymbolVeterano Pro
    Pubblicazioni: 493
    Non so se per voi è lo stesso, ma da NT un po' egocentrica ho qualche problema di tempistiche.

    Su un forum posso connettermi quando ho voglia di farlo, discutere di quello che ho voglia e ignorare le discussioni che non mi interessano. Se l'argomento mi interessa, ma non ho voglia di pensarci tanto da formulare un'opinione, posso farlo quando sono più ispirata. Con una persona reale bisogna essere lì nel momento in cui si decide di trovarsi, concentrarsi sulla discussione in corso anche se il tema è noioso (se si è in due si può cambiare argomento, in gruppo diventa più complesso), seguire una serie di convenzioni sociali che dipendono da luogo e interlocutore e per quanto mi riguarda non è che ne abbia sempre voglia.

    A volte penso che la solitudine faccia schifo, ma l'alternativa sia troppo dispendiosa quanto a tempo ed energie. :°Z
    EinsteinMariAlberiWhoamiFedericaxvanessaMakaira
  • pokepoke Neofita
    Pubblicazioni: 1,133
    Si, @Eirene
    C'è un problema anche nel tempismo. In quanto se hai difficoltà ad appianare la conversazione sui valori medi condivisi, risulti sfasato nella conversazione e nei segnali di socializzazione.

    La solitudine non è necessariamente schifosa. In quanto è una percezione.
    Posso sentirmi sola, anche se fisicamente o virtualmente sono in un gruppo.
    Questo accade quando i segnali non comunicano tra loro.
    Allinearsi ai segnali può essere dispendioso/faticoso, quando non c'è un ritorno comunicativo, o quando gli stimoli vengono percepiti in modo amplificato.

    Ci sono momenti in cui si è fisicamente soli, ma mentalmente ci si sente connessi con una persona/gruppo. Si instaurano dialoghi interiori, con l'idea dell'interlocutore. Questo anche può essere dispendioso, in quanto c'è un eccesso di immaginazione non concretizzata.
    Questa capacità di immaginare può condurre ad eccessi di speculazione mentale. Privati della dialettica reale, possono indurre il soggetto a conclusioni non corrette.

    Credo che sostanzialmente, si ritorni sempre al punto, per fare amicizia bisogna pensare il meno possibile. Agire, condividere realtà, incontrarsi, arginare con comportamenti dissimulatori le divergenze.
    Evitare o limitare la permanenza sui social, che alterano le dinamiche biologiche della comunicazione.

    Poi, c'erano delle interessanti osservazioni, ma sono state cancellate. Peccato!
    MariAlberiEirenesara79pixie_queenEinstein
  • cameliacamelia Colonna
    modificato December 2016 Pubblicazioni: 2,472
    La solitudine imbruttisce. Stamane mi sono svegliata con una faccia horror. Ma mi imbruttisce anche venire ogni giorno a contatto con l'incoerenza, le maschere che occorre mettere per portare avanti una relazione. E poi quando son li in un bar, magari sto anche benino, ma starei ancor meglio se potessi dire "ei, non so proprio di che parlare ora con te, se mi dai un argomento lo sviluppiamo"....e son vicina, molto vicina, a poter dire ciò, per vedere che effetto fa. Or ora ho avuto una conversazione al telefono che mi ha lasciato l'amaro in bocca, perchè è stata totalmente falsa, e ma non puoi dire alla gente il 30 di dicembre "Quello che mi dici per me non ha completamente senso, sto fingendo stupore e il resto...", non si può, però poi a me rimane come una ripugnanza verso me stessa che devo digerire
    EireneEstherDonnellylollinaWhoamiFedericaxEinsteinDoormandragola77woodstockBlue_Soul
    Post edited by camelia on
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586