Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Come capire le intenzioni degli uomini

Dopo tanti anni di matrimonio, mi sono separata lo scorso anno.
Ho 38 anni e sono stata fidanzata e poi sposata da quando avevo 19 anni, quindi può darsi che, semplicemente , non sia allenata alla situazione, ma in questo momento sto facendo davvero fatica a relazionarmi con gli uomini.
Sono sempre stata più a mio agio con gli uomini che con le donne, perché ho sempre avuto una mente un po' maschile e mi sento più libera e rilassata con loro.
Ma la situazione si sta ribaltando perché mi sta capitando spesso che quelli che penso siano amici, in realtà si dichiarino a me in modo romantico senza che io ne abbia avuto il sospetto.
Quando un uomo con cui scherzo o parlo mi chiede di vederci per discutere di qualcosa o aiutarlo in qualche progetto, io accetto volentieri. Ma più di una volta è andata a finire che lo consideravano un appuntamento romantico.
E allora perché non mi hanno chiesto direttamente un appuntamento?
Quando poi capita con persone che hanno già una compagna, cado completamente dalle nuvole.
Prendiamo quello che è successo ieri. Un vecchio collega mi ha fatto gli auguri per natale. Mi ha chiesto come andavano le cose e quando ha saputo che ero in cerca di lavoro mi ha chiamata e si è offerto di sentire qualche contatto per vedere se poteva uscire qualcosa per me. L'ho ringraziato molto e mi ha invitata a cena per parlarne e per rivedersi dopo tanto tempo.
Ha una compagna da anni e non c'è mai stato alcun tipo di interesse da parte sua quando lavoravamo insieme .
Ieri sera siamo usciti ed è stato molto gentile, ma senza tentare flirt o altro (per lo meno che io abbia notato).
Mi ha offerto la cena (e ho pensato che fosse un gesto gentile visto che al momento io mi trovo senza lavoro) e abbiamo parlato anche di lavoro.
Mi ha portato anche un pensierino, una rosa, dicendomi che era un augurio per la mia nuova vita.
Io non ci ho letto niente di strano, però mia madre ha subito detto che ha un interesse diverso nei miei confronti.
Io mi sono stupita, ma in effetti oggi ha continuato a mandarmi messaggi e a chiedermi di vederci di nuovo. E io mi trovo in imbarazzo perché non posso rifiutare dicendo "non mi interessi in quel senso" perché non c'è niente di esplicito da parte sua, ma allo stesso tempo... e se mia madre avesse ragione?
Ho anche pensato di introdurre nel discorso che in questo momento sto vivendo una relazione a distanza , ma non ho idea di come fare perché sono sempre stata riservata e suona strano uscirmene da un momento all'altro con questa notizia se non mi viene chiesto niente sulla mia vita privata. D'altronde, questo collega ha una relazione, quindi non so se sarebbe un deterrente.
Sono veramente confusa da queste situazioni. è addirittura capitata una situazione nella quale mi è stato esplicitamente detto "mi sa che tu non hai capito il motivo per cui ti ho invitata.."
Mi capitano spesso e mi stanno rendendo insicura e spaventata nelle relazioni con gli uomini.
Avete consigli o esperienze simili da condividere?
ValentagiovannaMariAlberiAmelieEireneFenice2016mandragola77rondinella61vanessa
«1345

Commenti

  • cameliacamelia Colonna
    Pubblicazioni: 2,412
    Credo che per me una relazione con un uomo nt sia oggettivamente impossibile, proprio perché fatico e fallisco puntualmente nel comprenderne le intenzioni. La mia esperienza è diversa da quella sopra esposta, ma il risultaro è alla fine lo stesso. Va meglio con gli uomini nd
    MariAlberiAmelielunagattina
  • EstherPrynneEstherPrynne Neofita
    Pubblicazioni: 161
    lunagattina ha detto:

    Dopo tanti anni di matrimonio, mi sono separata lo scorso anno.
    Ho 38 anni e sono stata fidanzata e poi sposata da quando avevo 19 anni, quindi può darsi che, semplicemente , non sia allenata alla situazione, ma in questo momento sto facendo davvero fatica a relazionarmi con gli uomini.
    Sono sempre stata più a mio agio con gli uomini che con le donne, perché ho sempre avuto una mente un po' maschile e mi sento più libera e rilassata con loro.
    Ma la situazione si sta ribaltando perché mi sta capitando spesso che quelli che penso siano amici, in realtà si dichiarino a me in modo romantico senza che io ne abbia avuto il sospetto.
    Quando un uomo con cui scherzo o parlo mi chiede di vederci per discutere di qualcosa o aiutarlo in qualche progetto, io accetto volentieri. Ma più di una volta è andata a finire che lo consideravano un appuntamento romantico.
    E allora perché non mi hanno chiesto direttamente un appuntamento?
    Quando poi capita con persone che hanno già una compagna, cado completamente dalle nuvole.
    Prendiamo quello che è successo ieri. Un vecchio collega mi ha fatto gli auguri per natale. Mi ha chiesto come andavano le cose e quando ha saputo che ero in cerca di lavoro mi ha chiamata e si è offerto di sentire qualche contatto per vedere se poteva uscire qualcosa per me. L'ho ringraziato molto e mi ha invitata a cena per parlarne e per rivedersi dopo tanto tempo.
    Ha una compagna da anni e non c'è mai stato alcun tipo di interesse da parte sua quando lavoravamo insieme .
    Ieri sera siamo usciti ed è stato molto gentile, ma senza tentare flirt o altro (per lo meno che io abbia notato).
    Mi ha offerto la cena (e ho pensato che fosse un gesto gentile visto che al momento io mi trovo senza lavoro) e abbiamo parlato anche di lavoro.
    Mi ha portato anche un pensierino, una rosa, dicendomi che era un augurio per la mia nuova vita.
    Io non ci ho letto niente di strano, però mia madre ha subito detto che ha un interesse diverso nei miei confronti.
    Io mi sono stupita, ma in effetti oggi ha continuato a mandarmi messaggi e a chiedermi di vederci di nuovo. E io mi trovo in imbarazzo perché non posso rifiutare dicendo "non mi interessi in quel senso" perché non c'è niente di esplicito da parte sua, ma allo stesso tempo... e se mia madre avesse ragione?
    Ho anche pensato di introdurre nel discorso che in questo momento sto vivendo una relazione a distanza , ma non ho idea di come fare perché sono sempre stata riservata e suona strano uscirmene da un momento all'altro con questa notizia se non mi viene chiesto niente sulla mia vita privata. D'altronde, questo collega ha una relazione, quindi non so se sarebbe un deterrente.
    Sono veramente confusa da queste situazioni. è addirittura capitata una situazione nella quale mi è stato esplicitamente detto "mi sa che tu non hai capito il motivo per cui ti ho invitata.."
    Mi capitano spesso e mi stanno rendendo insicura e spaventata nelle relazioni con gli uomini.
    Avete consigli o esperienze simili da condividere?

    Ciao @lunagattina, io sono come disposizione e attitudine molto simile a te, ma  ho qualche decennio in più e ciò  mi aiuta a sentirmi un po' più disincantata.
    Una rosa è una cosa romantica, non ci sono dubbi. Non è una gentilezza.
    Ci sono codici non scritti ma che purtroppo noi Enneddì dobbiamo imparare per non cadere in malintesi molto imbarazzanti.
    Io non so come reagisci tu, se preferisci l'approccio soft o l'approccio diretto. Io per me gli direi che non apprezzo il tono romantico del suo atteggiamento, e che fra amici (sottolineando amici) è preferibile un franco cameratismo.
    Che poi io sia molto più brusca, va bene, è un altro discorso. Cioè, a un amico un po' scivoloso mi son trovata a dire "Ehi bello non fare lo sdolcinato con me che non attacca". 
    Ma questa sono io. Le cose si possono dire in mille altri modi anche garbati ma chiari, assertivi, inequivocabili.
    Ah, un'altra cosa: lasca perdere le invenzioni come diversivo. Fanno solo c apire che sei irresoluta, e poi, guarda, non gli devi nessuna spiegazione.
    Ah! maledetta la buona educazione!
    MariAlberiNewtonlunagattinaFenice2016mandragola77Nemo
    Ogni passo verso l'orizzonte fa allontanare l'orizzonte (Swift)

  • pokepoke Neofita
    Pubblicazioni: 1,133
    Se vieni da una lunga relazione e sei stata fedele .... fatti le ossa.

    Mediamente un uomo (mi auspico ci siano le.eccezzioni...) quandi ha di fronte una bella donna/ragazza separata, ci prova.
    Pensando che la poverina sia affamata di sesso e pronta ad accattarsi il primo becca morto. . di passaggio.

    In questo l'uomo medio (sposato/convivente/relazionato) ha pochi scrupoli. Avvallato da millenni ed da un substrato culturale che perdonerà sempre eventuali scappatelle.
    I metodi sono
    Lancio il sasso e nascondo la mano.

    I più cortesi offriranno cene e piccoli pensieri.
    Se accetti e fai pagare lui, accetti di essere corteggiata.

    Quelli diretti ti propongono direttamente uno spudorato .... si vedrà che succederà. .. della serie se fai la brava... (non pretendi niente e dici sempre si), ti telefono per passare un po' di tempo con te.. quando non ho altro da fare (magari all'ultimo minuto).
    Queta tipologia di solito sono i liberi/separati/divorziati.

    Personalmente, non mi faccio mai pagare le cene. Della serie zero ricatti.

    Diverso caso se c'è una relazione sentimentale, in quanto gratifico il mio uomo nell'offrirmi una cena, ma contraccambio con regali e pensieri romantici.
    MariAlberiNewtonlollinaamigdalaFenice2016rondinella61vanessaNemo
  • EstherPrynneEstherPrynne Neofita
    Pubblicazioni: 161
    poke ha detto:

    Se vieni da una lunga relazione e sei stata fedele .... fatti le ossa.

    Mediamente un uomo (mi auspico ci siano le.eccezzioni...) quandi ha di fronte una bella donna/ragazza separata, ci prova.
    Pensando che la poverina sia affamata di sesso e pronta ad accattarsi il primo becca morto. . di passaggio.

    In questo l'uomo medio (sposato/convivente/relazionato) ha pochi scrupoli. Avvallato da millenni ed da un substrato culturale che perdonerà sempre eventuali scappatelle.
    I metodi sono
    Lancio il sasso e nascondo la mano.

    I più cortesi offriranno cene e piccoli pensieri.
    Se accetti e fai pagare lui, accetti di essere corteggiata.

    Quelli diretti ti propongono direttamente uno spudorato .... si vedrà che succederà. .. della serie se fai la brava... (non pretendi niente e dici sempre si), ti telefono per passare un po' di tempo con te.. quando non ho altro da fare (magari all'ultimo minuto).
    Queta tipologia di solito sono i liberi/separati/divorziati.

    Personalmente, non mi faccio mai pagare le cene. Della serie zero ricatti.

    Diverso caso se c'è una relazione sentimentale, in quanto gratifico il mio uomo nell'offrirmi una cena, ma contraccambio con regali e pensieri romantici.

    completamente d'accordo con la collega neofita =D>
    vanessaNemo
    Ogni passo verso l'orizzonte fa allontanare l'orizzonte (Swift)

  • lunagattinalunagattina Veterano Pro
    Pubblicazioni: 285
    Ma infatti io mi ero offerta di dividere il conto, ma non ha voluto assolutamente. E la storia della relazione non sarebbe una storia inventata. Sono davvero in una relazione (con un ND fra l'altro) , ma le persone non ne sono di solito a conoscenza perché si tratta al momento di una relazione a lunga distanza (lui abita negli stati uniti e possiamo stare insieme qualche mese sì è qualche mese no), e a volte, anche se lo dico sembra che "non conti" perché è a distanza.
    Cercherò di lasciar scivolare nel discorso qualche frase come suggerito da Esther. Tuttavia mi sento a disagio perché fino a quando non c'è un approccio diretto mi sento quasi come se li stessi accusando di seconde intenzioni che potrebbero non esserci.
  • EstherPrynneEstherPrynne Neofita
    Pubblicazioni: 161
    E loro giocano proprio su questo.
    La soluzione è il "discorso IO" : non bisogna  mai insinuare che l'altro stia dicendo o facendo cose con il doppio fine, ma affermare chiaramente e serenamente ciò che NOI possiamo accettare e ciò che non possiamo accettare, stabilire i confini senza accusare l'altro di averli oltrepassati. 
    Iniziare con la formula "io sento l'esigenza di..." e poi mettere i paletti, esprimere il proprio bisogno. Mai sottintendere che l'altro abbia fatto qualcosa di inappropriato, altrimenti si giustificherà  con il fatto che hai frainteso, e  finisci nell'angolo delle scuse e delle giustificazioni.
     Ricorda che loro sono i grandi rigiratori di frittate, quindi, parla dei tuoi bisogni (di distanza, di rapporti meno confidenziali, di stabilire chiarezza, eccetera) e se ti va di confessare un leggero imbarazzo, puoi farlo tranquillamente, così come puoi pretendere che il rapporto non oltrepassi i limiti che tu senti giusti. 
    E naturalmente potrebbe  anche accettare immediatamente i limiti che tu porresti. Per tentare ogni volta di oltrepassarli. Questo te lo devi aspettare, perchè ti prendono per stanchezza, ti sfiancano e quindi se proprio vuoi frequentarlo  è meglio che tu sia preparata a questa guerriglia.


    ~X(
    NewtonMariAlberiEireneGecoamigdalaMikilunagattinaFenice2016rondinella61Nemo
    Ogni passo verso l'orizzonte fa allontanare l'orizzonte (Swift)

  • NewtonNewton Pilastro
    Pubblicazioni: 2,810
    Io onestamente mi sono ritrovata spesso a troncare rapporti di frequentazione per questi continui "ci provo ma facciamo finta di no", perché come dice @EstherPrynne, anche quando poi ti accorgi che ci stanno inequivocabilmente provando, non glielo puoi dire chiaro e tondo, altrimenti ti danno della presuntuosa visionaria.
    Un uomo con cui credevo di stare instaurando un'amicizia, a un certo punto mi ha chiesto di uscire per fare una gita in moto e poi cena, e poi mi ha detto "però devo organizzarmi per non farlo capire a mia moglie". Al che ho troncato tutto e ho smesso pure di rispondere alle sue chiamate. Ci manca solo che mi trascinino in situazioni simili.
    Secondo me lui ci sta provando con te: la cena offerta, i fiori, e anche quell'aiuto per il lavoro su cui non conterei proprio (e se ci conti, poi ti sentirai pure in debito).
    MariAlberilollinalunagattinarondinella61
  • pokepoke Neofita
    Pubblicazioni: 1,133
    Hahha... grande EstherPrynne ... vero! Ti prendono per stanchezza...
    Il punto è che per un uomo è normalissimo provarci, alcuni la mascherano con la galanteria.
    Ma analizziamo.
    Un uomo offrirebbe una cena ad un altro uomo? Portandogli una rosa?
    Premessa: uomo eterosessuale.
    Poi, perché un uomo passa una serata con una donna? Se ha una compagna dovrebbe preferire star con lei, o al più se desidera solo parlare potrbbe invitare anche la compagna...

    D'altra parte un uomo (abituato a provarci sempre, per varie motivazioni tra le quali il narcisismo), invita una donna.
    Lei va' all'appuntamento. Se è truccata, con un bel vestitino che aggrazia le forme, dal suo punto di vista è autorizzato a pensare:
    Si è fatta bella per me.
    Se ti offre la cena, è come il cavernicolo che torna dalla caccia e ti porta la preda per sfamarti. In cambio si aspetta un atteggiamento favorevole verso di lui.
    La Rosa poi. .. mi domando se di fronte alla compagna, avrebbe fatto quel dono.
    Tu hai necessità di trovare lavoro, e lui sembra possa aiutarti.
    Non ti viene il dubbio (mettendoti nei suoi meccanismi mentali e biologici) che voglia qualcosa in cambio?
    MariAlberilollinaFenice2016rondinella61Nemo
  • riotriot Moderatore
    Pubblicazioni: 3,033
    quello che non ho capito: ma tu credi nella possibilità di amicizia tra uomo e donna entrambi eterosessuali?
    se ci credi, comportati come in un'amicizia tra uomo e donna, lasciando stare le interpretazioni. casomai lasciali ai loro dubbi riportando ogni tuo pensiero all'amicizia. e se voglio altro, saranno loro ad allontanarsi.

    altrimenti, evita del tutto di uscirci.
    lollinaAmelieFenice2016mandragola77Eirenerondinella61vanessaNemo
    "Gli stronzi e i disonesti vanno sempre avanti nella vita. Le persone per bene restano indietro."
    (Affermazione constatativa esistenziale di una mia conoscente).
  • riotriot Moderatore
    modificato 11 January Pubblicazioni: 3,033
    @poke ma: "cavernicoli"?
    ti assicuro che le done si comportano altrettanto mascherandosi dietro una finta riservatezza.
    poi scoprono la mia gaytudine e allora spariscono... oppure come mi è già successo, desiderano una esclusività che arriva al morboso...ma direi di non fare sempre generalizzazioni.

    ogni caso è a se se, e in fondo questo signore mica lo conosciamo. potrebbe essere semplicemente una persona molto cortese, o che male interpreta e in buona fede il linguaggio di lunagattina.
    io penso che sia anche lei a dover mettere bene in chiaro la sua posizione prima che il gioco vada oltre.
    AmelieFenice2016AJDaisyEirenevanessa
    Post edited by riot on
    "Gli stronzi e i disonesti vanno sempre avanti nella vita. Le persone per bene restano indietro."
    (Affermazione constatativa esistenziale di una mia conoscente).
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586