Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Prostituzione - modello legislativo svedese (o neo-proibizionista)

2»

Commenti

  • osurosur Veterano Pro
    Pubblicazioni: 512
    Ho votato abolizionista ma avrei votato proibizionista.

    Ma è stato escluso dalle possibili risposte forse perché ritenuto scarsamente votabile; non può essere definito ingiusto a priori, perché diventano ingiuste anche le altre opzioni nel momento in cui ne entra in vigore una.

    Il neo-proibizionista ha una grossa contraddizione. Come è possibile dichiarare reo chi acquista un prodotto vendibile? È uno Stato che dice: si può vendere un prodotto, ma è vietato acquistarlo. È una grossa contraddizione giuridica. Portiamo il ragionamento su di un altro campo: le sigarette. Immaginate se lo Stato italiano da domani vietasse l'acquisto delle sigarette perché dannose, lasciando liberi i tabaccai di venderle perché, poverini, sono legati al bisogno di dover vendere qualcosa per sopravvivere. Sarebbe un concetto applicabile ad ogni prodotto potenzialmente dannoso o immorale. Spinto all'eccesso potrebbe comprendere auto e moto di grossa cilindrata, alcolici, cibi contenenti grassi in eccesso etc.

    Non sempre la prostituta è vittima, spesso è colei che dirige i locali degli appuntamenti, spesso locali mascherati da massaggi, ristoranti etc. Per cui non è valido il concetto "la maggior parte sono vittime", poiché la minor parte non sono lavoratrici, bensì carnefici e verrebbero equiparate legalmente al ruolo di vittime.

    Il modello regolamentarista sarebbe illecito perché sottende la vendita del corpo e tutte le donne dovrebbero stracciarsi le vesti per la mancanza di rispetto del proprio genere, in tal caso.
    In più, cosa accadrebbe dei legami di molte coppie (fidanzati, compagni, mogli, mariti) sapendo della liceità di tale comportamento? Quanti di voi consentirebbero al compagno/a, fidanzato/a di poter andare liberamente? E si tornerebbe al fatto che: si può vendere, ma non si può comprare, in questo caso eticamente.
    La verità è che il metodo regolamentarista maschera l'incapacità dello Stato di proibire il fenomeno, ma se venisse regolamentato, ci sarebbero allo stesso modo forme di prostituzione di contrabbando, come esistono sigarette (regolamentate e monopolizzate) di contrabbando, DVD (regolamentati) di contrabbando, vestiti firmati (e regolamentati) di contrabbando. E sarebbero molto più pericolose perché il sesso di contrabbando dovrebbe fare concorrenza a quello legale, dovrebbe essere a più basso costo, magari fatto al risparmio sulla sicurezza per renderlo anche più appetibile. E se lo Stato attuale è incapace di abolire la prostituzione oggi, a maggior ragione non lo sarebbe, in caso di regolamentazione, verso quello di contrabbando.

    Il sistema abolizionista è abbietto. E davvero né carne né pesce.
    amigdalaAmelie
  • OssitocinaOssitocina Pilastro
    Pubblicazioni: 2,620
    osur ha detto:

    Ho votato abolizionista ma avrei votato proibizionista.



    Il modello regolamentarista sarebbe illecito perché sottende la vendita del corpo e tutte le donne dovrebbero stracciarsi le vesti per la mancanza di rispetto del proprio genere, in tal caso.

    In più, cosa accadrebbe dei legami di molte coppie (fidanzati, compagni, mogli, mariti) sapendo della liceità di tale comportamento? Quanti di voi consentirebbero al compagno/a, fidanzato/a di poter andare liberamente? E si tornerebbe al fatto che: si può vendere, ma non si può comprare, in questo caso eticamente.

    1- Avresti potuto votare "altro" :)

    2- La prostituzione maschile (e quella che si identifica in sesso/genere "altro") sarebbe parimenti legale, io credo. Dunque che c'entra il rispetto verso il genere femminile?
    Inoltre, trovo che "vendita del corpo" sia una definizione inesatta. La prestazione sessuale (che è l'oggetto della vendita), se consenziente, seppur a pagamento, è un atto animato, partecipativo e bilaterale. "Vendita del corpo" personalmente mi fa pensare alla tratta degli organi, o ad una cessione di sé stessi senza possibilità di revoca: La prostituzione non è questo. (Non so se sono riuscita a spiegarmi).
    Non riesco a comprendere dove stia la mancanza di rispetto, nei confronti di alcunché.

    3- Se per una fetta di popolazione acquistare prestazioni sessuali è sconveniente, non vedo perché dovrebbero rimetterci tutti coloro che vorrebbero farlo e potrebbero senza ulteriori complicazioni. D'altronde, per un diabetico è sconveniente acquistare e mangiare torte, ma non per questo avrebbe senso ritirarle dal commercio. (Inoltre, è un suo sacrosanto diritto mangiarne una ed avere un crisi iper-glicemica di conseguenza).
    LudoAJDaisyAntonius_BlockSirAlphaexa
  • Antonius_BlockAntonius_Block Pilastro
    modificato 11 January Pubblicazioni: 3,405
    @Osur
    Perché la vendita del corpo (espressione errata dato che si vende la prestazione, non il corpo) sarebbe illecita? Dove starebbe la mancanza di rispetto?
    Perché l'acquisto non sarebbe etico?

    Non capisco davvero invece il senso del discorso sulle coppie.
    Post edited by Antonius_Block on
  • NewtonNewton Pilastro
    Pubblicazioni: 3,090
    Secondo me la regolamentazione, allo stato attuale, in sostanza significherebbe tasse (ce la vendono come sicurezza, ma ho i miei grossi dubbi), e chi lavora oggi in nero sarebbe davvero così disposto a fare a metà con lo Stato? E secondo voi, un cliente che non vuole farsi beccare, andrà dalla prostituta regolarmente registrata che emette fattura, o da una totalmente anonima e non tracciabile?
    Io in questo sono d'accordo con @osur, la prostituzione fuori norma non sparirebbe, diventerebbe anzi una zona ancora più cupa.
    OssitocinaandreaumkAmelie
  • osurosur Veterano Pro
    modificato 11 January Pubblicazioni: 512
    @Ossitocina @Antonius_Block
    Hai ragione, avrei potuto votare altro, forse sarebbe stato meglio.

    Chiaramente il discorso del genere femminile vale anche per quello maschile. Certo che il rispetto per il genere maschile deve essere uguale a quello femminile.

    Prestazione sessuale può suonare meglio di vendita del corpo, ma ti spiego il senso. Immagina una sezione "mercatino" su di un forum, anche come questo. Se io scrivo che cerco un portatile di seconda mano, alcuni non risponderanno perché non interessati, altri potrebbero propormi un loro computer usato, ma nessuno si scandalizzerebbe.
    Se dicessi di cercare una prestazione sessuale femminile, regolarmente retribuita, il 99% delle donne si irriterebbe, probabilmente verrei segnalato, forse bannato.
    La prestazione sessuale non sarà mai equiparabile ad una vendita comune, perché il sesso porta con se sempre qualcosa di intimo e non commerciabile.
    amigdalaOssitocinaAmelie
    Post edited by osur on
  • PonyoPonyo Veterano Pro
    Pubblicazioni: 359
    Assolutamente favorevole alla regolamentazione. La prostituzione è un lavoro come un altro.

    Anche dal punto di vista sociale, penso che una regolamentazione da parte dello Stato e una sua equiparazione agli altri tipi di lavoro possa favorire un abbassamento dello stigma sociale verso clienti e prostitute. Oggi come oggi è visto come un qualcosa da cancellare e immorale, ma se lo Stato desse una dignità alla professione si potrebbe avviare quel tipo di sensibilizzazione che porterebbe a cancellare queste discriminazioni.


    Per rispondere a chi si chiede come si vivrebbe all'interno della coppia, personalmente nessun problema, purché fatto in sicurezza. Mi dà fastidio la questione legale, perché poi di fatto si evade. Se fossi per l'esclusività sessuale all'interno della coppia allora non avrei piacere e considererei tradimento se il mio partner andasse con una prostituta, ma sarebbe la stessi identica cosa se andasse con una ragazza che non lo fa di mestiere.
    Se invece c'è stato in passato non me ne può fregare di meno, a parte per la questione evasione etc. Ovviamente non accetterei lo avesse fatto in condizioni di palese sfruttamento o addirittura fosse andato a farsi una vacanza sessuale nei paesi in cui sono lecite cose che hanno ben poco di legale.
    OssitocinaAJDaisyAntonius_Block
  • EstherPrynneEstherPrynne Neofita
    Pubblicazioni: 161
    Ponyo ha detto:

    Assolutamente favorevole alla regolamentazione. La prostituzione è un lavoro come un altro.

    Anche dal punto di vista sociale, penso che una regolamentazione da parte dello Stato e una sua equiparazione agli altri tipi di lavoro possa favorire un abbassamento dello stigma sociale verso clienti e prostitute. Oggi come oggi è visto come un qualcosa da cancellare e immorale, ma se lo Stato desse una dignità alla professione si potrebbe avviare quel tipo di sensibilizzazione che porterebbe a cancellare queste discriminazioni.


    Per rispondere a chi si chiede come si vivrebbe all'interno della coppia, personalmente nessun problema, purché fatto in sicurezza. Mi dà fastidio la questione legale, perché poi di fatto si evade. Se fossi per l'esclusività sessuale all'interno della coppia allora non avrei piacere e considererei tradimento se il mio partner andasse con una prostituta, ma sarebbe la stessi identica cosa se andasse con una ragazza che non lo fa di mestiere.
    Se invece c'è stato in passato non me ne può fregare di meno, a parte per la questione evasione etc. Ovviamente non accetterei lo avesse fatto in condizioni di palese sfruttamento o addirittura fosse andato a farsi una vacanza sessuale nei paesi in cui sono lecite cose che hanno ben poco di legale.

    Sono d'accordo con la posizione regolamentarista, le motivazioni le hanno già esposte molti fra cui in particolare @Ossitocina e @Ponyo (e fin qui sono seria).
    In quanto all'evasione fiscale, proporrei l'istituzione di un Ordine Professionale con compiti di vigilanza nei confronti dell'abusivismo, e a questo punto - perché no - dei corsi di formazione professionale finanziati con fondi europei. Però ora forse è meglio che io taccia perché qualche politico potrebbe rubarmi l'idea 
    Ossitocina
    Ogni passo verso l'orizzonte fa allontanare l'orizzonte (Swift)

Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586