Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Alla fine si cade sempre più giù

Ho aperto e partecipato a diverse discussioni sull'argomento da quando sono approdata qui.
Per chi avesse voglia di vedere, vada a farsi un giro per capire la situazione, perché anche se gli anni passano alla fine la situazione non è cambiata per niente.
Principalmente soffro di ansia, depressione, apatia, disturbi del sonno e del cibo.
Sono asperger e dsa ma nessuno dalle mie parti è in grado di aiutarmi.
Sto provando varie terapie farmacologiche ma nessuna fa effetto. Anzi, a volte peggiorano la situazione.
Tendo a sentirmi sola e abbandonata a me stessa, senza che riesca a vedere alcun significato nella mia vita.
La voglia di buttare tutto all'aria è alta, per scomparire nella mia camera e non uscirne più.
Cerco da anni aiuto ma nessuno è riuscito a darmi una mano.
Ho un buona famiglia e un fidanzato stupendo... ma ogni cosa perde significato. Nei momenti più bui desidero morire e/o vegetare sul letto.
Ho 25 anni ma mi sento vecchia, senza possibilità, futuro e motivo per andare avanti.
Alla fine cado sempre più in basso.
SoleLudoSimone85lollinaMononokeHimeAJDaisyTegretolSirAlphaexaWhoamiEstherDonnellyNemo
Il mio BLOG: mymadreams.wordpress.com
Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna… punito perché vede l’alba prima degli altri. [Oscar Wilde]
«1

Commenti

  • andreaMOandreaMO Membro Pro
    modificato 22 March Pubblicazioni: 75
    25 anni? Normalità
    Oguno poi reagisce a questa fase in modo diverso. So che la cosa più sensata che ti venga in mente è associare ciò all asperger dsa, posso assicurarti di no. Semplicemente, questo è il periodo dove ognuno si pone le stesse identiche domande

    Chi sono?
    Che devo fare nella vita?
    Perchè?

    Ed è probabilmente il periodo più importante e difficile per oguno di noi. Tantè che Apollo lo fece scrivere davanti al suo tempio "CONOSCI TE STESSO".
    Ora, detto ciò, io non conosco niente di te. Ma conosco le tue sensazioni
    Nel mio piccolo ti dico, parti dalla fine. Come un dialogo con te stessa, nessuno può tranquilizzarti meglio di te
    Il peggio è passato, puoi iniziare a fare piccoli passi per riaprirti alla vita (che ora ti sembra piccola come un bicchiere, ma ti assicura che è molto più di una vasca da bagno.)

    Nello specifico vorrei consigliarti una cosa. Evita farmaci, se non strettamente necessari, temporanei, o salva-vita. Ma mira ad avere un corretto ciclo giorno-notte e mangiare di tutto se puoi ( per entrambe le cose puoi fare una ricerca su google). E sopratutto, corri e cammina, ogni giorno

    La vera cura è solo in te stessa, trovala


    :)>-
    EstherDonnellysara79Eirene
    Post edited by andreaMO on
  • ShikiShiki Veterano
    Pubblicazioni: 156
    So che è una cosa normale alla mia età... Ma penso che nel mio caso sia più pesante del solito (Come per ogni persona con difficoltà varie e traumi).

    I tuoi sono ottimi consigli ma non è facile metterli in pratica quando ti senti zoppo e vedi tutto nero o quasi.

    Molto spesso mi hanno definito forte e coraggiosa ma nessuno sembra vedere quante volte sono stata vicina a finire in situazioni pericolose, più o meno intenzionalmente.
    A volte ho paura di me stessa e per me stessa.
    LudoEirene
    Il mio BLOG: mymadreams.wordpress.com
    Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna… punito perché vede l’alba prima degli altri. [Oscar Wilde]
  • PhoebePhoebe SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 2,019
    @Shiki ti capisco benissimo. Io stessa soffro di un'ansia perenne, disturbi del sonno (qualche volta ho paralisi del sonno) e ho continui sbalzi di umore e spesso mi sono sentita come senza una via d'uscita, più cercavo di liberarmi dell'ansia e del cattivo umore e più queste cose aumentavano di intensità.

    Le cose vanno più o meno meglio, ma più che andare meglio le guardo da una diversa prospettiva, da quando ho smesso di combattere in modo ossessivo. Avere l'ansia è brutto ma se smetti di combatterla e di prestare attenzione a queste cose diventa meno brutto.

    Ti lascio un video:

    EstherDonnellyEireneShiki
    Ero solita pensare di essere la persona più strana del mondo ma poi ho pensato, ci sono così tante persone nel mondo, ci dev'essere qualcuna proprio come me, che si sente bizzarra e difettosa nello stesso modo in cui mi sento io. Vorrei immaginarla, e immaginare che lei debba essere là fuori e che anche lei stia pensando a me. Beh, spero che, se tu sei lì fuori e dovessi leggere ciò, tu sappia che sì, è vero, sono qui e sono strana proprio come te.

    Frida
  • Icaro89Icaro89 Colonna
    Pubblicazioni: 1,220
    Io ho 27 anni ma ti capisco bene, ho avuto momenti simili, pur senza usare farmaci, e a volte tutto sembra buio. Ma appunto, "sembra", perché è una connotazione che tu gli dai in una specifica circostanza in cui il tuo malumore ti autosabota, quasi per "cullarti" nell'idea di essere ancora nel mondo dell'adolescenza, un mondo travagliato ma senza confini, sterminato e immenso.

    Sono brutti momenti che poi passano.

    Non passano ovviamente solo "pensando positivo", che è qualcosa di gradevole ma solo estemporaneo, ma passano quando iniziamo a sobbarcarci il rischio di nuove iniziative per modificare e migliorare la nostra situazione, provando a porre in essere quell'indicibile atto di ribellione rappresentato dal tentativo di realizzare qualcosa che proprio vorremmo realizzare nella nostra vita.

    Io sto imparando a diventare adulto in questo modo, è ovviamente difficilissimo e vado ancora a scatti, soprattutto perché fra aspettativa e realtà non c'è un semplice abisso, ma c'è addirittura piena ed esplicita contraddizione, ma è questa appunto l'età giusta per capirlo.
    EireneShikiEowyn
  • DomitillaDomitilla Senatore
    Pubblicazioni: 2,091
    https://it.m.wikipedia.org/wiki/Mindfulness
    Non dico che mi abbia risolto tutti i problemi, ma ho ricevuto un grosso aiuto, ora funziono abbastanza.
    Ed ero neanche alla frutta, direttamente al digestivo, nulla mi funzionava.
    Prova, non costa nulla (puoi trovare esercizi su youtube da fare per conto tuo).
    lollinaShikiEowyn
  • UllastroUllastro Veterano
    modificato 22 April Pubblicazioni: 2,736
    Phoebe ha detto:

    (...) più cercavo di liberarmi dell'ansia e del cattivo umore e più queste cose aumentavano di intensità.


    Le cose vanno più o meno meglio, ma più che andare meglio le guardo da una diversa prospettiva, da quando ho smesso di combattere in modo ossessivo. Avere l'ansia è brutto ma se smetti di combatterla e di prestare attenzione a queste cose diventa meno brutto.
    Sottoscrivo e confermo. L'avevo già scritto in altri post. Il problema era arrivato quando avevo circa la tua età e si è risolto più o meno "da solo" nel giro di qualche tempo, anche se con un andamento in stile montagne russe.

    I passi per me sono stati:

    1) Smettere di prendere la cosa frontalmente come un problema di cui sbarazzarsi e di utilizzare tutte le proprie energie per combattere.
    2) Evitare di concentrarsi solo su questo e dire "fino a quando non avrò risolto il problema non posso fare nulla di sensato"
    3) Non fare confronti con il "prima" (pre ansia) nè investire presantemente sul dopo ("quando mi sarà passata...")
    4) Iniziare a capire cosa si possa fare di utile / interessante / piacevole anche in compagnia di questa situazione
    5) Provare a prenderla un po' alla leggera (autoironia, anche se difficile)
    6) Capire che a volte, ma non sempre, una serata con gli amici e un paio di birre, anche se controvoglia, può fare molto di più e molto meglio di qualsiasi ansiolitico
    7) Tenere sempre il problema nella giusta considerazione: è sbagliato cercare di non pensarci o di rimuoverlo ma è ancora più sbagliato assegnargli un ruolo eccessivamente importante nella propria condizione, ricordando che la vita va comunque avanti e al resto dl mondo non può fregar di meno che tu hai l'ansia. Nessuno si fermerà ad aspettarti e nessuno ti restituirà il tempo perduto.
    8) Cercare di impegnare il proprio tempo in qualcosa di piacevole o interessante, esplorando nuove possibilità. Anche se le vecchie abitudini e il vecchio stile di vita sembrano lontani e magari ti sembrano un passato roseo ormai abbandonato, è il momento di cercare nuovi stimoli (--> qualcosa da fare di piacevole) in direzioni inaspettate.
    9) per me l'ultimo elemento che, nel giro di una settimana, mi ha fatto "guarire" del tutto è stata la stanchezza fisica e avere il tempo impegnato: un lavoro al mattino dalle 8 alle 13 e un altro lavoro al pomeriggio dalle 15 alle 20. Sei giorni su sette. Mi stancavo così tanto ed ero sempre così di corsa che non avevo più tempo di pensare all'ansia.

    In bocca al lupo 
    lollinaEstherDonnellyDomitillaMononokeHimeEirenemarco3882amigdalaShikiValenta
    Post edited by Ullastro on
    Ogni calcio nel culo ti fa fare un passo avanti
  • ShikiShiki Veterano
    Pubblicazioni: 156
    Vi ringrazio a tutti per i consigli... sono preziosi.

    Molti mi hanno parlato della Mindfulness... proverò a informarmi.

    Vi riporto una riflessione fatta altrove:
    "Prendere decisioni non è sempre facile.
    E scegliere di accettare certi compromessi per il proprio bene è anche vedere i propri limiti.
    Sapere che non sarò mai socialmente capace è comunque un ostacolo.
    La tristezza e il senso di solitudine saranno comunque inevitabili.
    Un marchio che porterò a vita.
    A volte sono insopportabile e incomprensibile.
    Potrei dimenticarmi di qualcuno per un po' anche solo perché ho troppo pensieri in testa.
    Sono egocentrica.
    Ma vengo vista come una saccente egoista (parole che mi sono state dette più volte).
    Chiede solo di non essere lasciata sola, nonostante possa sfuggirvi il più delle volte."

    E concludo con la decisione di sospendere ogni farmaco (quindi quello per la depressione e quello per dormire), lasciando solo quello per l'ansia che userò a modo di evitare gli attacchi di panico, ecc.
    Pian piano scalerò ed eliminerò tutto, passando a integratori alimentari.
    Ovviamente non ero in cerca di un miracolo ma ho voluto provare e visto che non ne ho avuto nessun giovamento, ma anzi solo problemi, preferisco cominciare una nuova strada.
    Solelollina
    Il mio BLOG: mymadreams.wordpress.com
    Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna… punito perché vede l’alba prima degli altri. [Oscar Wilde]
  • LifeIsLifeIs Veterano Pro
    Pubblicazioni: 697
    @Shiki

    Ho appena finito di leggere le discussioni che hai aperto su questo forum(qualche ora fa)

    Cercherò di condividere con te, nel modo più sintetico possibile, quella che è la mia esperienza

    Innanzitutto, sono un ragazzo della tua età, certamente nd, anche se ancora non ho fatto una diagnosi

    Anche io ho sofferto molto, una sofferenza indescrivibile, ho pensato spesso di farla finita

    Ho provato una grande vergogna per ciò che ho fatto in passato

    Ogni persona vive il proprio dolore in modo differente, io non potrò mai capire completamente il tuo, ma mi sento vicino

    Ho letto molto di te, sono rimasto colpito

    Sono certo che ce la farai, che alla fine comincerai a risalire


    Ecco la mia esperienza:

    Io ho continuato a sprofondare, anno dopo anno, giorno dopo giorno

    Ho creduto di non farcela, ho temuto di impazzire

    Sentivo di non avere la forza di reagire, vedevo tutto nero

    A volte non avevo nemmeno la forza di alzarmi dal letto per andare a lavorare

    Ho finito per diventare completamente apatico

    Prima di sprofondare del tutto ho trovato il coraggio di recidere quante più fonti d'ansia possibile, anche quelle derivanti dai pochissimi rapporti affettivi che avevo

    Ho conosciuto una solitudine quasi totale

    Mentre la solitudine mi dilaniava dentro sentivo crescere in me qualcosa

    Un'energia che credevo di aver perduto da tempo

    Utilizzai quelle energie per dedicarmi alla mia "ossessione del momento"

    Focalizzarmi, con tutto me stesso, su una cosa che volevo e potevo fare mi ha permesso di sentirmi bene, come non mi sentivo da molto tempo

    In quel momento decisi di cambiare obiettivo, mi sentivo meglio e volevo che durasse

    Dirottai tutte le energie verso il miglioramento di me

    Praticare il mindfulness, un po', quando ne sentivo il bisogno, mi ha aiutato, ma soprattutto ho tratto giovamento dalle idee incontrate in questo cammino

    Diciamo che sono entrato a contatto con molte idee, fra tutte mi è rimasta impressa questa frase

    "non lasciarti ingannare dalla nostalgia di quel che poteva essere, non poteva essere nient'altro, altrimenti lo sarebbe stato"

    Ho ragionato, molto, intorno a questi concetti

    Così con la logica

    Ho sconfitto il rancore verso chi ritenevo mi avesse fatto male

    Ho accettato la solitudine, la malinconia, la tristezza

    A volte fanno ancora male, ma ora le vedo con occhi diversi, quasi mi affascinano

    Ora sto bene, sono felice, a volte triste, a volte apatico

    Ora considero ogni esperienza, ogni emozione, come positiva

    Ogni tappa del mio viaggio come inevitabile

    Ogni persona meritevole di amore

    Non faccio più distinzione fra buoni e cattivi, fra fortunati e sfortunati, fra vincenti e perdenti

    Vedo solo vite intrecciate, viaggi che non potevano andare diversamente

    Ho recuperato rapporti da cui avevo dovuto prendere le distanze, logorandoli

    Ora mi sento in pace

    Desidero lo stesso per te e chiunque altro


    Nonostante questo, se non voglio che la tristezza diventi dominante, devo stare attento ai miei desideri, io faccio così

    - Immagino la mia energia(volontà) come una linea
    - Questa energia viene consumata quando faccio qualsiasi cosa che non sia "ciò che desidero davvero fare", inoltre viene consumata dagli stimoli sensoriali
    - Non viene invece intaccata mentre faccio "ciò che desidero davvero", che anzi, tende a ricaricarla

    Faccio un esempio:
    - Dormo un po' male, parto col 75% di questa energia
    - Il mio lavoro rientra fra le attività che non gradisco poi così tanto, ma che faccio perché, valutando pro e contro, ritengo che sia la cosa migliore, esso consuma 25 punti percentuale di questa energia
    - Ho svariati dolori che mi affliggono e una bassa sopportazione agli stress sensoriali, poi l'ansia sociale, mediamente questo mi fa consumare 25 punti percentuale
    - Cerco per quanto possibile di assecondare i tanti piccoli bisogni che ho durante la giornata, andare contro di essi può essere controproducente e togliermi energia, al contrario, assecondandoli mi sento ricaricare, per esempio guardare l'ora, perdermi nei miei pensieri mentre faccio un lavoro noioso, seguire una routine innocua ecc +10 punti percentuale
    - A casa ci sono tante piccole cose che non ho gran voglia di fare, mettere in ordine, pulire, rimando solo se sento che non mi rimane abbastanza energia per svolgere questi compiti, accumulare cose da fare non mi piace, diciamo -20 punti percentuale.
    - Spesso mi ritrovo stanco, anche dopo ragionamenti intensi, e ho bisogno di tempi di recupero, so che ne ho bisogno e li accetto
    - Se arrivo a fine giornata con ancora un po' di questa mia energia(volontà), significa che la mia vita è ben organizzata
    - Avanzo del tempo per dedicarmi alle mie passioni +10 punti percentuale

    75-25-25-20-5+10+10= 20 punti percentuale a fine giornata = non do di matto e mi sento soddisfatto


    L'esempio è un tantino semplificato e confusionario, ma spero di essere riuscito a comunicare l'essenza del mio modo di vivere

    Ci sarebbe sicuramente molto altro da dire, so che quando pubblicherò questo commento inizierò a ricordarle, ma per ora va bene così


    Un giorno leggerò su questo forum che finalmente stai risalendo, io ci credo
    lollinaShinjirondinella61MononokeHimeEowynValentamandragola77ShikiMikiFenice2016
    Ciò che scrivo non è mai una verità assoluta, ma solo quella che è la mia opinione personale al momento della stesura.
    Per comodità e per facilitare la lettura, potrei scrivere generalizzando e ponendo le mie idee come certezze, non lo sono.
  • ShikiShiki Veterano
    Pubblicazioni: 156
    @LifeIs il fatto che tu sia andato a leggere tutto il mio trascorso in questo sito è quasi commuovente...
    Emozionante di sicuro!
    Grazie.

    Sul resto che mi hai scritto non c'è molto da dire... ma ti rispondo solo ora perché sono stata male (forte influenza) e non per altro. E comunque prendo i forum con molta calma, così non li sento come uno stress (cosa che mi causano i social network, invece).
    Ho compreso il tuo modo di vivere.
    Ti dirò che io ho tanto rancore dentro di me. E non riesco a scacciarlo. Mi brucia nel petto, giorno dopo giorno. E' la sensazione più forte che provo.
    Poi c'è la tristezza.
    Ma in generale io vorrei vivere soddisfatta per chi sono e cosa faccio, non più sofferente per chi sarei dovuta essere.
    Ho i miei tempi, sono lenta e ho certi bisogni. Sono fatta così e così deve andare bene.
    Quando il rancore sarà andato via e vivrò bene per come sono, allora penso che starò meglio...
    Ma sono appunto cose fin troppo difficili da raggiungere. In special modo eliminare il rancore.
    Il mio BLOG: mymadreams.wordpress.com
    Sognatore è chi trova la sua via alla luce della luna… punito perché vede l’alba prima degli altri. [Oscar Wilde]
  • LifeIsLifeIs Veterano Pro
    Pubblicazioni: 697
    Ciao @Shiki
    Ricordo che questo è stato uno dei miei primi post sul forum, forse ora mi esprimerei in modo diverso

    Forse mi esprimerei meglio

    La tua storia è stata quella che più mi ha emozionato e vorrei tanto aiutarti

    È vero che non è facile eliminare il rancore, ma si può fare, se vorrai un consiglio, un aiuto, scrivimi pure

    Capisco che tu voglia prendere il forum con leggerezza per evitare lo stress, penso che anche io finirò per partecipare meno prossimamente
    Ciò che scrivo non è mai una verità assoluta, ma solo quella che è la mia opinione personale al momento della stesura.
    Per comodità e per facilitare la lettura, potrei scrivere generalizzando e ponendo le mie idee come certezze, non lo sono.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586