Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Tra stress e umore basso

Ho un problema: se non partecipo a eventi, esco, incontro persone, mi sembra di star buttando la mia vita, e sono infelice.
Ma puntualmente non ci riesco perché le persone non amano stare con me, o se ci riesco mi stresso perché sto sempre in giro (da sola).
Mi sembra di rincorrere lo stress per scappare dalla bassa autostima per il non avere una vita interessante, e di rincorrere la bassa autostima per scappare dallo stress.
Qualcuno prova cose simili?

In realtà non mi sembra di "scappare", se sto male mi sembra naturale agire, anche quando questo comporta dispendio di energia e stress, questo per me significa farcela, invece di buttarmi nel letto a piangere. Ma forse non capisco bene la mia psicologia... Se ad esempio sto male e invece di stare chiusa in casa mi obbligo ad uscire, vado a fare la spesa, ma poi nell'alimentari scoppio a piangere, ho fatto bene o ho fatto male? Di sicuro mi sono stressata.
ValentaLibellulaValeymkupAmelieOrsoX2riotwoodstockSirAlphaexalollinaSolePhoebe
Embrace the shame of what you used to be
Rain washed the panic from today
Decimation of anxiety
Tribulations drift away
Pray tomorrow offers clarity
Rain washed the panic from today
Affirmation of mortality
Trivialities astray
Pray tomorrow brings stability

Commenti

  • LibellulaLibellula Andato
    modificato 14 June Pubblicazioni: 697
    Ciao Krigerinne, mi ha molto colpita il tuo post e vorrei tantissimo dirti qualcosa che possa esserti di aiuto. Ti dico che sento da quello che scrivi che lo stress del periodo di intenso studio ti ha logorato fisicamente secondo me. Penso che quando si va fisicamente sotto le proprie riserve energetiche, l'umore diventa difficile da gestire. Devi forse riprenderti fisicamente, concederti cose piacevoli e tanto riposo mentale e fisico. Questo dal mio punto di vista, anche se non ti conosco bene ma ho letto qualosa qua e là per farmi un'idea.

    Poi dal tuo post mi hanno colpito le seguenti combinazioni di parole: azione, persone, eventi, uscire insieme,vita interessante= felicità e alta autostima. Dall'altra parte inerzia, solitudine, rimanere rinchiusa in casa=infelicità e bassa autostima.

    Forse devi iniziare ad amare il dolce far nulla, proprio l'ozio senza sentirti in colpa. E' difficilissimo ma ti dovrebbe aiutare a ricaricarti e così stando bene fisicamente, avrai un umore più facile da gestire.

    E' solo il mio punto di vista ma spero che con ciò io riesca a darti un piccolo aiuto. 

    KrigerinneriotMononokeHimerondinella61amigdala
    Post edited by Libellula on
  • pokepoke Neofita
    Pubblicazioni: 1,133
    Ciao, credo di stare in una situazione simile, come sai indosso gli occhiali scuri, e non ti nascondo che in questo ultimo periodo mentre sono fuori scoppio a piangere, nessuno vede niente ma la sensazione di non arrivare a nulla mi sta uccidendo.
    Forse sei molto stanca per gli obiettivi (alti) chr ti sei prefissata?
    Forse è l'esame e la preoccupazione che ti fa star così?
    Non so, forse ipotizzo per una leggera somiglianza che è il perfezionismo, forse il fatto che ci si impegna così tanto?
    Vorrei darti una soluzione, così come vorrei darla a me stessa.
    Oggi è stata una giornata orrenda, l'unica cosa che mi ha alleggerito (forse momentaneamente) è stato sfogarmi con un mio amico.
    Ti premetto che non amo sfogarmi, e preferisco le soluzioni pratiche, ma forse Krigerinne ogni tanto si dovrebbe provare ad essere donne/ragazze fragili, ed accettare un "abbraccio mentale".
    A volte ti vedo fisicamente fragile, quasi eterea, ti abbraccio con delicatezza, coraggio non pretendere troppo da te stessa, ciao
    OrsoX2KrigerinnewoodstockLibellularondinella61
  • KrigerinneKrigerinne SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 2,988
    Grazie del commento :)
    Mi sono ammalata fisicamente quindi è dal 31 gennaio che non do un esame.
    Mi sono ammalata in parte perché ho cominciato a curarmi da sola, bypassando i miei genitori, e sono emerse delle cose che stavano lì da anni, e poi per lo stress.

    Chiarisco il mio equivoco mentale: ad esempio questa sera devo vedermi con un'amica per andare a caccia di pokemon e mi sta salendo il malumore. Non voglio più andare, ma non so perché. Non capisco se è perché sono depressa e di conseguenza remo contro le cose che mi farebbero stare bene (vedere un'amica e stare bene), o se è perché voglio evitare lo stress dell'andare lì e interagire con lei. Ma di per sé non è una cosa stressante, si tratta di fare 10 minuti in bicicletta alle 21 quando fa fresco.

    LibellulaamigdalaAmelie
    Embrace the shame of what you used to be
    Rain washed the panic from today
    Decimation of anxiety
    Tribulations drift away
    Pray tomorrow offers clarity
    Rain washed the panic from today
    Affirmation of mortality
    Trivialities astray
    Pray tomorrow brings stability
  • KrigerinneKrigerinne SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 2,988
    Grazie poke, sì non è facile accettarsi piene di difetti, ma è la strada da seguire 
    Ti abbraccio anche io 
    >:D<
    Embrace the shame of what you used to be
    Rain washed the panic from today
    Decimation of anxiety
    Tribulations drift away
    Pray tomorrow offers clarity
    Rain washed the panic from today
    Affirmation of mortality
    Trivialities astray
    Pray tomorrow brings stability
  • riotriot Moderatore
    Pubblicazioni: 3,225
    per quel poco che ti conosco direi che sei stressata.
    @Libellula ti ha dato ottime idee che è inutile che le ripeta pure io :)
    KrigerinneLibellula
    "Gli stronzi e i disonesti vanno sempre avanti nella vita. Le persone per bene restano indietro."
    (Affermazione constatativa esistenziale di una mia conoscente).
  • mamma_francescamamma_francesca Veterano Pro
    Pubblicazioni: 597
    Non dire che "le persone non amano stare con me" e non lo pensare! Di sicuro ci sono persone che amano stare con te, non è possibile il contrario data la delicatezza che possiedi e che trapela tutte le volte che scrivi.

    Krigerinnerondinella61Amelie
  • woodstockwoodstock Veterano Pro
    Pubblicazioni: 463
    Chiarisco il mio equivoco mentale: ad esempio questa sera devo vedermi con un'amica per andare a caccia di pokemon e mi sta salendo il malumore. Non voglio più andare, ma non so perché. Non capisco se è perché sono depressa e di conseguenza remo contro le cose che mi farebbero stare bene (vedere un'amica e stare bene), o se è perché voglio evitare lo stress dell'andare lì e interagire con lei. Ma di per sé non è una cosa stressante, si tratta di fare 10 minuti in bicicletta alle 21 quando fa fresco.

    @Krigerinne Ehi Krig, mamma quanti abbracci oggi: che sarai anche stufa ora di stasera  8-|

    Anch'io provo a darti uno spunto :)

    La compresenza di elementi ambivalenti (come quelli che descrivi) sono per tutti motivo di sentirsi "appesi" ad un affaticamento importante incrementato dalla variabilità del tono dell'umore.

    Ne hai parlato con qualcuno?  Se hai un buon rapporto con lui anche il tuo Medico di base potrebbe
    affiancarti.

    Più uno rumina sul dilemma esco/non esco e più ci si stanca.
    Fai conto di essere finita in una grossa rete da pesca: più ti muovi e più la rete ti avviluppa.

    Attività rilassanti come yoga, acqua gym (se ti piace andare in piscina) e simili servono a staccare la testa, uscendo cmnq dalla propria stanza.

    Si può iniziare da li...
    Se invece vedi che non riesci a "tenere" anche semplici cose che favoriscano la tua ripresa, non sentirti in difetto di sentire un parere professionale ne di farti supportare.

    Credimi, cose del genere capitano a tutti: dopo un periodo debilitante (anche sul piano fisico) ci sta tutta la situazione che descrivi.

    SE hai bisogno di sfogarti oppure di raccontarti oppure di ricevere appoggio... sei cmnq in un buon posto.

    Questo spazio è prezioso!! 
    :)>-  ;;)
  • lollinalollina SymbolModeratore
    modificato 14 June Pubblicazioni: 3,698
    @Krigerinne dispiace molto sentirti in difficoltà.

    Io credo che sia sovraccarico, capita anche a me in alcuni periodi come questo per esempio, in cui ci si è impegnati per tutto l'inverno e comincia il gran caldo.

    Magari non c'entra ma io per esempio mi aiuto con gli integratori, magnesio innanzitutto e vitamina B, e sto attenta all'alimentazione e a non perdere troppe ore di sonno (che già dormo poco ma se esagero è finita).

    Controlla anche il ferro. L'anemia dà questi sintomi.

    E poi non è vero che stare con te non sia bello.
    Libellula
    Post edited by lollina on
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • AJDaisyAJDaisy Pilastro
    Pubblicazioni: 6,686
    Era quello che mi capitava fino ai 30 anni. Il problema è quel chiodo fisso di "se non faccio butto via la vita". Semplicemente secondo me, "bisogna fare" finché se ne hanno le forze, per il resto del tempo servono tranquillità e solitudine.
    Trova qualcosa, una qualche attività, che ti dia soddisfazione stando da sola.

    Ciao.
    ValentaMononokeHimeamigdalarondinella61Amelie
  • JaneJane Membro
    Pubblicazioni: 12
    @Krigerinne sono rimasta colpita da questa tua frase "se non partecipo a eventi, esco, incontro persone, mi sembra di star buttando la mia vita, e sono infelice." Ha mosso qualcosa dentro me e mi sono emozionata perché anch'io soprattuto quando sono di umore basso (come lo sono fra alti e bassi da febbraio) mi sento così: ho paura di non utilizzare al meglio il mio tempo se non sono produttiva (nello studio ad esempio) o se non esco abbastanza con la mia piccola cerchia di amici. Mi sembra di sprecare il tempo e più ho questa sensazione e più la mia bassa autostima (la mia psicologa concorda su questo) diminuisce; mi sottovaluto.
    È un circolo vizioso.
    Perciò sono arrivata alla conclusione che forse la cosa migliore sarebbe, prima di tutto, accettare che mi sento così; che è uno di quei miei periodi emotivamente difficili; poi riuscire a capire quando è il caso di assecondare il mio bisogno di quiete e quando invece è più saggio andargli "contro" dandomi da fare in qualche attività che mi piace (adoro scrivere) o uscendo lo stesso. Dico questo perché ho notato che stando con altri non elucubro, interagisco e parlando con gli altri i miei problemi si ridimensionano sia che mi sfoghi o che parli d'altro. Nel primo caso mi sento come alleggerita da un peso e a volte mi sento compresa; nel secondo caso non ponendo attenzione ai miei problemi mi focalizzo su altro e riesco ad essere più serena.
    Ovviamente parlo per la mia esperienza personale, non sono diagnosticata (lo specifico perché non intervengo da un bel po' e qualcuno potrebbe non ricordarselo) ma spero in qualche modo di poterti essere utile comunque.
    Spero che supererai le tue difficoltà o che riuscirai a conviverci serenamente. :)
    rondinella61
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586