Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Serie TV Sherlock BBC

Chiunque non avesse visto la stagione 4 si fermi adesso perché per parlare di Sherlock BBC devo per forza analizzare l’ultima stagione.

 

Nelle prime due stagioni Sherlock era un personaggio che si autodefiniva sociopatico ad alta funzionalità (traduco dall’inglese) senza in realtà esserlo. In molti articoli si è parlato di lui come un possibile asperger (John stesso lo definisce così ne “Il mastino di Baskerville”) o eventualmente gli hanno attribuito un disturbo schizoide.

In ogni caso, tutto fuorché neurotipico :-D 

Mi sembrava comunque evidente che dietro alla logica e alla ragione si nascondeva un uomo solo, incompreso, più sensibile di quello che dava a vedere, incapace di adeguarsi ai dettami della società, molto schietto al punto da non rendersi conto quando la sua onestà feriva le altre persone perché non aveva avuto relazioni sociali tali da comprendere i sentimenti altrui, le regole sociali... 

 

Già nella terza stagione si è potuto assistere ad un cambiamento, dovuto soprattutto all’effetto che l’amicizia con John aveva avuto su di lui. Ha imparato anche qualche regola sociale (ad esempio si trattiene dal dire a Molly cosa pensa del suo nuovo fidanzato appena incontrato, partecipa al matrimonio di John cercando a modo suo di essere un buon testimone di nozze), viene un po’ a patti con i sentimenti, insomma sembra maturato.

 

Poi è arrivata la quarta stagione. Eviterò di elencare tutte le ragioni per cui non l’ho amata da un punto di vista tecnico né stilistico ma vorrei concentrarmi sul messaggio finale che mi è arrivato.

 

Nella puntata finale Sherlock oltre ad aver perso tutta la sua razionalità e logica (non riconosce la mancanza del vetro ad esempio) scopre che tutta la sua vita è stata condizionata da un grave trauma infantile rimosso: la morte del suo migliore amico per mano della sorella. Praticamente per giustificare il carattere di Sherlock hanno introdotto la componente del trauma, come a dire – almeno così a me è arrivato – se sei come Sherlock, se sei eccentrico, solitario, razionale, schietto, pochi amici, nessuna relazione intima – sei sbagliato, per cui per forza devi aver avuto un trauma, non puoi essere nato così. Il fratello Mycroft sottolinea che Sherlock da piccolo era molto sensibile, come dire che prima del trauma appunto era un’altra persona.

 

All’inizio ho pensato di averla presa così male solo io, che magari immedesimandomi mi sono sentita offesa del giudizio che ne usciva sul personaggio, ma parlando con altre fan della serie su internet abbiamo tutte riscontrato che oltre ad essere una scelta di sceneggiatura abbastanza banale, non rispecchia assolutamente quello che è Sherlock Holmes.

 

In ogni caso, io ci sono rimasta malissimo, forse eccessivamente male ma mi sono sempre un po’ rispecchiata nel personaggio di Sherlock Holmes e in questo caso mi è sembrato quasi che stessero dicendo a me che sono sbagliata, non avendo avuto nessun trauma grave da giustificare la persona che sono.

 

Spero di essermi spiegata e se qualcuno ha visto la serie mi piacerebbe avere qualche opinione sullo sviluppo in questo senso del personaggio di Sherlock.

Landauer
Post edited by whatsername84 on
"Siamo tutti in un fosso, ma alcuni di noi guardano le stelle" - Oscar Wilde -

Commenti

  • Antonius_BlockAntonius_Block Pilastro
    modificato June 2017 Pubblicazioni: 3,524
    Francamente non ho interpretato la quarta stagione in questo modo.
    Il trauma ha influito sui rapporti con gli altri, non sul suo essere schietto, razionale ed eccentrico.
    La menzione di Mycroft alla maggiore sensibilità di Sherlock serve per rendere più plausibile la rimozione dell'episodio, come a calcare la mano su quanto sia stato devastante per lui quel trauma, non per creare una contrapposizione tra prima e dopo.

    Sherlock poi qualche tratto sociopatico ce l'ha: è estremamente impulsivo, disprezza molte regole della società e qualora sia funzionale allo scopo che si è preposto senza alcun rimorso mente e inganna ripetutamente persino le persone a lui care.

    LandauerDoorwhatsername84
    Post edited by Antonius_Block on
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online