Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Vuoto mentale su questioni personali

Vi capita mai che qualcuno vi faccia una domanda personale, che sia correlata ai sentimenti e voi non abbiate idea di cosa rispondere? Come se non aveste alcun pensiero sul punto? 
A me capita e quando succede immagino una stanza vuota (a volte in penombra, illuminata da candele). 

Cerco di dare una risposta, più che altro per evitare la situazione di stallo in cui l'interlocutore mi fissa stranito e ovviamente è un risposta costruita cercando di immaginare se esista una risposta standard da dare.

Alla fine non capisco mai se davvero non ho pensieri o se non sono capace di capirli 


:-?
"Siamo tutti in un fosso, ma alcuni di noi guardano le stelle" - Oscar Wilde -
«1

Commenti

  • NewtonNewton Pilastro
    Pubblicazioni: 2,785
    Non riesco a immaginare la situazione: puoi dare un esempio concreto?
  • whatsername84whatsername84 Veterano
    Pubblicazioni: 157
    Non riesco a immaginare la situazione: puoi dare un esempio concreto?
    Certo, hai ragione, mi è uscito tipo flusso di pensiero Mi era capitato che lo psicologo che mi avesse chiedo di immaginarmi a novant'anni a una mia festa: chi vorrei attorno e cosa vorrei dicesse su di me. Intanto già non sapevo dire effettivamente chi ci potrebbe essere tra amici, parenti, una futura relazione che ancora non ho, poi nemmeno mi veniva in mente cosa avrebbero potuto dire su di me o cosa avrei voluto sentire. Ancora adesso non saprei rispondere.

    Oppure, uno meno astratto, al brindisi di laurea amici e parenti volevano un discorso, credo di aver copiato uno sentito in precedenza perché non sapevo cosa dire, non avevo alcun pensiero post - laurea se non "è finita".


    NewtonDoor
    "Siamo tutti in un fosso, ma alcuni di noi guardano le stelle" - Oscar Wilde -
  • Marco75Marco75 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 575
    Sì, capita. A me è capitato persino di non sapere rispondere (in modo sincero) alla domanda "come stai?" Anzi, odiavo quando la precedente psicologa apriva le sedute in quel modo - ma, guardando la cosa a posteriori, credo proprio che facesse bene a farlo.
    whatsername84
  • whatsername84whatsername84 Veterano
    Pubblicazioni: 157
    @Marco_75 "come stai?" è una domanda a cui davvero non so cosa rispondere. O rispondo meccanicamente "bene" perché è quello che tutti si aspettano, oppure non so che dire. A volte mi esce "ho fame" " ho caldo", non so se è una risposta corretta alla domanda, le persone mi sembrano sempre un po' spiazzate.
    Marco75OrsoX2
    "Siamo tutti in un fosso, ma alcuni di noi guardano le stelle" - Oscar Wilde -
  • NewtonNewton Pilastro
    Pubblicazioni: 2,785
    Per i tuoi esempi nemmeno io avrei saputo che dire: mi è già difficile capire cosa provo o desidero ora, figuriamoci a 90 anni. 
    Avrei detto "sicuramente non organizzerei una festa neanche a 90 anni" :P
    whatsername84woodstockAmelieriotMarco75SirAlphaexa
  • GecoGeco Colonna
    modificato 29 June Pubblicazioni: 1,100
    Si, mi mettono in forte disagio tutte le domande che mi fanno parlare di me non a livello di "chiacchiera da bar".
    La sensazione è così descrivibile: vertigini per una frazione di secondo, in quell'attimo il cervello va in tilt e non riesco più a seguire un pensiero logico e ho anche tanti pensieri che si accavallano nella mia testa, un tubinio di pensieri, ma non riesco ad afferrarne uno per capire a che sto pensando, sfuggono tutti e creano tanta confusione e basta.
    Dopo un po' di farfugliamenti e/o perdite di tempo per guadagnare tempo e far passare il tilt, dico qualcosa tra il reale (poco) e l'inventato (tanto), sperando di aver dato una risposta soddisfacente per non essere più interpellata.

    Dall'esterno penso (sottolineo penso) di dare solo l'impressione della classica persona timida/indecisa/imbarazzata/forse non proprio sveglia.

    L'ultima volta mi è successo di recente ad un corso: prendete tre vostre caratteristiche e, a prescindere che esse siano positive o negative, esaltatele in maniera abonorbe. Vertigine --->tilt ---> ho detto qualcosa (per fortuna non ero prima). Ero così in tilt che, quando dopo 15 minuti ci hanno detto di declinare le stesse in negativo (altro tilt), non mi ricordavo più cosa avessi detto prima!
    Figura di m... colossale!!
    Ciao.
    whatsername84MononokeHimePuck
    Post edited by Geco on
  • Marco75Marco75 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 575
    whatsername84 ha detto:

    @Marco_75 "come stai?" è una domanda a cui davvero non so cosa rispondere. O rispondo meccanicamente "bene" perché è quello che tutti si aspettano, oppure non so che dire. A volte mi esce "ho fame" " ho caldo", non so se è una risposta corretta alla domanda, le persone mi sembrano sempre un po' spiazzate.

    Io ho avuto periodi in cui sapevo rispondere, perché a causa di singoli eventi c'era uno stato d'animo chiaramente dominante. In altri momenti, invece, la "calma piatta" mi portava (e mi porta) a uno scollamento totale dai miei stati d'animo. In quei casi, quella semplice domanda finisco per odiarla.

    Parlo ovviamente di chi ti chiede come stai aspettandosi una risposta "seria", non del "come stai" superficiale detto tra conoscenti (io lì rispondo "abbastanza bene" anche se in realtà sto morendo).
    whatsername84
  • bludiprussiabludiprussia Membro Pro
    Pubblicazioni: 159
    Sì, mi capita spesso. Specialmente quando ci sono corsi di formazione / workshop in cui la prima lezione viene dedicata al conoscersi / parlare di sé. Io sudo freddo, cosa devo dire oltre nome cognome ed età? Generalmente faccio in modo di essere tra gli ultimi e poter copiare pezzi di discorso da altri. 

    "Perché hai scelto di seguire questo corso?"
    Non ho mai una risposta esatta, per istinto - mi verrebbe da dire - o mi verrebbe da fare un disegno. 
    Un'altra domanda atroce può essere "Perché siete qui?" e in generale la mia risposta è "Perché costretta", ma comunque non ho  mai una risposta precisa, esatta, perfettamente corrispondente a ciò che sento. 

    @whatsername84 anch'io a volte sento di rispondere con bisogni primari o necessità varie al "Come stai?" e non sempre riesco a frenarmi per tempo. 
    All'ultimo Come stai? ho risposto Mi fanno male i piedi, ed ero al funerale di mio nonno.
    MononokeHimeDoorwhatsername84
    Not all those who wander are lost.
  • BlakeknownBlakeknown Neofita
    modificato 29 June Pubblicazioni: 3
    Credo che la domanda che piú di tutte mi mette in difficoltà sia "perchè non ti trovi una ragazza?"..come se ci fosse una risposta esatta a questa domanda. Di solito la butto sul ridere ma è chiaro che è una domanda fatta per lasciarti sulle spine, non la sopporto. Un altra domanda è anche "perchè ti trovi in questo corso?". Non riesco a rispondere con una banalità. Spesso le spiegazioni che dó sulle domande importanti sono vaghe e confuse. Mi sento in queste situazioni a metà tra il voler dire ció che penso e il dovere di mantenere una maschera.
    whatsername84
    Post edited by Blakeknown on
  • lollinalollina SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 3,518
    whatsername84
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586