Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Prima visita npi per un bambino... Come si svolge?

Buongiorno a tutti. Come vi raccontato anche ieri dopo aver parlato di nuovo con la pediatra di mio figlio e dopo aver notato nuovi elementi anche lei è stata d accordo con me nel richiedere una valutazione. Nel centro di neuropsichiatra infantile della nostra zona a cui accederemo tramite ASL so ci sono insieme neuropsichiatra logopedista e psicomotoricista che faranno una prima valutazione. Ecco ma praticamente il tutto come avviene? Mio figlio ha 19 mesi. Immagino che lo osserveranno giocare e relazionarsi ( sarà molto difficile con gli estranei praticamente non fa altro che piangere finché non passa un ragionevole lasso di tempo)... E poi mi faranno delle domande giusto? Una specie di test tipo quello che ho compilato dal pediatra( m chat) o saranno domande diverse? Immagino pure che non mo daranno subito una diagnosi precisa.. Immagino che inizialmente mi daranno una risposta generica mi manderanno a fare altri controlli. Insomma mi raccontate un po il vostro percorso se avete voglia? L unica cosa che so per certo (perche mi è stato riferito proprio da una logopedista mia amica lontana che però s e presa il disturbo di informarsi con la sua collega che lavora qui dove lo porterò io) è un fatto positivissimo: che non c e lista d attesa per accedere alla riabilitazione almeno con logopedia e psicomotricità e che in caso ci diano una diagnosi generica come spesso accade all età di mio figlio potremmo iniziare immediatamente! Insomma se vi va di condividere la vostra esperienza di genitore in questo percorso.. Ve ne sarei molto grata!
«1

Commenti

  • claluiclalui Veterano
    Pubblicazioni: 224
    Ciao @gioia credo che le esperienze siano molto diverse, non ho idea se ci sia una procedura standard.
    Nel nostro caso il mio piccolo aveva poco più di due anni e i sintomi erano parecchi. Optammo per un ricovero di qualche giorno piuttosto che procedere per visite successive. In quei giorni fecero tutti i test del caso, interviste a noi e osservazione diretta del mio piccolo. In più analisi metaboliche e risonanza magnetica. Uscimmo di li con la diagnosi.
  • mandragola77mandragola77 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 2,171
    La prima visita servì solo per fare un inquadramento della situazione. La neuropsichiatra lo osservò mentre giocava e si aggirava nell'ambulatorio, ogni tanto lo chiamava per vedere se si girasse, cerco di farlo indicare e altre cose simili. Nel mentre faceva domande a me sullo sviluppo del bambino e su cosa di preciso mi preoccupasse. L'incontro durò circa 2 ore e uscii dal reparto con la certezza che si trattasse di un disturbo pervasivo dello sviluppo.
    L'indomani gli fecero l'ados e gli altri test specifici. Nel giro di pochi giorni ebbi la diagnosi.
    All'epoca il bambino aveva quasi 3 anni.
  • DrMoodyDrMoody Veterano
    Pubblicazioni: 207
    clalui ha detto:

     In più analisi metaboliche e risonanza magnetica. Uscimmo di li con la diagnosi.


    Analisi metaboliche e risonanza?? Eri nel privato?
  • claluiclalui Veterano
    Pubblicazioni: 224
    No @DrMoody nel pubblico. Mio figlio soffre anche di convulsioni febbrili semplici. Vollero togliersi tutti i dubbi circa comorbosita' . Comunque al tempo su casi simili in caso di ricovero era la procedura.
  • DrMoodyDrMoody Veterano
    Pubblicazioni: 207
    Ah capisco! Infatti volevo chiederti se c'erano altre diagnosi in ballo, ma non sapevo se era il caso :) Scusa la curiosità
  • claluiclalui Veterano
    modificato 31 August Pubblicazioni: 224
    Figurati! @DrMoody non avevo pensato che potesse suonare strano.ero convinta che fosse quasi la norma fare la risonanza e le metaboliche
    Post edited by clalui on
  • gioiagioia Membro Pro
    Pubblicazioni: 171
    mandragola77 ha detto:

    La prima visita servì solo per fare un inquadramento della situazione. La neuropsichiatra lo osservò mentre giocava e si aggirava nell'ambulatorio, ogni tanto lo chiamava per vedere se si girasse, cerco di farlo indicare e altre cose simili. Nel mentre faceva domande a me sullo sviluppo del bambino e su cosa di preciso mi preoccupasse. L'incontro durò circa 2 ore e uscii dal reparto con la certezza che si trattasse di un disturbo pervasivo dello sviluppo.
    L'indomani gli fecero l'ados e gli altri test specifici. Nel giro di pochi giorni ebbi la diagnosi.
    All'epoca il bambino aveva quasi 3 anni.

    Capisco, grazie! Il mio timore è che non riescano ad osservarlo adeguatamente perché il bambino appena entra in un luogo sconosciuto e con persone estranee mi si aggrappa al collo e non mi molla più. Salvo poi sciogliersi ,se la persona è particolarmente affabile e carina, e accennare qualche forma di gioco o sorriso. Ma immagino che tutto questo sia già un grosso elemento da valutare agli occhi nel neuropsichiatra.
  • gioiagioia Membro Pro
    Pubblicazioni: 171
    i. Vollero togliersi tutti i dubbi circa comorbosita' . Comunque al tempo su casi simili in caso di ricovero era la procedura.
    clalui ha detto:

    Ciao @gioia credo che le esperienze siano molto diverse, non ho idea se ci sia una procedura standard.
    Nel nostro caso il mio piccolo aveva poco più di due anni e i sintomi erano parecchi. Optammo per un ricovero di qualche giorno piuttosto che procedere per visite successive. In quei giorni fecero tutti i test del caso, interviste a noi e osservazione diretta del mio piccolo. In più analisi metaboliche e risonanza magnetica. Uscimmo di li con la diagnosi.



    Ah.. OK quindi per voi direttamente ricovero . capito grazie. Un percorso totalmente differente causato anche dalle crisi convulsive .giusto che sia cosi almeno hanno verificato il tutto.!
  • mandragola77mandragola77 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 2,171
    Comunque indagini genetiche, ecg e risonanza magnetica fanno parte delle routine diagnostica.
  • claluiclalui Veterano
    Pubblicazioni: 224
    Ah quindi @Madragolal77 non è stato solo per mio figlio. In effetti mi chiesero subito se dovevano prenotarmi la risonanza già prima di aver iniziato l'indagine. In un primo momento dicemmo di no perché avevamo paura dell'anestesia. Poi insistettero e per fortuna riuscimmo a farla in sonno naturale.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586