Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

BRillantamenti solari

13

Commenti

  • SoylentGreenSoylentGreen Membro Pro
    Pubblicazioni: 441
    Bravo @torukh hai ragionissima sulla strumentalizzazione del riscaldamento globale,c'è da dire che oltre all aspetto economico ci sta anche la creazione delle smart cities e del controllo sociale che ne consegue con la scusa dell'efficienza energetica.comunqwue per me i raggi cosmici hanno a che fare con il risveglio della natura in primavera

    :)
  • torukhtorukh Colonna
    Pubblicazioni: 1,440
    @AJDaisy
    Io mi riferivo all'irritabilità, non alla depressione.
    Trovo che sia anche una questione di condizioni sociali ciò che determina il maggior numero di suicidi che avviene nei paesi scandinavi e non bastino semplicemente solo le conseguenze derivanti da un'inadatta ripartizione del giorni in ore diurne e notturne.
    aspirina
  • AJDaisyAJDaisy Pilastro
    modificato 13 September Pubblicazioni: 6,687
    torukh ha detto:

    @AJDaisy
    Io mi riferivo all'irritabilità, non alla depressione.
    Trovo che sia anche una questione di condizioni sociali ciò che determina il maggior numero di suicidi che avviene nei paesi scandinavi e non bastino semplicemente solo le conseguenze derivanti da un'inadatta ripartizione del giorni in ore diurne e notturne.

    Trovo che la sopportazione al caldo ed all'afa sia soggettiva e mediamente non molto influente, rispetto ad altre situazioni nella società attuale.
    Credo ci siano altri aspetti che incidano molto di più sull'irritabilità rispetto ad un'estate leggermente più torrida delle precedenti.
    Quello che volevo dire con quella battuta è che l'influenza del sole e del caldo in genere è certamente più positiva, rispetto a quella del non avere luce per mesi ed il freddo, quindi abbastanza irrilevante.
    Intervento umano a parte, le latitudini abitabili sarebbero solo quelle temperate e calde, non certo quelle vicine all'area polare.
    Fasi climatiche simili a quella attuale ve ne sono state anche in passato. Le variazioni e la crescita delle temperature al momento sono contenute attorno ai pochi decimi di grado. L'estate è estate; l'ultima è stata sopra la media, tuttavia non estremizzerei parlando di variazioni comportamentali derivanti dal caldo e l'afa, così influenti da fare notizia.
    Parli anche di strumentalizzazione del riscaldamento globale. Io dico, può essere che a prescindere dall'intervento umano si possano verificare condizioni simili all'attuale, tuttavia ciò non è un buon pretesto per trascurare il fatto che bisognerà intervenire drasticamente sulle emissioni, soprattutto dovranno farlo i giganti asiatici, che attualmente trascurano ogni intervento dal punto di vista della riduzione delle emissioni, così come (ma questo è un altro discorso) dal punto di vista della sicurezza e della dignità dei lavoratori, a favore della produttività e del consumismo. Loro comunque che oggi sono già il centro produttivo mondiale.
    SirAlphaexa
    Post edited by AJDaisy on
  • torukhtorukh Colonna
    Pubblicazioni: 1,440
    Ed io che sono di buon umore in inverno... :)

    "tuttavia non estremizzerei parlando di variazioni comportamentali derivanti dal caldo e l'afa, così influenti da fare notizia."

    In effetti non posso certo utilizzare solo la mia esperienza, anche se di esploit folli, d'estate ne vedo veramente parecchi.

    "tuttavia ciò non è un buon pretesto per trascurare il fatto che bisognerà intervenire drasticamente sulle emissioni"

    Non mi pongo in negazione di tale necessità, dico però che i giganti asiatici ed i paesi prossimi alla condizione di pieno sviluppo sono pesantemente dipendenti dalle varianti di energia fossile.
    E modificare il mercato mondiale in direzione di un abbandono di quelle forme di energia determina dei costi giganteschi proprio per quegli stati determinando il fatto che quell'abbandono imposto somigli molto ad una manovra di guerra economica.
    Non dico che lo sia con la più ferrea certezza ma che ne faccia certamente venire il sospetto.

    "soprattutto dovranno farlo i giganti asiatici, che attualmente trascurano ogni intervento dal punto di vista della riduzione delle emissioni, così come (ma questo è un altro discorso) dal punto di vista della sicurezza e della dignità dei lavoratori, a favore della produttività e del consumismo."

    Si può definire fase espansiva del ciclo economico.
    Le sue caratteristiche sono esattamente quelle e non differiscono mai considerevolmente in ogni loro ulteriore riespressione.
    Si possono osservare:
    1 lotte sindacali, scioperi e conquiste
    2 ristrutturazione massiccia del mercato interno dei singoli paesi
    3 espressione di interessi di economia prettamente liberista
    4 profondi mutamenti sociali e degli stili di vita
    5 socialdemocratizzazione delle politiche interne
    6 espressione di interessi imperialistici oltre i confini statali

    "Loro comunque che oggi sono già il centro produttivo mondiale."

    Non sono tuttavia ancora il centro economico...
    E ritardare questo divenire è un obiettivo di massimo interesse per le potenze mature.
    Bletch
  • AmaranthaAmarantha Veterano
    Pubblicazioni: 149
    SoylentGreen ha detto:

    La scienza arriva sempre in ritardo

    La scienza è prudente, in quanto deve dare interpretazioni dei fenomeni quanto più possibilmente tendente al vero. Semplicemente ha i suoi tempi, perché lanciarsi in voli pindarici credendo di aver compreso un fenomeno in 2 minuti è spesso errato quanto controproducente
  • aspirinaaspirina SymbolAndato
    Pubblicazioni: 3,054
    Amarantha ha detto:

    SoylentGreen ha detto:

    La scienza arriva sempre in ritardo

    La scienza è prudente, in quanto deve dare interpretazioni dei fenomeni quanto più possibilmente tendente al vero. Semplicemente ha i suoi tempi, perché lanciarsi in voli pindarici credendo di aver compreso un fenomeno in 2 minuti è spesso errato quanto controproducente
    Magari  però nel frattempo qualcuno viene bruciato a Campo dei Fiori e qualcun altro viene costretto a dire che la terra è immobile e ad abiurare le proprie intuizioni.....   8-|
    torukh
    Alla fin fine, amici, ecco la verità: è tutta una supercazzola
  • NunkiNunki Membro
    modificato 13 September Pubblicazioni: 230
    Ora, bruciare la gente è sempre sbagliato, ma a volte io arrostirei sia i terrappiattisti che i terrosferisti, perchè la terra non è né piatta né sferica, la Terra è un geoide!  Ci vuole prudente precisione. :)
    Ad ogni modo, i brillamenti solari sono rilevanti non solo da un punto di vista di un' eventuale (non dimostrata) relazione con il riscaldamento globale, ma in quanto essendo costituiti da particelle cariche elettromagneticamente, sono certamente  incompatibili con la biologia terrestre, e se non fosse per il simpatico nucleo di ferro di Gaia, che produce un altrettanto simpatico campo magnetico che  la circonda, noi saremmo praticamente fritti da un grosso forno a microonde (passatemela), anche se non ci fosse riscaldamento globale. Un astronauta usa una tuta che lo scherma da tali forze, se no non sopravviverebbe per molto, anche se la temperatura fosse nei parametri umani. Stesso discorso per Giove, che stella, anche se per poco, non lo è, ma che comunque non produce calore; un essere umano che osasse avvicinarsi senza un' adeguata schermatura per il campo elettromagnetico delle forze mareali di Giove, avrebbe vita brevissima, a prescindere dalla temperatura.
    In questo senso il fenomeno dei brillamenti è interessante non solo in relazione al riscaldamento terrestre, ma proprio in relazione alla sua interazione con la nostra biologia.
    Che ci cambi l' "umore" ? :)



    AJDaisyDrMoodyaspirina
    Post edited by Nunki on
  • torukhtorukh Colonna
    Pubblicazioni: 1,440
    Mah che io sappia sono pochissime le particelle dei raggi cosmici che arrivano fino al suolo.

    Mi sembra un po' una forzatura assumere che il comportamento umano possa essere condizionato da brillamenti solari o raggi cosmici oltre la misura secondo cui il semplice sapere dei brillamenti produce mutamenti nelle aspettative e negli intenti umani per puro e semplice effetto placebo.
    DrMoody
  • AJDaisyAJDaisy Pilastro
    Pubblicazioni: 6,687
    torukh ha detto:

    Ed io che sono di buon umore in inverno... :)

    "tuttavia non estremizzerei parlando di variazioni comportamentali derivanti dal caldo e l'afa, così influenti da fare notizia."

    In effetti non posso certo utilizzare solo la mia esperienza, anche se di esploit folli, d'estate ne vedo veramente parecchi.

    "tuttavia ciò non è un buon pretesto per trascurare il fatto che bisognerà intervenire drasticamente sulle emissioni"

    Non mi pongo in negazione di tale necessità, dico però che i giganti asiatici ed i paesi prossimi alla condizione di pieno sviluppo sono pesantemente dipendenti dalle varianti di energia fossile.
    E modificare il mercato mondiale in direzione di un abbandono di quelle forme di energia determina dei costi giganteschi proprio per quegli stati determinando il fatto che quell'abbandono imposto somigli molto ad una manovra di guerra economica.
    Non dico che lo sia con la più ferrea certezza ma che ne faccia certamente venire il sospetto.

    "soprattutto dovranno farlo i giganti asiatici, che attualmente trascurano ogni intervento dal punto di vista della riduzione delle emissioni, così come (ma questo è un altro discorso) dal punto di vista della sicurezza e della dignità dei lavoratori, a favore della produttività e del consumismo."

    Si può definire fase espansiva del ciclo economico.
    Le sue caratteristiche sono esattamente quelle e non differiscono mai considerevolmente in ogni loro ulteriore riespressione.
    Si possono osservare:
    1 lotte sindacali, scioperi e conquiste
    2 ristrutturazione massiccia del mercato interno dei singoli paesi
    3 espressione di interessi di economia prettamente liberista
    4 profondi mutamenti sociali e degli stili di vita
    5 socialdemocratizzazione delle politiche interne
    6 espressione di interessi imperialistici oltre i confini statali

    "Loro comunque che oggi sono già il centro produttivo mondiale."

    Non sono tuttavia ancora il centro economico...
    E ritardare questo divenire è un obiettivo di massimo interesse per le potenze mature.

    Ci mancherebbe; è ovvio che macroeconomicamente "l'occidente" fa anche il suo gioco, tuttavia credo che in oriente i paesi in via di sviluppo possano e potevano fare di più in ambito riduzione delle emissioni. Ovviamente si fanno i fatti (economici) loro, tuttavia la Terra è una e data l'entità dell'inquinamento che queste grandi e popolose nazioni emettono, sarebbe bene se prendono in considerazione un rapido cambiamento, soprattutto per i problemi che avranno i loro stessi territori.


    Ma si stava parlando di altro.
    torukh
  • NunkiNunki Membro
    modificato 13 September Pubblicazioni: 230
    @torukh,
    I raggi cosmici sono un'altra cosa, ed il campo magnetico solare ne respinge già la quasi totalità, e appunto come dici tu sono poche le particelle che arrivano sino al suolo,  altrimenti la vita non sarebbe mai potuta essere; i brillamenti solari sono invece emessi direttamente dalla nostra stella e "respinti" dal campo magnetico terrestre.
    Io personalemente non assumo nulla, riporto solo cosiderazioni  che sono in fase di studio in sedi ben più titolate di questa.
    Ci sono appositi missioni delle principali agenzie spaziali dedicate allo studio del sole e le interazioni sia con il riscaldamento globale ed eventualmente la biologia sulla terra sono tutt'altro che chiare. :)
    Tutto qui, giusto per conversazione. :)


    AJDaisyaspirinatorukh
    Post edited by Nunki on
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586