Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Come i social network hanno reso le persone più stupide.



Platone aveva previsto tutto. Buona visione.

La prossima volta che metti like, ci penserai due volte.
tasso_curioso_89mattcv
Tutto appare sempre un po' diverso
quando lo si esprime, un po' falsato, un po' sciocco, sì, e anche questo è
bene e mi piace moltissimo, anche con questo sono perfettamente d'accordo,
che ciò che è tesoro e saggezza d'un uomo suoni sempre un po'
sciocco alle orecchie degli altri.
-Siddharta
«1

Commenti

  • CoxesenCoxesen Membro Pro
    Pubblicazioni: 219
    Credo che alla fine l'istinto di sopravvivenza avrà la meglio. Chi è stupido rimarrà tale con o senza i social. Non credo invece che una persona intelligente possa diventare stupida per colpa di facebook.
    woodstockriotSirAlphaexaNewtonRonnymandragola77marco3882Nemo89mattcv
  • riotriot Moderatore
    modificato 7 March Pubblicazioni: 3,927
    non credo nella sincerità di Chamat: solo paroloni che dovrebbero far riflettere ma che, al contrario, non dicono nulla.
    perché il "male" non è mai il mezzo ma il come lo usi e lo usano.

    e che siamo tutti integrati in un grande fratello, programmati e "venduti" al marketing, non dipende solo dai social: era già così da tempo, perché ci sono "strumenti" anche nella vita non virtuale.

    un esempio tra i più sconosciuti: le telecamere esterne di video-sorveglianza per la sicurezza delle agenzie bancarie emettono un suono al limite dell'udibile.
    questo fa sì che la persona che ci passa sotto non lo percepisca distintamente, e però che alzi per reazione la testa indirizzandovi lo sguardo, venendo quindi chiaramente registrata dal sistema remoto.

    e per me, i cambiamenti vanno gestiti, social o meno che siano. è questione di consapevolezza (anche in questo).

    dunque i social rivelano solo la stupidità delle persone per quanto lo erano già prima di affiorare sui network.

    Valentawoodstockmandragola77SirAlphaexaAntonius_BlockNemoMinollo
    Post edited by riot on

  • Pubblicazioni: 232
    Aspettavo da settimane una discussione su quest'argomento, non l'ho aperta per svogliatezza.

    §

    Sono pienamente d'accordo, nulla da dire
  • ArimiArimi Andato
    Pubblicazioni: 154
    @Coxesen ha scritto quello che penso anche io, ma é innegabile che i social abbiano creato nuove regole sociali e nuovi "valori". Noi che siamo della vecchia generazione, nel senso dell'era pre internet, lo vediamo meglio rispetto alle nuove generazioni che sono cresciute in modo diverso dal nostro. La gente può tranquillamente far sentire la propria voce su facebook o altri social, ha la possibilità di 'conoscere' o imparare qualcosa da internet ma non ha gli strumenti per differenziare ciò che é falso da ciò che é reale. É tutto distorto. L'uomo ha ormai il pieno potere che avevano una volta in pochi: Onniscienza e onnipresenza, vi ricorda qualcosa? Davvero pensate sia un bene? Ormai ognuno viaggia su binari individuali, forse con riprogrammare intendeva proprio questo...
    Auguriamoci solo che non ci sarà un domani bisogno di tornare indietro perché sono certa che nessuno saprebbe più farlo.
  • Jin_Nemo_OudeisJin_Nemo_Oudeis Veterano Pro
    Pubblicazioni: 495
    @riot dici qualcosa di molto giusto, infatti non è un aspetto che metto in dubbio. Io però mi soffermo molto sulla realtà, guardo le persone che ho attorno, e mi appare evidente che sta succedendo qualcosa. Questo qualcosa non è una moda passeggera oppure un fenomeno isolato di poco conto, e sta rendendo le persone incapaci a pensare: sono oggettivamente assenti, e sconnesse dalla realtà.
    Tutto appare sempre un po' diverso
    quando lo si esprime, un po' falsato, un po' sciocco, sì, e anche questo è
    bene e mi piace moltissimo, anche con questo sono perfettamente d'accordo,
    che ciò che è tesoro e saggezza d'un uomo suoni sempre un po'
    sciocco alle orecchie degli altri.
    -Siddharta
  • FrancescoFrancesco Veterano
    modificato 7 March Pubblicazioni: 954
    Io non ho profili facebook, twitter, instagram, etc  e vivo benissimo, uso solo whatsapp per comunicazioni di servizio con la famiglia o poco più.
    Indubbiamente i social stanno modificando pesantemente e violentemente l'attitudine sociale che la razza umana ha costruito nel corso di migliaia di anni, ormai si parla apertamente di solitudine connessa, il nuovo fenomeno che i sociologi di tutto il mondo si apprestano a studiare.

    Non si può demonizzare lo strumento per un eventuale uso distorto ma  è
    anche vero che, per le nuove generazioni sta diventando l'unico mezzo di
    socializzazione. Io sono della vecchia guardia e sono vaccinato ma non è bello entrare in pizzeria e osservare schiere di adolescenti
    affannarsi sul telefono a chattare invece di parlare tra loro !
    :-O
    Il coltello può servire a tagliare il pane o a commetere un omicidio ma io non darei mai un coltello in mano ad un bambino !
    L'età precoce a cui si accedono ai social espone menti giovani ed inesperte a grossi pericoli.
    Ha ragione il tizio del video, se non si è sufficientemente dotati di spirito critico si finisce per diventare vittime dei social, io cerco di parlare con mia figlia di questi aspetti, ma mi rendo conto che è come lottare contro i mulini a vento, la maggior parte degli adolescenti che usano i social non utilizzano altre fonti di informazione, il risultato è che rimbalzano in rete quantità industriali di cazzate !
    E' fondamentale affrontare il problema a livello scolastico, bisogna introdurre la materia di educazione social prima che sia troppo tardi
    X(
    E' sempre più vera la profezia di Umberto Eco:
    «I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli che prima
    parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la
    collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso
    diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli». 



    Arimimandragola7789mattcv
    Post edited by Francesco on
    Non vorrei mai far parte di un club che accettasse tra i suoi soci uno come me. (G. Marx)
  • DomitillaDomitilla Senatore
    Pubblicazioni: 2,500
    Ho visto il video. La cosa buffa è che lui si comporta come la catena di Whasapp che critica: paroloni ad effetto che non dicono nulla e nessuna citazione delle fonti.
    Comunque son felice di non stare sui social.
  • pokepoke Neofita
    Pubblicazioni: 1,659
    La persona del video non dice nulla di concreto, fa molte allusioni ed utilizza un linguaggio emotivo.

    Non capisco su cosa verta la discussione, è la privacy?
    O il reindirizzamento del marketing?
    O la modalità di socializzare?
    O le fake news?

    O una libera interpretazione?
    DomitillaNemo
  • DomitillaDomitilla Senatore
    modificato 7 March Pubblicazioni: 2,500
    poke ha detto:

    La persona del video non dice nulla di concreto, fa molte allusioni ed utilizza un linguaggio emotivo.

    Non capisco su cosa verta la discussione, è la privacy?
    O il reindirizzamento del marketing?
    O la modalità di socializzare?
    O le fake news?

    O una libera interpretazione?

    In pratica dicono in giro che i vari apprezzamenti polliciosi o cuoriciosi o chi per loro, rilascino piccole dose di dopamina, al pari di sigarette, videopoker o cocania.
    Si creerebbe insomma una sorta di dipendenza, il meccanismo è lo stesso: per essere soddisfatti ne serve sempre di più, dunque più tempo perso in cretinate e conseguenti crisi di astinenza (rabbia, anche violenta, prima, depressione poi).
    Altro tema è la ricerca della popolarità fasulla (vedi sopra) e da ultimo sono appunto le psicosi da fake news.
    Almeno, io ho capito così.
    Per lui il marketing è buono.
    Questi argomenti sono validi, poi ognuno avrà la sua opinione in merito, ma esposti così, se non sai già di che sta parlando, non sono affatto comprensibili.
    Post edited by Domitilla on
  • Jin_Nemo_OudeisJin_Nemo_Oudeis Veterano Pro
    modificato 7 March Pubblicazioni: 495
    @poke per me spiega nel modo che pensa efficace, immagino che da ex vice-direttore di Facebook non sia l'ultimo arrivato in fatto di psicologia applicata e marketing, quindi conosce già i suoi polli ed il modo più efficace per farsi capire. Ovviamente è solo una mia supposizione, inoltre l'intervento integrale è molto più lungo, e dura quasi un'ora, se non sbaglio è questo:



    Penso sia voluto che i suoi interventi sono molto "retard-friendly", perché la maggior parte delle persone hanno un focus molto basso, attorno ai 5 minuti (e spesso anche meno).

    (Immagino che) non tutti sono in grado di mantenere una presenza mentale consistente nella vita reale, mentre in rete è ancora più difficile da mantenere, dato che la fiera degli stimoli non ha fine, proprio perché in rete si combatte da sempre per ottenere l'attenzione del pubblico, ed é questo a rendere possibile la monetizzazione. Ti pagano se qualcuno spende il suo tempo sulla tua piattaforma. Quindi se tutti competono per avere la tua attenzione, dove sarà il tuo focus? I social network sono la punta dell'iceberg di questo meccanismo, aziende come facebook hanno messo in atto un gran numero di strategie per scoraggiare le persone ad abbandonare la piattaforma, anche solo per guardare un contenuto esterno ad essa. Sui social l'intrattenimento sono appunto le persone. Persone che si intrattengono a vicenda, solo per distrarsi dalla realtà, però non sono davvero "connesse" fra loro.
    Perché a stare da dietro uno schermo ci si comporta diversamente che di persona.

    Non penso di esagerare quando dico che le persone stanno perdendo la capacità di interagire con la realtà, stando sui social.

    PS! https://it.m.wikipedia.org/wiki/Mito_della_caverna
    Domitilla
    Post edited by Jin_Nemo_Oudeis on
    Tutto appare sempre un po' diverso
    quando lo si esprime, un po' falsato, un po' sciocco, sì, e anche questo è
    bene e mi piace moltissimo, anche con questo sono perfettamente d'accordo,
    che ciò che è tesoro e saggezza d'un uomo suoni sempre un po'
    sciocco alle orecchie degli altri.
    -Siddharta
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586