Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Qual è la vostra giornata tipo con i bimbi

1235»

Commenti

  • lizliz Membro Pro
    Pubblicazioni: 137
    @mamma_francesca ma io non penso di essere ND. il fatto è che una dottoressa specializzata in spettro autistico che MAI ha visto mio figlio (e che sa che lui non è ancora stato diagnosticato), supponeva COSì, a priori, che io potessi esser Asperger "forzando" dei fatti che le ho raccontato.

    cioè quello che voglio dire è che se io non avessi detto nulla di mio figlio, questa persona probabilmente mai si sarebbe sognata di tirarmi fuori l'Asperger! dunque le diagnosi (e anche le non diagnosi come nel mio caso) influenzano eccome! e influenzano TUTTI, genitori compresi che si ritrovano a scrivere su un forum se fare certi giochi o seguire la mamma in casa sia o meno una roba autistica.
    quando si può, è meglio mille volte non sapere.

    scusate se sono andata OT.
    amanitaAlbina
  • mamma_francescamamma_francesca Colonna
    Pubblicazioni: 1,406
    @liz ma certo! quello che volevo dire io è che come la psicologa ha "forzato" le cose con te, può darsi che succeda lo stesso con tuo figlio. Quindi la domanda che ci dobbiamo fare non è se il figlio è nd ma se è disabile. Se francamente non ci sembra disabile allora lasciamo perdere tutto il discorso. Il fatto è che non esistono persone nt e nd ma siamo un mix e tutti i cervelli sono diversi. [comunque non credere penso che avrebbe tirato fuori l'asperger pure senza sapere la diagnosi di tuo figlio perchè è specializzata nello spettro, quindi va a parare proprio li e se sei una persona riservata, timida, ligia al dovere sicuramente te lo tira fuori ... poi ovviamente dipende anche dal motivo per cui ci vai ... tu ci vai per tuo figlio, ma se ci andavi per qualsiasi altra ragione spiegabile anche con l'asperger ... tipo l'anoressia ... te lo tirava fuori lo stesso]
    amanitasunsky
  • amanitaamanita Veterano
    modificato 29 May Pubblicazioni: 201
    L'unica persona asperger che ho conosciuto ( un asperger da manuale direi diagnosticato da bambino) era allora un ragazzo di 17 anni.
    Pur essendo una persona intelligentissima e molto funzionale la sua "diversità" era evidente.
    Nel modo di parlare, relazionarsi, vestirsi, per i problemi sensoriali e la sua incapacità spontanea di comprendere il mondo emotivo/non verbale degli altri.
    Nonostante questo vi assicuro che non era un disabile in nulla.
    Era semplicemente un ragazzo "diverso" in maniera molto evidente.
    Sua mamma l'ha portato da molti clinici negli anni e tutti gli hanno dato questa diagnosi senza ombra di dubbio.
    Da piccolo era esageratamente indipendente e precoce. Un bambino molto gestibile che non chiedeva mai praticamente nulla. L'unica stranezza è che se lo portavi in un supermercato o posti molto confusionari aveva reazioni esagerate che duravano anche un ora senza che nulla potesse calmarlo.
    Alla materna non si relazionava con nessuno. Idem alle elementari. Cosa che aveva fatto scattare l'attenzione delle maestre.
    Parliamo di circa 15 anni fa credo.. non c'era ovviamente la conoscienza che c'è oggi.
    Diversamente non ho dubbi che sarebbe stato marchiato come disabile nonostante la sua eccezionale intelligenza.
    Sua madre non era mai riuscita ad entrare nel suo mondo emotivo e ho capito parlandoci che questa era la vera cosa che poi la faceva soffrire.
    Tutti minimizzavano molto perché infondo questo ragazzo si faceva e si fa la sua vita.
    È indipendente, studia lontano da casa e si è costruito qualche relazione.
    La sua carriera scolastica è stata impeccabile.
    Io però capivo la sua sofferenza, l'ho capita ancora di più quando sono diventata mamma.
    Sono le barriere che crea questa "diversità" che sono dolorose per un genitore.
    Non le disfunzionalità.
    Io ho sempre pensato e continuo a pensare nonostante tutto che l'autismo sia sempre e comunque questo.
    Poi credo davvero che esistano infinite diversità e che quest'ultime siano solo una ricchezza per l'umanità intera. Credo che molte delle persone che in passato e nel presente hanno contribuito e contribuiscono, con la propria conoscienza e con la propria arte, a rendere il mondo un posto migliore, siano persone capaci di vedere e ragionare fuori dagli schemi.
    Credo che le disabilità "nascoste" purtroppo esistano.. che si possano avere delle difficoltà che non hanno nome né spiegazione.
    Credo che per un genitore sia sempre difficile gestire un figlio "fuori dagli schemi" e che sia naturale cercare risposte.
    Ciò che non capisco è perché non possiamo arrenderci al fatto che troppe cose non si conoscono e non si può dargli un nome tanto per illuderci di aver trovato delle certezze.
    Forse ciò che facciamo fatica ad accetrare è che non c'è niente di vero in queste cose.
    Il problema è che più ci convinciamo che sono vere più diventano reali.
    Come gli ipocondriaci che vedono malattie in ogni sintomo e più cercano risposte per disconfermare le loro ipotesi, più facilmente troveranno qualcuno che gli aumenterà il dubbio e il numero di sintomi crescerà.
    Il vantaggio delle malattie organiche è che ci sono gli esami diagnostici ad escluderle e ci si può mettere l'anima in pace.
    Questi "disturbi" sono un pozzo senza fondo e possono crescere a dismisura tanto da arrivare a convincerci che molte cose da sempre considerate normali sono in realtà patologiche.
    La psichiatria funziona così.
    Finché si occupava degli adulti pace.. ora che si sta' accanendo sui bambini la cosa sta' diventando molto pericolosa.
    Solo i genitori possono dare uno stoppone a questo sistema ma non lo fanno perché ne sono vittime.
    Mi spiace @liz di certo seguire la propria madre in ogni angolo della casa non può essere un comportamento autistico e di certo non sei asperger solo perché hai un caratteraccio e sei pignola.. ma ormai stiamo perdendo tutti la lucidità..






    Linnasunsky
    Post edited by amanita on
  • sunskysunsky Membro Pro
    Pubblicazioni: 157
    @liz sono rimasta senza parole. Anche se da una parte la capisco. Da quando ho scoperto questo mondo sono diventata una cacciatrice di persone nello spettro anch'io che non sono addetta ai lavori. Posso immaginare una che fa di professione quello. Forse ti conviene cambiare psicologa a questo punto.
  • lizliz Membro Pro
    Pubblicazioni: 137
    @amanita è sempre un piacere leggerti: scrivi cose interessanti e offri spunti di riflessione. 
    Credo fermamente che il seguire la propria madre per casa sia da mammoni e non da spetto autistico e penso anche di non essere Asperger ovviamente.

    @sunsky anche io presto più attenzione a chi mi circonda ora: l'altro giorno una mia collega è venuta in ufficio con suo figlio e il bimbo mentre parlava dondolava su se stesso...inutile dirti a cosa ho subito pensato! 

    purtroppo è difficile non ragionare in questi termini…..tutto questo inevitabilmente ci condiziona, al punto da farsi domande su tutto. Forse questo è l'aspetto veramente più tremendo (almeno per me).


    sunsky
  • mamma_francescamamma_francesca Colonna
    Pubblicazioni: 1,406
    Sì questo è l'aspetto più tremendo ed è inarrestabile perchè non esistono "comportamenti normali" e "comportamenti autistici"; più che altro dipende dall'intensità, dai significati, dalle relazioni. Io ormai sono convinta che non bisogna lasciarsi trascinare e bisogna usare i vecchi metodi della nonna: risolvere via via i problemi che si manifestano, dando importanza solo a ciò che è importante, accettando le caratteristiche della persona e puntando solo al raggiungimento degli obiettivi senza stare li a fissarsi sui particolari.
    Domitilla
  • DomitillaDomitilla Senatore
    Pubblicazioni: 2,924
    Scusate, ma voi li guardate i figli degli altri?
    Sono così perfetti, autonomi ubbienti, con giochi finalizzati a non ho capito cosa doverebbero finalizzarlo?
    Avendo figli di tutte le "tipologie" vedo che l'unica differenza tra bambini nt e nd è capire lo scherzo, l'inganno sociale.
    Un bambino nt afferra prima.
    Poi sì anche il nt che ho, se non sta in braccio a mamma ciondola per casa gridando mi annoio.
    Tutti mi fanno così, o tv e videogiochi o devo suggerire io, e non va mai bene niente di ciò che propongo.
    La situazione finisce quando minaccio di buttare via tutti i giochi.
    Passatempi autistici... passava ore e ore a fissare l'atlante, adesso ha 9,5 in geografia... Era meglio che gli facessi fare... cosa?
    Anche l'allineare aveva senso, per lui e anche per me, dopo che gli chiedevo cosa stava facendo.
    Poi non è vero che allineare non serva a nulla, e i mosaici?
    Le piastrelle?
    La ripetitività della fabbrica?
    Io non so come sono effettivamente i vostri figli, vedo i miei che spero se la cavino, indipendentemente dal funzionamento del loro cervello.
    Certe cose però mi sembrano un tantino esagerate.
    Poi se uno fa lo strano in pubblico, succederà come è successo a me: figuraccia, vergogna, non ripetere la cosa.
    mamma_francescaNewtonAmelieamanita
  • mamma_francescamamma_francesca Colonna
    Pubblicazioni: 1,406
    Grazie @Domitilla! Veramente grazie perchè mi sembra proprio che gli altri bimbi vengano "idealizzati" fuori di misura, mentre a me sembra evidente che fanno sclerare altrettanto quando si tratta di prepararsi mattina e sera: invece si parla subito di funzioni esecutive e compagnia bella. I miei bimbi ieri sera siccome gli abbiamo promesso di giocare alla playstation se si preparavano in fretta, dopo tre minuti (ma tre di orologio) erano davanti al lavandino a lavarsi i denti con il pigiama già addosso ;-) . Ecco se un bimbo è capace di farlo quando gli "conviene" allora non si può parlare di "carenza di funzioni esecutive" per le volte in cui vaga per casa e ci mette un quarto d'ora o di più. Si tratta di avere "pazienza".
    Domitillasunsky
  • amanitaamanita Veterano
    Pubblicazioni: 201
    mamma_francesca ha detto:

    Grazie @Domitilla! Veramente grazie perchè mi sembra proprio che gli altri bimbi vengano "idealizzati" fuori di misura, mentre a me sembra evidente che fanno sclerare altrettanto quando si tratta di prepararsi mattina e sera: invece si parla subito di funzioni esecutive e compagnia bella. I miei bimbi ieri sera siccome gli abbiamo promesso di giocare alla playstation se si preparavano in fretta, dopo tre minuti (ma tre di orologio) erano davanti al lavandino a lavarsi i denti con il pigiama già addosso ;-) . Ecco se un bimbo è capace di farlo quando gli "conviene" allora non si può parlare di "carenza di funzioni esecutive" per le volte in cui vaga per casa e ci mette un quarto d'ora o di più. Si tratta di avere "pazienza".

    Concordo. Anche sul fatto che sia la motivazione a far muovere le persone, tutte.
    Pure mio figlio si prepara in un nanosecondo se gli conviene. Il problema è che non riesce a tenere a mente tutte le cose che deve fare e questo purtroppo non è un aspetto legato alla motivazione.
    Si. È in grado di farlo se ci mette tutto il suo impegno a restare concentrato.. ma credetemi che per lui è una cosa estremamente faticosa.
    Ho dovuto riconoscerglielo perché ho proprio capito con il tempo che certi aspetti non erano legati alla pigrizia, l'oppositivita o la scarsa motivazione altrimenti con il cavolo sarei andata a farlo vedere da un np..
    Per me fate bene a minimizzare la questione se parliamo di bambini che sono solo un po' diversi e nulla di più.
    Per me questi non sono manco da considerare come bimbi che hanno qualche disturbo.
    Purtroppo però non tutte le situazioni son così..
    Ci sono anche situazioni in cui il modo di funzionare diverso può creare dei deficit.
    Io non considero mio figlio così "anomalo" per me è un bimbo come un altro sinceramente, con le sue caratteristiche forse non tipiche ma non è quello il problema.
    Io all'autismo, spettro ecc ecc manco ci penso perché ciò che mi preoccupa è il suo funzionamento cognitivo, la sua incapacità di regolare il suo comportamento, la sua instabilità emotiva.
    Che sia causata o incasellabile in qualche sigla diagnostica non mi è certo di aiuto perché tanto risposte non me ne da.
    Perché questo discorso.
    Per dire che se problemi non ce ne sono parliamo di cose diverse.
    Non ha nessun senso davvero preoccuparsi più del necessario o cercare a tutti i costi diagnosi psichiatriche per incasellare delle diversità.
    I problemi possono averli anche i bambini a sviluppo tipico.. mica ne sono esenti.
    Ci sono bambini tipicissimi pieni di tic o con le fobie.
    Ovvio che uno sviluppo atipico mette molto di più a rischio ma appunto non è scontato che sia così.
    Anziché fare una distinzione tra bambini tipici o non tipici bisognerebbe farla tra quelli che hanno problemi di sviluppo e quelli che non ne hanno.
    Forse questo andrebbe fatto e se dobbiamo attenzionare i bambini atipici perché non anche quelli che vivono in una situazione familiare stressogena? Ad esempio. Non sono anche loro a rischio?
    Per me questo sta' diventando accanimento verso tutti quei modi di essere che non sono negli standard. Mi rievoca brutte immagini sinceramente..
    Concludendo.
    Come sempre hai ragione ed io credimi, vorrei tanto che mio figlio fosse solo un po' "goffo" o distratto o fuori dagli schemi.
    Diciamo che lotto ogni giorno per fare in modo di poter pensare un domani che lui è "solo" questo. Per me sarebbe un grande traguardo davvero.
    mammarosannasunsky
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online