Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Rientro all'asilo: delirio. Chi come noi?

loconiloconi Veterano
modificato 16 September in Discussioni tra genitori
Buongiorno, oggi siamo tornati all'asilo! Secondo anno!
Ho preparato mio figlio come mi aveva suggerito la terapista, facendogli vedere la schedule delle attività. Abbiamo letto insieme: colazione e poi mi interrompe a scuola...e no!
Pianti disumani all'ingresso, due tentativi di fuga.
Anche i vostri hanno queste reazioni? Sono scenate molto pesanti e intense, che mi lasciano un'ansia tremenda.
Post edited by loconi on
«13

Commenti

  • speranza82speranza82 Membro Pro
    Pubblicazioni: 229
    Ciao @loconi. Il mio devo ammettere che invece è rientrato senza problemi. Solo verso la fine del anno scorso era stanco e appena vedeva l asilo diceva "no asilo". Però ci andava e non ha mai fatto crisi.
    loconi
  • lucy84lucy84 Membro Pro
    modificato 16 September Pubblicazioni: 110
    anche io scappavo e ci riuscivo pure

    La cosa che posso consigliarti, per quanto sia piccolo il bambino, è di renderti quanto piu possibile aperto all’ascolto. Il problema è l’asilo, immagino ci dovrà andare per forza di cose, ma quello che poi negli anni rimane è la sensazione di essere inascoltati.
    mammarosanna
    Post edited by lucy84 on
  • loconiloconi Veterano
    Pubblicazioni: 301
    @lucy84 cerco di fare il possibile, ma come dici tu...ci deve andare purtroppo. Cerco di prepararlo di dirgli che l'asilo è bello, ma la sua risposta alla domanda "vuoi andare all'asilo?" È sempre " e no".
  • lucy84lucy84 Membro Pro
    Pubblicazioni: 110
    @loconi capisco bene purtroppo

    Pensare di dirgli qualcosa come “so che non ci vuoi andare ma purtroppo bisogna farlo?”
  • loconiloconi Veterano
    Pubblicazioni: 301
    Lo faccio, spero lo capisca, non parla molto ancora.
    lucy84
  • BlunotteBlunotte Veterano
    modificato 16 September Pubblicazioni: 150
    Semi-OT: ma l'odio per l'asilo è comune fra gli Aspie?

    Anch'io sono andata sempre malvolentieri alla scuola materna.
    Mi piaceva fare i lavoretti, ma riuscivo a inserirmi molto poco nei momenti "liberi". C'era troppa confusione...
    Per dire: ognuno aveva il suo barattolo di pennarelli personale, e una cosa che ad esempio a me dava molto fastidio era quando gli altri bambini si prendevano i miei colori senza chiedere.

    Comunque sia, ciò che ricordo più chiaramente (e ancora con un po' di sofferenza, nonostante i tantissimi anni passati da allora) è la sensazione di "isolamento", dell'essere "lasciata in disparte", e del non essere io in grado di approcciare i compagni che tra gli altri mi avrebbero ispirato più simpatia.

    Andavo un po' più volentieri all'asilo solo quando, ad esempio, sapevo che ci sarebbe stato qualche cibo che mi piaceva particolarmente per pranzo (nota bene: i cibi che mangiavo dentro/fuori casa non coincidevano) o che avremmo fatto qualche attività a me gradita (che so, uscire in giardino). L'asilo non era per me assolutamente "bello", ma a volte ci capitavano o ci si facevano "cose belle".
    In genere però mia mamma e mia nonna mi "minacciavano" in vario modo per convincermi ad andare alla scuola materna. Le ho fatte disperare e preoccupare per l'inizio della scuola elementare, ma lì non ho avuto problemi di quel tipo: tutto era più irregimentato e tranquillo, ci andavo molto volentieri.

    Se è una cosa che bisogna fare, bisogna farla. Era solo per contribuire a farvi capire che forse i vostri figli hanno le loro serie ragioni per dire "no": non si tratta di capricci/essere viziati, ma del fatto di andare incontro a qualcosa che magari in qualche modo li fa stare molto male... E sono cose che è difficile spiegare e razionalizzare per degli adulti, figurarsi per dei bambini di 3-5 anni.

    Ma non vi preoccupate, si sopravvive!

    Forza, mamme! :)

    (Il tutto sempre detto da una che non sa sia Aspie o meno, quindi, prendete con le pinze).
    lucy84loconi
    Post edited by Blunotte on
    Per vari motivi al momento preferisco partecipare solo alle discussioni del forum pubblico e non usare i messaggi privati, salvo casi particolari.
  • mammaconfusa80mammaconfusa80 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,091
    Primo giorno di scuola elementare. Bravo, ha fatto l’attivita seduto, ha cantato e ha sopportato il caldo disumano. Si è fatto le foto di rito e sopportato l’enorme confusione. Sta maturando, ce lo stanno dicendo tutti. Abbiate pazienza, crescono.
    loconiclaluiadichiocciolinagufomatto79
  • lucy84lucy84 Membro Pro
    Pubblicazioni: 110
    @Blunotte io ho sempre odiato i momenti più sociali, i giochi di gruppo. La ricreazione era un dramma. I lavoretti da far da sola erano dei momenti di pace... alle elementari è emersa un problema di apprendimento che io interpreto ora come una leggera dislessia che ha causato altri drammi e traumi.
    Quello che ora mi chiedo è perché invece delle sberle emotive non ho avuto qualcuno che mi dicesse che sarebbe andata bene e che ce l’avrei fatta? Ce l’ho fatta lo stesso, ho una laurea triennale in lingue (e coi miei problemi con la scrittura è tanta roba - in prima superiore avevo il debito in italiano a causa dello scritto) ma dovermela sfangare da sola ha lasciato dietro un bel po’ di rabbia. Non so nemmeno io se sono aspie, gli autotest e quello che sto leggendo, la sensazione di essere diversa mi dicono di sì, ma è ben probabile che io sia semplifemente il risultato di qualche trauma. O è possibile che le reazioni di chi si doveva occupare di me fossero dettate dal fatto che non riuscivano a capire chi fossi e cosa avessi, a questo punto è difficile da capire.
    Che sia una cosa o l’altra quello che secondo me fa il rapporto genitore figlio è l’ascolto e la comprensione. Magari il bimbo è piccolo e non capisce le parole, ma magari riesce a recepire, in qualche maniera, che ingenitori per lui ci sono
    JAA005Blunotte
  • mamma_francescamamma_francesca Colonna
    Pubblicazioni: 1,452
    Io ho pianto tutte le mattine per tre anni di fila..... solo ora posso immaginare l'angoscia di mia mamma!
    loconiAmelie
  • loconiloconi Veterano
    Pubblicazioni: 301
    Fossero solo i pianti! È una disperazione! Persino gli altri bambini lo guardavano in maniera strana. Poi piangevano anche loro, sia chiaro.
    lucy84JAA005
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online