Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Prosieguo della mia piccola storia di quasi amore

12346

Commenti

  • volpinabluvolpinablu Membro
    modificato November 2019 Pubblicazioni: 44
    Potrebbe essere un narcisista.
    So quanto si soffra, così tanto da pensare al suicidio.
    Post edited by Sniper_Ops on
  • FelipeFelipe Membro
    Pubblicazioni: 80
    Stai andando benissimo, coraggio!
    Blunotte
  • Blue_SoulBlue_Soul Veterano Pro
    Pubblicazioni: 526
    A questo punto credo che se fosse stato un narcisista si sarebbe fatto già vivo lui con una frase del tipo "non capisco perché non mi scrivi più" (mi sono relazionata indirettamente con dei narcisisti e so come fanno).
    Semplicemente è stato colpevolmente superficiale nell'illudermi ma non aveva idea di avermi ferito così tanto e ora ha vergogna.
    Mi manca così tanto.
  • volpinabluvolpinablu Membro
    Pubblicazioni: 44
    Ci sono diversi tipi di scarti di diversa intensità. Lo scarto di prova per vedere quanto sei forte. E lo scarto finale quando hanno trovato altro e non gli servi più. E tu puoi restare intrappolata per sempre. Tu ti disperi e lui ti ha cancellato.
    Blue_Soul ha detto:

    A questo punto credo che se fosse stato un narcisista si sarebbe fatto già vivo lui con una frase del tipo "non capisco perché non mi scrivi più" (mi sono relazionata indirettamente con dei narcisisti e so come fanno).
    Semplicemente è stato colpevolmente superficiale nell'illudermi ma non aveva idea di avermi ferito così tanto e ora ha vergogna.
    Mi manca così tanto.

    Blue_Soul
  • Blue_SoulBlue_Soul Veterano Pro
    Pubblicazioni: 526
    @volpinablu ma io non gli servivo fin dall'inizio, aveva già altro a portata di mano e semmai sono stata una scocciatura o un fattore d'ansia perché la fidanzata poteva beccarlo. Secondo me non è un narcisista, ma un pavido che sta commettendo una grande sciocchezza.
    Io non mi farò più viva anche se è difficile ammazzare la speranza.
    Nel mio profondo prego sempre che cambi idea, ma non mi muoverò di un passo.

    FelipeNemo
  • Blue_SoulBlue_Soul Veterano Pro
    modificato November 2019 Pubblicazioni: 526
    Penso che non ce la farò.
    Non ce la posso fare.
    Devo aspettare piccole mete.
    Il giorno in cui esce una rivista che mi interessa, il giorno in cui un amico pietoso mi offre una birra, il giorno in cui vado dal dottore, il giorno in cui devo fare un atto burocratico. L'università è inutile ai fini di un mio miglioramento, troppa ansia per frequentare i corsi e gli esami, a Gennaio, sono troppo lontani per preoccuparsene, dato che li preparo in fretta.
    Mi ricordo quando è andato via per la prima volta, ero appoggiata al davanzale della finestra dell'aula di un corso che mi era piaciuto tantissimo e scoppiai a piangere. Avrei dovuto piangere allora, agli ultimi di maggio, per l'ultima volta, invece di riaprire una ferita così dolorosa e infetta.
    Mia sorella mi vede e mi chiede 'tutto a posto?'.
    Sì, alla fine è passato un sacco di tempo, quindi deve essere tutto a posto. Perché alla fine il mio è 'un mancato acquisto', secondo le norme sociali di chi ti sta intorno, ti dà una pacca sulla spalla e ti dice di non pensarci.
    Ludo
    Post edited by Blue_Soul on
  • luckyduckluckyduck Membro Pro
    Pubblicazioni: 445
    Quindi... prima arriva quello che ti interessa, poi bevi con un amico... Finisci poi dal dottore e ci metti una firma sopra perché non si ripeta ancora.

    Mi sembra che tu sia in un loop che ti vuoi solo arricettare...
  • FelipeFelipe Membro
    Pubblicazioni: 80
    @Blue_Soul , ce la farai, lo stai già facendo.
    Tieniti occupata, parlane con il tuo dottore, prova ad aprirti anche con tua sorella, potrebbe sorprenderti.
    Nelle pagine precedenti avevi parlato di una signora che ti stava sempre vicino. Siete ancora in contatto?
    Va' al cinema, fa' sport, dedicati ai tuoi interessi speciali. Sembrano cavolate, ma di certo non ti faranno stare peggio.
    Questa disperazione diminuirà fino a scomparire, ricordalo sempre.
    BlunottePimpirinaKaliaBlue_Soul
  • Blue_SoulBlue_Soul Veterano Pro
    Pubblicazioni: 526
    Cercare sostegno da mia sorella è fuori discussione, sarebbe off topic spiegarti che tipo di persona sia, ti basti sapere che nello stato in cui sono da maggio ho dovuto e devo confortare quotidianamente lei per drammi immotivati che lei stessa ha creato e fatto esplodere all'interno della sua relazione dal nulla giusto per avere la sicurezza di fagocitare le attenzioni all'interno della famiglia (non voglio sembrarti io quella complottista e fuori di testa, ma ho sempre sospettato fortemente che fosse un soggetto istrionico).
    È una persona completamente incapace di dare e di percepire il dolore altrui, diversamente non credo che sapendo una sorella sotto psicofarmaci e semi-muta da settimane ed essendo a conoscenza della situazione + vivendone una analoga le avrebbe chiesto 'oh ma tutto a posto'.
    Tutto il resto (cinema, sport) sono ulteriori cose che non posso fare perché mi creano in genere ansia o mi annoiano, l'unica cosa che faccio è camminare moltissimo.
    Fare cose e vedere gente non curano la depressione, sono tutte stronzate che prima o poi la gente che ho intorno dovrà accettare, se naturalmente accetterà anche di comprendere che la depressione è una malattia e che io non sono solo un po' triste perché la mia cotta non è ricambiata. Difatti sto meglio solo quando i farmaci entrano in circolo o quando parlo col mio terapeuta che è competente.
    Al momento non ho interessi speciali se non i giochini sul cellulare su cui trascorro 10 ore al giorno.
    La signora mi è di aiuto, sì, perché mi dice l'unica cosa vera e sensata che mi dite anche voi, cioè che devo passare il tempo, riempire il vuoto.
    Sono terribilmente stanca di tutto e di tutti. Vorrei sparire come il fu Mattia Pascal. 
    LudoBlunotte
  • PimpirinaPimpirina Membro Pro
    Pubblicazioni: 159
    Ora ti sembrerà strano ma arriverà un istante preciso, quando meno te lo aspetti, in cui avrai una sorta di illuminazione e sentirai dentro di te che questo "buio" non ti appartiene, che hai voglia di vivere, che sei piena di vita e che non permetterai più a nessuno di farti del male.
    LisaLaufeysonCharadeBlue_Soulamigdala
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online