Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

AS come Donna, gusti e preferenze, l'uomo ideale

AJDaisyAJDaisy Pilastro
Un'altra cosa che ho capito, traendo questa conclusione dal recente e celeberrimo thread da 200 post, è che non conosco bene le donne aspie, allora dopo il settimanale (o sito web, o entrambi, non sono grande esperto in materia) D come Donna, apro la rubrica AS come Donna (o come ASonna, vi anticipo).

Domanda: che caratteristiche deve avere il vostro uomo ideale?
Una scelta di precedenza, il resto free int. passando per profilo caratteriale, culturale e fisico.

La domanda di precedenza è: preferite un uomo di cultura e deciso o un uomo dal carattere accomodante e più semplice? No way, o una o l'altra scelta di base, il tutto inteso vagamente come: date più peso al livello culturale o ad un carattere che mette a proprio agio?
Per il resto libere nella descrizione.

Ciao e grazie.

A.
Post edited by yugen on
«13456715

Commenti

  • Lycium_bLycium_b Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,868
    Deve essere Asperger a sua volta. Con gli uomini NT ho già appurato che:
    - non è possibile avere una relazione perché non sono oggetto di loro interesse (intuiscono che sono "diversa" e automaticamente non vogliono nemmeno approfondire la conoscenza);
    - se sono di loro interesse è perché hanno seri o serissimi problemi di sanità mentale, per cui intuiscono che sono "diversa" e scambiano la mia diversità come un problema di sanità mentale compatibile con il loro anche se non è affatto così, poiché la neurodiversità non è una patologia psichiatrica, motivo per cui accettare relazioni con individui del genere significa accettare relazioni con malati mentali o psicopatici con tutte le conseguenze del caso.
    Nell'ambito del carattere prediligo persone con un buon carattere e di buona intelligenza.
    Nell'ambito delle caratteristiche fisiche non essendo una strafica io, non pretendo dei top model, ma diciamo che NON mi aggradano gli uomini attempati con calvizie imperante, brevilinei, con marcata ascite (tipico pancione rotondo che fa somigliare il soggetto ad una donna incinta di 8/9 mesi), in pratica delle specie di Lino Banfi :-D.
    _blueli_
  • Andato47Andato47 Veterano Pro
    modificato November 2014 Pubblicazioni: 603
    Di cultura ma dai ragionamenti semplici, diretti e lineari.
    Dovrebbe essere presente in modo costante (ma non invadente) e questo non significa solo presenza fisica, ma capacità di "esserci" anche quando, ad esempio per lavoro, ci si trovasse in situazioni di lontananza.
    Dovrebbe essere un persona di grande stabilità emotiva e con "carattere", quindi anche molto deciso, in grado di direzionarmi e gestirmi nei momenti di bisogno, senza però prevaricarmi o fagocitarmi. Non vorrei una persona troppo accomodante (che a me da l'idea di una persona troppo accondiscendente e cedevole, e in questo caso, perderei interesse velocemente...), direi più tollerante e in grado di conciliare le divergenze, con intelligenza, rispetto ed educazione. Non dovrebbe essere assolutamente una persona verbalmente aggressiva, nemmeno se lo faccio arrabbiare.
    Sul lato fisico deve essere più alto di me, deve essere "ben piazzato", quindi non magro, (anche "morbido" ma non trascurato, tipo oversize) perchè questa impostazione fisica in un uomo mi da un senso di sicurezza.. :) No assolutamente troppo muscoloso (forse mi spaventa e mi dà l'idea di uno che tiene troppo all'estetica, quindi una persona superficiale).



    Post edited by Andato47 on
    A.A.D. (Asperger Auto Diagnosticata)
    Tutto ciò che vuoi sta al di là della tua paura...
  • AJDaisyAJDaisy Pilastro
    Pubblicazioni: 9,268
    @Lycium_b e @Mikikii : per la domanda di precedenza? Corretta per l'occasione, per essere più chiari.
  • Andato47Andato47 Veterano Pro
    modificato November 2014 Pubblicazioni: 603
    Mi sembrava di aver inserito la risposta entro il commento, ma sintetizzandola: di cultura e deciso.
    Però all'interno dei parametri che ho descritto nel post. Perchè ci sono uomini di cultura che parlano in modo astruso e sono molto complicati, proprio perchè hanno (o credono di avere) basi culturali di un certo livello. Deciso sicuramente, gli uomini deboli non mi "attirano", ma non deve predominare troppo perchè altrimenti mi farebbe scappare.... insomma, il giusto mezzo di tutto ;)
    Dimenticavo... il livello culturale dovrebbe andare in parallelo con la capacità di mettere a proprio agio. Quindi prediligo il primo ma se non c'è il secondo preferisco... nulla, cioè stare da sola.
    Post edited by Andato47 on
    A.A.D. (Asperger Auto Diagnosticata)
    Tutto ciò che vuoi sta al di là della tua paura...
  • Lycium_bLycium_b Veterano Pro
    modificato November 2014 Pubblicazioni: 1,868
    Preferisco un carattere accomodante.
    Della cultura di una persona non me ne faccio nulla se poi è egoista, irrispettosa e magari anche malvagia.
    Ovviamente avendo io una cultura medio-alta, sarebbe impensabile per me stare assieme ad un semi-analfabeta :(.
    Il peggio comunque è il semi-analfabeta con un pessimo carattere.
    Post edited by Lycium_b on
  • vanessavanessa Colonna
    Pubblicazioni: 1,163
    Anch'io precedenza al carattere d'altra parte poveretto mi dovrebbe sopportare deve essere una persona sicura di sé, gli eterni indecisi mi danno ansia, e non deve essere troppo geloso, controllore, giudice, poi anche la cultura ma non è una questione di studi formali ma di apertura mentale e curiosità. Aggiungo una caratteristica che non hai citato credo che con una persona con ideali molto distanti dai miei alla lunga non riuscirei ad andare d'accordo.
    Amelie
  • Andato46Andato46 Senatore
    Pubblicazioni: 5,160
    La domanda di precedenza è: preferite un uomo di cultura e deciso o un uomo dal carattere accomodante e più semplice?
    Ehm...non ho capito questa contrapposizione sinceramente. Poi il fatto che un uomo sappia metterti a tuo agio non deve essere per forza accomodante, anche perché accomodante è anche arrendevole, in un certo senso. Potrebbe saperti mettere a tuo agio pur essendo deciso, per cui l'essere accomodante perde ogni vantaggio, ed è ovvio che è meglio un uomo deciso. Poi anche il "di cultura" mi perplime: perché di cultura deve essere per forza deciso?
  • PhoebePhoebe SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 2,063
    Premetto che secondo me i gusti di una donna Aspie sono tanto vari quanto quelli di altre donne.

    Comunque dev'essere sicuramente intelligente, capace e sapermi trasmettere sicurezza e fiducia. Ovviamente anche sincero e fedele, non ammetto nessuna bugia. 

    Fisicamente dev'essere bello e avere un bel fisico palestrato ma non troppo.   

    Anche se poi, in fin dei conti, è tutto soggettivo, una persona può essere bella per me e brutta per un'altra, quel che conta veramente è che 'a pelle' mi piaccia. 
    Ero solita pensare di essere la persona più strana del mondo ma poi ho pensato, ci sono così tante persone nel mondo, ci dev'essere qualcuna proprio come me, che si sente bizzarra e difettosa nello stesso modo in cui mi sento io. Vorrei immaginarla, e immaginare che lei debba essere là fuori e che anche lei stia pensando a me. Beh, spero che, se tu sei lì fuori e dovessi leggere ciò, tu sappia che sì, è vero, sono qui e sono strana proprio come te.

    Frida
  • AJDaisyAJDaisy Pilastro
    Pubblicazioni: 9,268
    La domanda di precedenza è: preferite un uomo di cultura e deciso o un uomo dal carattere accomodante e più semplice?


    Ehm...non ho capito questa contrapposizione sinceramente. Poi il fatto che un uomo sappia metterti a tuo agio non deve essere per forza accomodante, anche perché accomodante è anche arrendevole, in un certo senso. Potrebbe saperti mettere a tuo agio pur essendo deciso, per cui l'essere accomodante perde ogni vantaggio, ed è ovvio che è meglio un uomo deciso. Poi anche il "di cultura" mi perplime: perché di cultura deve essere per forza deciso?

    Cara... Come te lo spiego... È una sorta di citazione tratta da altre discussioni, dove delle persone in un ambito tot (scusa ma mi sento in obbligo di stare sul vago) catalogavano e dividevano gli uomini in 2 gruppi: forti e di cultura e buoni ma alla mano (sintetizzando e mettendo assieme un po' i concetti emersi). In gradimento femminile vincevano i secondi tanto a poco (cosa a me poco gradita). Intendila come dicevo dal punto di vista "do più peso al carattere o alla cultura?"
  • AJDaisyAJDaisy Pilastro
    Pubblicazioni: 9,268
    @Eleanor (Rigby), buoni ed alla mano, non buoni ma alla mano. Mi viene meglio aggiungere che modificare da mobile.
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586