< Torna alla pagina degli articoli


Le caratteristiche peculiari che distinguono autismo e ADHD


I risultati evidenziano l´importanza di un giudizio clinico esperto nel distinguere queste condizioni apparentemente simili.


Autore: Ann Griswold


Traduttore: Annelisa Tomasello, Revisione: David Vagni


Articolo divulgativo originale: Clinical acumen key in discerning autism, attention deficit .


Referenza scientifica: Grzadzinski R, Dick C, Lord C, Bishop S (2016). Parent-reported and clinician-observed autism spectrum disorder (ASD) symptoms in children with attention deficit/hyperactivity disorder (ADHD): implications for practice under DSM-5.. Mol Autism. .


Insomma, se stai realmente cercando di capire cosa accade in un bambino, devi fare attenzione a tutte le sorgenti di informazione



I risultati evidenziano le diversità peculiari del comportamento sociale che differenziano l´ADHD dall´autismo, e sottolineano l´importanza di un giudizio clinico esperto nel distinguere queste condizioni apparentemente simili.


Un test diagnostico per l´autismo di quelli comunemente utilizzati, può facilmente distinguere l´autismo dall´ADHD, ma non sempre [portando ad un ritardo medio della diagnosi di 4 anni per i bambini con autismo + ADHD e alla presenza di un 20% di bambini diagnosticati con sola ADHD che invece sono anche nello Spettro Autistico n.d.R]. Basarsi solamente sui risultati dei test può indirizzare i clinici verso la strada sbagliata; questa considerazione apre a un nuovo studio.


I risultati evidenziano le diversità peculiari del comportamento sociale che differenziano l´ADHD dall´autismo, e sottolineano l´importanza di un giudizio clinico esperto nel distinguere queste condizioni apparentemente simili.


I pediatri, in genere, non possono identificare con certezza l´autismo durante una normale visita ambulatoriale. Il risultato è che individuano più bambini di quelli che realmente hanno il disordine, indirizzandoli agli specialisti. Lo specialista impiegherà un paio déore nella valutazione arrivando a una diagnosi definitiva.


Inoltre, più di un bambino su cinque che è ADHD, ma non è autistico, incontra i criteri per l´autismo usando le suddette valutazioni. I risultati sono apparsi sul numero del 19 gennaio in “Molecular Autism”.


Facendo diagnosi basandoci ciecamente sul punteggio, andremo a collocare nella categoria sbagliata molti bambini. Questi strumenti [ADOS e ADI-R, n.d.R.] erano stati pensati per aiutare i clinici a prendere decisioni, ma non sono un sostituto della mente del medico
afferma Somer Bishop, il ricercatore che ha firmato l´articolo, professore associato di psichiatria all´Università della California di San Francisco.


Una diagnosi accurata è fondamentale per trovare il trattamento più adatto. Nonostante gli interventi per l´ADHD siano simili a quelli per l´autismo, la loro efficacia dipende sull´abilità di individuare le distinte motivazioni che modulano caratteristiche come l´impulsività in ciascuna delle due condizione.


Errore nell´esame

La Bishop e i suoi colleghi hanno usato l´Autism Diagnostic Observation Schedule (ADOS) per registrare i comportamenti sociali e ripetitivi in 212 bambini di età compresa tra i 4 anni e i 18, mentre interagivano con giochi e con i clinici. I ricercatori, inoltre, hanno usato l´Autism Diagnostic Interview-Revised (ADI-R) per raccogliere informazioni dai genitori e dalle figure accudenti riguardanti i comportamenti dei bambini a casa.
Tutti i bambini hanno mostrato problemi di socializzazione e comportamentali, insieme a forti competenze cognitive e linguistiche, rendendo particolarmente difficile distinguere L´ADHD dall´autismo in questo gruppo.


I ricercatori hanno unito i risultati dei test con le informazioni ricevute dai genitori e dagli insegnianti,contestualmente alla valutazione clinica di un esperto psicologo dell´infanzia, per diagnosticare 164 bambini con solo autismo e 48 con solo ADHD. Successivamente i ricercatori hanno verificato quanti bambini con ADHD avevano raggiunto il punteggio minimo per la diagnosi di autismo basandosi solamente sui test, nonostante non fossero in questa condizione.


Su 48 bambini con diagnosi accertata di solo ADHD, il 21% ha raggiunto il punteggio minimo per l´autismo con l´ADOS e il 30% con l´ADI-R.


Ciò mostra che il giudizio clinico – l´abilità del clinico di pensare criticamente le informazioni ottenute, compresi i reali punteggi – è realmente importante.
Afferma la Bishop.


Causa dei problemi

l´ADOS funziona bene quando le differenze comportamentali sono quantificabili o possono essere osservate direttamente. Rispetto ai bambini ADHD, quelli con autismo tendono ad avere un contatto oculare meno frequente con gli esaminatori, evitano le situazioni sociali, mostrano meno espressioni facciali e hanno maggior difficoltà a mettere in campo le strategie basilari della comunicazione per catturare l´attenzione delle persone. Queste quattro differenze distinguono la maggior parte dei bambini con autismo da quelli con ADHD nell´ADOS, ma nessuno delle sezioni dell´ADI-R offre un metodo solido per distinguere i due gruppi.


E nessuno dei due test può capire ciò che guida i comportamenti, circostanza che può essere critica in alcuni casi. I bambini con ADHD che raggiungono il punteggio minimo per l´aurtismo nell´ADOS possono mostrare gli stessi tratti dei bambini con autismo – ma per ragioni differenti. Per esempio, un bambino con ADHD potrebbe evitare lo sguardo di un adulto perchè pensa di aver fatto qualcosa di sbagliato, non perchè ha un deficit nella socializzazione. Oppure, il viso di una bambina potrebbe essere inespressivo perchè si sta annoiando o è distratta, non perchè sia inespressiva in generale. I medici possono cogliere queste sottili distinzioni solo se prestano grande attenzione alle motivazioni dei bambini. Devono inoltre interpretare i punteggi dei test tenendo conto di quanto riferito dai genitori, insegnanti, psicologi ed esperti dello sviluppo del bambino.
dice Catherin Lord, direttore del centro per l´autismo e lo sviluppo del cervello all´ospedale presbiteriano di New York, che ha sviluppato entrambi i test.


Insomma, se stai realmente cercando di capire cosa accade in un bambino, devi fare attenzione a tutte le sorgenti di informazione
afferma Lord



Commenta questo articolo sul nostro forum.

< Torna alla pagina degli articoli

Ti è piaciuto l'articolo? Fanne parola!