< Torna all'archivio delle news

La relazione tra emozioni ed evitamento

Uno studio recente mette in relazione l´evitamento delle esperienze, l´incapacità di etichettare le emozioni e la regolazione emotiva


Autori dello studio: Amanda Venta, John Hart, Carla Sharp

riportato da David Vagni
Articolo originale: The relation between experiential avoidance, alexithymia and emotion regulation in inpatient adolescents

L´evitamento esperenziale media la relazione tra alessitemia e regolazione emotiva.




Di recente, sono stati fatti grandi sforzi per capire meglio i costrutti che sono associati alla difficoltà nella regolazione delle emozioni, nella speranza di identificare i meccanismi di base che possano essere importanti obiettivi d´intervento.


In questo contesto, lo studio di Venta e collaboratori ha avuto due obiettivi.


In primo luogo, ha voluto esplorare la relazione tra regolazione delle emozioni, evitamento esperienziale e alessitimia in modo da determinare se gli adolescenti con punteggi elevati su una misura di alessitimia avessero deficit nella regolazione delle emozioni e un maggiore evitamento esperienziale.


In secondo luogo, ha cercato di valutare il ruolo dell´evitamento esperienziale come mediatore nella relazione tra alessitimia e regolazione delle emozioni.


L´evitamento esperienziale è basato su un processo linguistico naturale che è amplificato dalla cultura in un focus generale sul “sentirsi bene” ed evitare il dolore. Sfortunatamente, i tentativi di evitare gli scomodi eventi privati tendono ad aumentare la loro importanza funzionale, sia perché essi diventano più salienti, sia perché questi sforzi di controllo sono legati verbalmente a conseguenze concettualizzate negativamente, e così tendono a restringere la gamma di comportamenti possibili.


L´alessitimia si manifesta nella difficoltà di identificare e descrivere i propri sentimenti, ed a distinguere gli stati emotivi dalle percezioni fisiologiche. I soggetti alessitimici hanno grandi difficoltà ad individuare quali siano i motivi che li spingono a provare od esprimere le proprie emozioni, ed al contempo non sono in grado di interpretare le emozioni altrui. Altro processo psichico frequente nei soggetti con tratti di personalità alessitimici è l´incapacità di mentalizzare e simbolizzare l´emozione. L´emozione viene vissuta per via somatica (direttamente sul corpo e senza elaborazione mentale), e non interpretata cognitivamente, né concettualizzata per immagini mentali o parole che la sintetizzino e contengano.


Nello studio il campione (N = 64) era costituito da adolescenti reclutati da una struttura ospedaliera, di cui sono state classificate circa il 30% come alessitemici.


I risultati di questo studio indicano che negli adolescenti c´era un rapporto tra alexithymia, regolazione delle emozioni ed elevata evasione esperienziale.


L´evitamento esperienziale è risultato mediare la relazione tra alessitimia e regolazione delle emozioni, indicando che, mentre l´incapacità di utilizzare in modo efficace il linguaggio per identificare e descrivere gli stati emotivi è fortemente correlato con difficoltà di regolare le proprie emozioni, questa relazione è mediata dalla mancanza di volontà nel tollerare le esperienze private avverse​​.
Commenta questo articolo sul nostro forum.

< Torna all'archivio delle news

Ti è piaciuta la news? Fanne parola!