< Torna alla pagina degli articoli

Tutto quello che vorreste sapere sul Sesso

La sessualità spiegata agli adolescenti con sindrome di Asperger


di Sarah Attwood (Autore), D. Moscone (a cura di), D. Vagni (a cura di), M. Puletti (Traduttore)


Il primo libro di educazione affettiva e sessuale direttamente rivolto a adolescenti, preadolescenti e giovani adulti con la sindrome di Asperger. Scritto in modo chiaro, esplicito e diretto, è inoltre un ottimo manuale per tutti i ragazzi alla ricerca di informazioni corrette sull’argomento, nonché per i genitori che vogliono accompagnarli in questa delicata fase della vita.



Vai al sito della casa editrice!

Scarica la scheda del libro
Scarica il modulo di acquisto cartaceo
Trova il libro!


Il libro fornisce agli adolescenti tutte le informazioni per sentirsi sicuri e prendere decisioni ragionate e consapevoli nella loro vita emotiva e sessuale, aiutandoli a
  • conoscere il proprio corpo e prendersene cura
  • distinguere tra comportamenti sicuri e a rischio
  • gestire le relazioni amicali e sentimentali
  • sapere tutto quel che serve sul sesso e la sessualità.


La pubertà, le relazioni e la sessualità sono spesso fonti di forte preoccupazione per gli adolescenti Asperger e per le loro famiglie: questi ragazzi hanno meno possibilità dei coetanei di sviluppare un corretto comportamento sessuale attraverso la socializzazione, ed è facile che le prime esperienze esplorative siano frenate dall´isolamento e dalle difficoltà di interazione. Chi soffre di questo tipo di disturbo tende a non distinguere tra sfera pubblica e privata, tra relazioni intime e semplici conoscenze: due tipi di errori che possono facilmente esporre a situazioni di rischio. Il libro di Sarah Attwood nasce proprio per fornire agli adolescenti tutte le informazioni che occorrono perché possano sentirsi sicuri e prendere decisioni ragionate e consapevoli nella loro vita emotiva e sessuale.


Indice

  1. Introduzione
  2. Una nota per i genitori e le persone che si prendono cura dei giovani con sindrome di Asperger
  3. Il tuo corpo
  4. La pubertà
  5. Prenderti cura del tuo corpo
  6. Fare scelte sane
  7. Comprendere le emozioni
  8. Le amicizie
  9. Il sesso
  10. Le relazioni sessuali
  11. Prenderti cura della tua salute sessuale
  12. Fecondazione, gravidanza e nascita
  13. Il linguaggio sessuale
  14. Letture e risorse utili (David Vagni e Davide Moscone)
  15. Appendice: L’identità sessuale (David Vagni)


Autrice

Sarah Attwood Esperta in educazione alla sessualità, ha partecipato a numerosi programmi nazionali e internazionali di promozione della salute sessuale. I suoi interessi di ricerca riguardano soprattutto la formazione di genitori e alunni dai 9 ai 17 anni.


Prefazione (di Davide Moscone)


Tutto quello che vorreste sapere sul sesso è un libro utile a genitori e professionisti del settore e unico nel suo genere in quanto rivolto ad adolescenti, preadolescenti e giovani adulti con la sindrome di Asperger. L’essere stato scritto appositamente per ragazzi e ragazze con sindrome di Asperger, una forma lieve dello spettro autistico, lo rende un testo diretto, preciso, meticoloso e completo; in definitiva adatto e valido per tutti gli adolescenti alla ricerca di informazioni corrette.


L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) nel 2006 ha emanato un documento riguardante i diritti sessuali.


I diritti sessuali comprendono il diritto di tutti gli esseri umani — non sottoposti a coercizione, discriminazione e violenza — a:
  1. raggiungere il livello più alto possibile in termini di salute sessuale, ivi compreso l’accesso ai servizi sanitari per la salute sessuale e riproduttiva;
  2. ricercare, ricevere e divulgare informazioni relative alla sessualità;
  3. un’educazione sessuale;
  4. rispetto per l’integrità fisica;
  5. scegliere il proprio/la propria partner;
  6. decidere se essere o meno sessualmente attivi; – relazioni sessuali consensuali;
  7. matrimonio consensuale;
  8. decidere se, e quando, avere figli;
  9. ricercare una vita sessuale soddisfacente, sicura e piacevole.
Organizzazione Mondiale della Sanità. Defining sexual health: report of a technical consultation on sexual health 28–31 January 2002, Geneva. p. 5, Genova: Organizzazione Mondiale della Sanità; 2006.


I diritti sessuali dell’OMS non esprimono l’idea che il sesso sia un diritto (o un dovere), esprimono piuttosto l’idea che raggiungere in modo sano e consapevole il proprio sviluppo sessuale, ed essere in grado di fare scelte libere e informate, sia un diritto di tutte le persone.


Un approccio educativo olistico riconosce che l’educazione sessuale è qualcosa di più della semplice somma di fatti riguardo alle parti del corpo e alla biologia.


Lo sviluppo sessuale è intimamente legato ai bisogni umani fondamentali come l’essere accettati e amati, il ricevere e manifestare affetto e la condivisione di pensieri e sentimenti.


Un qualsiasi programma di educazione sessuale deve quindi mettere in grado le persone di prendere scelte informate e consapevoli e di agire in modo responsabile verso se stesse e il proprio partner; avere consapevolezza e conoscenza del corpo umano; essere in grado di esprimere sentimenti e bisogni; sviluppare la propria identità sessuale; acquisire informazioni adeguate sulla salute fisica, l’igiene e la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili; avere le competenze necessarie per gestire tutti gli aspetti della sessualità e delle relazioni; instaurare relazioni paritarie in cui vi siano comprensione reciproca e rispetto per i bisogni e i confini reciproci; essere in grado di parlare di sessualità, emozioni e relazioni, avendo a disposizione il linguaggio adatto.


La pubertà, le relazioni e la sessualità sono spesso fonti di forte preoccupazione per gli adolescenti con sindrome di Asperger. La sessualità è spesso un argomento difficile anche per i genitori. Sovente i genitori possono trovarsi in imbarazzo riguardo a questo argomento sperando che i loro bambini imparino con l’esempio, dai loro pari, o che gli argomenti difficili vengano insegnati a scuola. Anche se questo approccio non sempre ha esiti negativi, può costituire una ricetta disastrosa quando è implicata la sindrome di Asperger.


Purtroppo, la maggioranza dei giovani con autismo lieve o sindrome di Asperger, ma anche con altre condizioni atipiche dello sviluppo, ha spesso ridotte possibilità, rispetto ai coetanei, di sviluppare un corretto comportamento sessuale attraverso la socializzazione. Le prime esperienze esplorative sono frenate dall’isolamento sociale e dalle difficoltà di interazione e comunicazione, così come da difficoltà di tipo sensoriale. Favorendo lo sviluppo delle competenze sociali, genitori e educatori possono fornire opportunità per conoscere i contesti sociali della sessualità e sviluppare la responsabilità che deriva dall’esplorarla e sperimentarla.


Bambini e ragazzi con sindrome di Asperger tendono a commettere principalmente due tipi di errori sociali nel campo sessuale: la non distinzione tra sfera pubblica e privata; così come tra relazioni intime e semplici conoscenze. Gli errori del tipo pubblico-privato includono gesti quali l’autostimolazione sessuale in pubblico o il dire qualcosa di inappropriato pubblicamente. Gli errori del tipo conoscente-amico comprendono azioni quali abbracciare o baciare un estraneo o dare troppa familiarità a un semplice conoscente.


Entrambi i tipi di errori implicano difficoltà nella comprensione della prossemica, cioè delle distanze o cerchi sociali, e possono mettere le persone con sindrome di Asperger in situazioni di rischio (ad esempio l’abuso sessuale o infrangere la legge con un’accusa di stalking o molestia). Naturalmente, l’abuso sessuale è una preoccupazione per tutte le persone, ma per i giovani con sindrome di Asperger subentrano altri fattori e spesso il rischio può essere accentuato da scarse conoscenze sul sesso e sulle dinamiche delle relazioni affettive. I giovani con sindrome di Asperger possono non sapere come denunciare gli abusi, avere paura o addirittura non rendersi conto di aver subito un abuso. Molti hanno una bassa autostima e altri sono soli o in cerca di approvazione e affetto, condizione che può spingere la persona ad accettare qualsiasi situazione senza compromessi, a dire sempre e solo «sì».


Esistono anche altre forme di abuso più o meno diretto come il mate crime, una forma di violenza di cui spesso sono vittime ragazzi nello spettro autistico, che consiste nel fingersi amici della persona neurodiversa per poi abusare di lei in diversi modi, come ad esempio «aiutarli a spendere i loro soldi» fingendosi falsi amici, oppure facendoli diventare «famosi» pubblicando video compromettenti su YouTube.


Infine l’insieme di ingenuità, tendenza a vivere in un mondo di ideali scollegati dalla realtà quotidiana e l’inflessibilità fanno sì che molte persone con sindrome di Asperger tendano a idealizzare i rapporti romantici e a viverli in senso assoluto. Tutto ciò, in alcuni casi, può portare ad esempio un uomo di trent’anni a una profonda disperazione per una piccola delusione «adolescenziale» fino allo sviluppo di comorbidità come l’erotomania o anche pensieri suicidari.


Per questo motivo non è possibile un’educazione sessuale senza un’educazione affettiva, come ad esempio quella riportata nel protocollo Emozioni e sindrome di Asperger (indirizzato a bambini tra gli 8 e i 13 anni) (si veda la sezione Letture e risorse utili in fondo al volume).


è essenziale che tutti coloro che lavorano o vivono con persone Asperger si guardino dal fare ipotesi non accurate riguardo alle loro capacità e bisogni. Così come è necessario evitare la disinformazione e un atteggiamento restrittivo verso la sessualità, è altresì necessario evitare di ridurre la persona alle sue pulsioni promuovendo una sessualità senza affettività come semplice soddisfazione fisica.


Per questo motivo abbiamo voluto la pubblicazione in Italia di questo esaustivo volume di educazione sessuale, che in alcuni punti — evidenziati dai box in grigetto — abbiamo contestualizzato e aggiornato con note esplicative e di adattamento all’ambiente culturale italiano. L’opera è stata ulteriormente arricchita grazie all’Appendice Identità sessuale a cura di David Vagni, per aggiungere un ultimo tassello non esplorato nel testo originale.


La sessualità è una delle esperienze fondamentali della vita umana: dall’infanzia attraversa tutto l’arco della vita. Ridurla al semplice compimento dell’atto sessuale è un modo per negare alla persona il pieno sviluppo di se stessa.



Vai al sito della casa editrice!

Scarica la scheda del libro
Scarica il modulo di acquisto cartaceo
Trova il libro!


Trova il libro!



Commenta questo articolo sul nostro forum.

< Torna alla pagina degli articoli

Ti è piaciuto l'articolo? Fanne parola!