< Torna alla pagina degli articoli

Dr.Morgue -il primo fumetto Asperger-

di David Vagni


Fare autopsie è solo un modo come un altro per guardare dentro alle persone.
(Dr.Morgue)


SpazioAsperger ringrazia Rita Porreto e Silvia Mericone per la tavola a noi dedicata e per l´ospitalità sul sesto ed ultimo numero di Dr. Morgue, in uscita a febbraio 2012, in cui saremo presenti nell´editoriale. Un ringraziamento speciale va a Daniele Statella autore di questo bellissimo disegno.


Dr.Morgue è un fumetto noir pubblicato in Italia da Edizioni Star Comics, creato dalle autrici Silvia Mericone e Rita Porretto, ideato graficamente dal disegnatore Francesco Bonanno. E´ una miniserie composta di 6 numeri bimestrali.La pubblicazione è iniziata ad aprile 2011 e l´ultimo numero è previsto per febbraio 2012.

Yoric Malatesta, a.k.a. Dr.Morgue, è un coroner italo-canadese residente a Montreal. E´ una persona Asperger e anche geniale. Dall´insieme delle due cose e dalle esperienze passate nasce un personaggio ricco e dotato di grande spessore, con una particolare fascinazione per la morte. La sua esistenza è stata bruscamente traumatizzata dalla morte della propria fidanzata Hanna, assassinata in circostanze misteriose molti anni prima, proprio nella provincia del Quebec. Dopo questo evento, che ha segnato indelebilmente la sua gioventù, decide di abbracciare gli studi della medicina-legale e coordinare le attività della Polizia monrealese nei casi più spinosi di omicidio.
Lo "Spaccamorti", come lo chiamano i colleghi della polizia, ha un altro modo di vedere un delitto e questo gli permette di "dialogare" con la morte, interpretando gli equilibri chimici e le tracce presenti su un corpo durante le autopsie, come se fosse realmente il cadavere a raccontare la propria fine. A livello grafico questo stratagemma è rappresentato dai bordi ingrossati delle vignette in questione.
Ex pianista e personaggio geniale, è un antieroe dai tratti ossessivi, dall´apparenza fredda e sostanza fragile, sarà amato od odiato con facilità.
Ogni numero trae ispirazione da un fatto di cronaca realmente accaduto e di cui viene data menzione a fine albo.
Il Dr.Morgue si presenta come un personaggio "vero". Non è uno stereotipo dell´Asperger, e non vuole essere rappresentativo di tutti, ha il suo carattere, e le sue peculiarità. Tuttavia, e proprio grazie a ciò, nel corso del fumetto si evidenziano tante caratteristiche dell´Asperger, più o meno comuni, in modo da permettere alle persone di comprendere ed unire piacere e acquisizione di nuove conoscenze.

Tutti temono la morte. Io no. A me piace pensare alla morte come ad una ridistribuzione della materia.
(Yoric su Dr.Morgue n.1, La Morte Perfetta, pagina 5)

Mi chiamo Yoric Malatesta e sono il Dr.Morgue.
Vivo nella città di Montreal, ma non sono nato qui, mi sono trasferito dopo la morte della mia compagna, non aspettatevi nulla di sentimentale su questo argomento. La gente muore, è normale.
Sono un coroner e il mio compito è quello di spiegare come e quando è avvenuto un decesso. A volte devo anche spiegare il perché, le persone non si accontentano di sapere l´ora e la data, cercano sempre un motivo.
Imparerete a conoscermi, forse mi odierete, molto probabilmente non vi starò simpatico. è per via della mia mancanza di empatia. Potrei dire che non è colpa mia, ma della sindrome di Asperger, che ho dalla nascita; non è una malattia mortale, le probabilità di morire sono le stesse di una persona normale.
Ripensandoci però… forse io sono davvero antipatico.
La verità è quello che le persone definiscono un punto cruciale di questa storia, solo che non sempre la verità è comune ed è nelle discrepanze che si trovano i colpevoli. Ma io non sono un giudice, né un boia, io sto dalla parte di chi muore.
(Dal diario del Dr.Morgue)

seguilo su Dr. Morgue Blog


Commenta questo articolo sul nostro forum Consulta i nostri professionisti

Ti è piaciuto l´articolo?
Votaci con un click per farci avere delle donazioni a costo zero!

Vota Spazio Asperger ONLUS per supportare i nostri progetti

< Torna alla pagina degli articoli

Ti è piaciuto l'articolo? Fanne parola!