< Torna alla pagina degli articoli

Giornata Mondiale della Consapevolezza dell´Autismo 2013 a Roma

Autismo. Più comune di quello che pensi.


Il 2 aprile si celebra la VI Giornata Mondiale della Consapevolezza dell´Autismo, sancita dalle Nazioni Unite con la risoluzione 62/139 del 18 dicembre 2007 per aumentare la consapevolezza dell´autismo nella società.




Nel fine settimana che segue la Giornata Mondiale, sabato 6 e domenica 7 aprile, aRoma si terrà un evento sportivo-culturale-sociale gratuito e aperto a tutti, in cui la conoscenza dell´autismo non avverrà tramite libri o lezioni frontali, ma attraverso le personenello spettro dell´autismo, i loro famigliari e le associazioni in difesa dei diritti alla diagnosi, all´educazione, alla salute, a un intervento adeguato, al lavoro,all´inclusione sociale, a una vita dignitosa, lontana da pregiudizi e discriminazioni. In programma proiezioni, la condivisione di passioni e sensazioni, giochi, attività sportive, spettacoli e balli di gruppo (vedi programma in basso).


I disturbi dello spettro dell´autismo sono di natura neurobiologica, caratterizzati da severe compromissioni nelle aree della comunicazione verbale e non verbale e dell´interazione sociale. Secondo stime prudenti 1 persona su 150 rientra nello spettro dell´autismo, secondo recenti stime internazionali 1 persona su 88 vi rientra, con forme e livellidiversi.


In Italia le persone nello spettro autistico sono ben 680.000 (molte di più della celiachia, della Sindrome di Down, della cecità e della sordità). Per l´impreparazione dei servizi si osserva un crollo numerico delle diagnosi dopo i 18 anni, mentre l’Autismo è una condizione che dura tutta la vita.


Il 2013 è l´Anno europeo dei cittadini, ma i diritti dei cittadini nello spettro dell´autismo non sono ancora riconosciuti come per gli altri.


Fin dall´ottobre 2011 anche in Italia disponiamo di una linea guida (“Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti”), coordinata dall´Istituto Superiore di Sanità, ma non è ancora stata adottata dalla Conferenza Stato-Regioni, che la renderebbe vincolante. Le associazioni di famiglie e le organizzazioni professionali invocano la sua adozione e l’impegno del Ministero della Salute a sviluppare linee di indirizzo per i servizi che consentano una rapida attuazione della Linea Guida su tutto il territorio nazionale.


Secondo la ricerca della Fondazione Cesare Serono e del Censis L’offerta di cura e di assistenza in Italia e in Europa, presentata il 17 ottobre 2012, l´Italia è tra gli ultimi in Europa per risorse destinate alla protezione sociale delle persone con disabilità, indietro nell’inserimento lavorativo, con poche risorse per la scuola. Il modello italiano rimane assistenzialistico e le responsabilità sono scaricate sulle famiglie.


Solo il 10% delle persone nello spettro dell´autismo lavora dopo i 20 anni, il 10% frequenta la scuola o un corso di formazione, ma il 50% frequenta un centro diurno e il 21,7% sta a casa.


Secondo l´indagine nazionale sull´offerta sanitaria e socio-sanitaria (hanno risposto 24 ASL su 145), per le persone nello spettro dell´autismo, 21 ASL su 24 segnalano l’offerta di servizi di logoterapia e 18 su 24 garantiscono la terapia per la psicomotricità, interventi che non sono raccomandati nella linea guida coordinata dall´ISS; in 5 ASL si offre addirittura la comunicazione facilitata, fortemente sconsigliata dalla linea guida. Rispettivamente in 20 e 17 ASL sono segnalate attività di counselling per insegnanti e di Parent Training, soprattutto al Nord, in 16 il modello psico-educativo. Meno presenti in generale gli interventi e programmi indicati come specifici per l’Autismo di tipo cognitivo-comportamentale (ABA, TEACCH) e la CAA (comunicazione alternativa e aumentativa), e in questo caso sono più segnalate al Centro Sud.


Nell’anno scolastico 2010-2011 circa il 10% delle famiglie degli alunni con disabilità ha presentato un ricorso al Tribunale civile o al Tribunale amministrativo regionale per ottenere un aumento delle ore di sostegno.


PROMOTORI
WAADRoma2013@gmail.com
tel. 347.2720034


Obiettivi
Informare l´opinione pubblica sulle peculiarità, i punti di forza e debolezza delle persone con Condizione dello Spettro Autistico (CSA). Creare un´opportunità per le persone con CSA e i loro famigliari di auto-rappresentarsi, condividendo il peculiare modo di percepire e vivere il mondo e le battaglie per i propri diritti.


Programma
SABATO 6 APRILE 2013 dalle 17:00 alle 20:00
Facoltà di Medicina e Psicologia, Sapienza Università di Roma
Via dei Marsi 78, Roma

Alle 17:00 la proiezione di due cortometraggi sullo spettro dell´autismo e di un film sull´inclusione sociale in età adulta seguita da dibattito con esperti e rappresentanti delle associazioni di advocacy.


DOMENICA 7 APRILE 2012 dalle 10:00 alle 18:00
(stadio Paolo Rosi, via dei Campi Sportivi 7)
ore 10:00 accoglienza
ore 10:30 manifestazioni sportive (corse su pista e giochi cooperativi su prato per tutte le età)
percorsi sensoriali
esposizioni delle passioni da parte delle persone appartenenti allo spettro autistico
picnic con pranzo a sacco
intrattenimento con balli di gruppo, giochi gonfiabili (per bambini dai 3 ai 10 anni), Calvin Clown & Tamu (spettacolo di giocoleria e magia)
ore 18:00 ringraziamenti e conclusioni
La cittadinanza avrà la possibilità di entrare in contatto con le ASSOCIAZIONI in difesa dei diritti delle persone con CSA.


Inoltre attività in MOVIMENTO: sono aperte le iscrizioni alla CORSA SU PISTA e ai GIOCHI SPORTIVI per grandi e piccoli (giochi cooperativi su prato) organizzati da Atletica Roma Acquacetosa per tutte le età con lo scopo di unire e coinvolgere tutti i presenti (cfr. manuale di istruzione).

Verrà allestita la stanza delle SENSAZIONI autie/aspie friendly. I visitatori potranno entrare, in piccoli gruppi, in uno spazio dove liberamente sperimentare stimolazioni sensoriali visive, uditive, tattili, gustative e olfattive che sono state suggerite da persone appartenenti allo spettro autistico e dai loro famigliari in quanto fonte di piacere e interesse. I materiali, i giochi, le luci, i suoni saranno occasione di intrattenimento e piacevole esplorazione sia per le persone appartenenti allo spettro autistico sia per le persone neurotipiche, che avranno così l’opportunità di percepire il mondo da una prospettiva più vicina a quella delle persone con CSA.

Le persone appartenenti allo spettro autistico guideranno i visitatori alla scoperta delle proprie PASSIONI, i cosiddetti “Interessi e attività ristrette, ripetitive e stereotipate” (DSM IV) che in questo modo potranno essere condivise e spiegate. Saranno presenti diverse postazioni in cui mostrare, parlare, condividere le proprie passioni: da una raccolta di poesie a esibizioni musicali dal vivo, dalle fotografie di agenti atmosferici a raccolte di materiali e informazioni su treni, dinosauri, capitali del mondo, da come programmare un sito Internet ad ascoltare particolari generi musicali e osservare estratti di film, ecc.

Inoltre, per permettere che l´evento sia fruibile anche dalle persone appartenenti allo spettro autistico con bisogno di supporto intensivo, saranno disponibili giochi gonfiabili di tre metri di diametro (adatti da 3 a 10 anni).

La giornata terminerà con balli di gruppo e i Calvin Clown & Tamu (trampoliere, zucchero filato, palloncini, spettacoli di micro-magia, giocolieri con cerchi, palle e fuochi, mangiafuoco, spettacolo con i fuochi e hula hoop).

Scheda di partecipazione per le passioni
Volantino fronte e retro
Volantino in alta risoluzione per la stampa (12 MB)
Commenta questo articolo sul nostro forum.

< Torna alla pagina degli articoli

Ti è piaciuto l'articolo? Fanne parola!