< Torna alla pagina degli articoli

essenzialMente: autismo immaginato

di David Vagni

Una mostra per raccontare l´autismo. L´arte interpreta l´autismo attraverso le mille sfumature di cui è capace, lo materializza nella sua essenza più profonda e gli permette di esprimersi attraverso un percorso interattivo dove l´osservatore si incontra con questo mondo spesso sconosciuto.


Sito ufficiale della mostra che si terrà inizialmente dal 2 al 13 Aprile. Casa dell´Energia, Piazza Po, 3, 20144, Milano.



Una mostra organizzata da alcuni genitori di ragazzi e ragazze autistici che ha come obiettivo quello di avvicinare i visitatori alla scoperta di percorsi immaginari per conoscere, comprendere o semplicemente ascoltare il silenzio, per rendere visibile ciò che da sempre è costretto all´invisibilità. Attraverso l´interpretazione dell´autismo, e delle mille sfumature di cui è capace, di questi artisti è possibile entrare nel mondo di idee, impressioni, ma anche timori, che condividono queste persone.


Parteciperanno al progetto 26 artisti utilizzando espressioni artistiche diverse: pittura, scultura, fotografia, installazioni, performance visive e sonore.



Immagini, riflessioni, spunti, appunti. Essenzial-mente non è solo l´occasione di un´esposizione, ma anche e soprattutto la possibilità di aprire una finestra sull´Autismo. Una finestra creativa, poché spesso l´arte sia in grado di veicolare pensieri, emozioni e grandi idee molto meglio di tante parole. Una finestra che si apre dall´esterno, questo va detto, ma non per questo meno significativa, come squarcio di una realtà invisibile a molti.



Molto spesso si pensa alle persone con autismo come ad individui chiusi in una gabbia, portatori essi stessi del loro isolamento. In realtà la gabbia molto spesso la costruiscono gli altri con i loro pregiudizi con la loro non voglia di mettersi in relazione, di ascoltare, di capire la difficoltà di vivere con l´autismo.
Commenta questo articolo sul nostro forum.

< Torna alla pagina degli articoli

Ti è piaciuto l'articolo? Fanne parola!