< Torna alla pagina degli articoli

Erika: Asperger Pride

di Erika Becerra


Raggiungi Asperger Pride e supportalo

La sindrome di asperger è attualmente considerato un disturbo pervasivo dello sviluppo che come nell´autismo presenta tre aree deficitarie quella della comunicazione, quella della interazione sociale e quella degli interessi stereotipati e ristretti, nel dsm venturo sarà però escluso dalle malattie mentali, questo perchè quando si parla di asperger e autismo cosiddetto ad alto funzionamento è più corretto parlare di condizione di neurodiversità piuttosto che di una patologia. Oggi sappiamo che oltre alle forme di autismo più gravi e conosciute come quello di Kanner ne esistono molte altre e che l´autismo va considerato quindi come un continuum che va dalla variante normale, subclinica a quella lieve, intermedia e infine severa. Sono proprio le persone che rientrano nella fascia più bassa (ovvero quella meno compromessa) di quello che è chiamato spettro autistico a formare la maggioranza dei casi, che senza considerare le persone non correttamente diagnosticate hanno fatto salire le statistiche a 1 persona interessata su 38.

Queste persone non si presentano affatto come negli stereotipi rappresentati dai film, ma sono molto spesso semplicemente etichettate come strambe, inusuali, pazze o maleducate e sono soggette di conseguenza a continua incomprensione, discriminazione ed esclusione da parte della società che li circonda.

A differenza dell´autismo noto, nell´asperger non si presentano ritardi nel linguaggio che risulta fluente con un quoziente intellettivo è nella norma e molto spesso superiore alla norma. sarà proprio per questo che in molti si sono interrogati sulla relazione tra autismo e genialità.

Mentre in passato si credeva che le persone con autismo fossero irrecuperabili e veniva offerta loro come unica alternativa la segregazione negli istituti, allontanati dagli affetti e dalla famiglia, oggi sappiamo invece che è possibile recuperare. Molte persone diagnosticate autistiche da piccole hanno seppur in ritardo cominciato a parlare ed è proprio grazie a queste che oggi la scienza ha potuto trovare una più giusta chiave di lettura e di comprensione. Lo stesso Jim sinclair afferma: Ritrovo un grande significato nella vita e non ho desiderio di essere guarito da me stesso.

Così se fino a poco tempo fa l´autismo è stato sempre trattato esclusivamente da genitori e professionisti, sempre più frequentemente le stesse persone con autismo si sono unite in associazioni per spiegarsi e prendere le proprie difese autonomamente. Asperger Pride è la prima e l´unica associazione in Italia che si occupa di self-advocacy presentando un consiglio direttivo esclusivamente gestito da persone asperger.

Con molta difficoltà e sofferenza sono riuscita ad integrarmi in questa società, attualmente rientro nello spettro autistico nella variante subclinica/normale, dopo 25 anni di abusi e incomprensione e diagnosi sbagliate, sono stata diagnosticata asperger con 14 punti ados, desidero fare informazione affinchè tutti gli asperger che ancora non hanno una diagnosi possano evitare di patire quello che ho patito io, imparando a conoscersi e a riconoscersi migliorando la loro qualità della vità.


Commenta questo articolo sul nostro forum.

< Torna alla pagina degli articoli

Ti è piaciuto l'articolo? Fanne parola!