< Torna alla pagina degli articoli

Bram Cohen: creatore di BitTorrent

un´intervista, sull´Asperger, con il creatore del più famoso programma di file sharing e sistema di distribuzione


tradotto da Giorgio Pomettini

articolo originale di Wrong Planet

Mentre leggevo l´articolo intitolato “L´Effetto BitTorrent”, apparso nel numero di gennaio 2005 della rivista Wired, sono rimasto sorpreso nel venire a conoscenza che il creatore di BitTorrent, Bram Cohen, ha la Sindrome di Asperger. Al termine di questo articolo, mi sono deciso a rintracciare Cohen e porgli alcune domande su come la S. di Asperger ha influenzato la sua vita piena di successi. L´ho finalmente trovato su IRC e sono riuscito ad intervistarlo su come ha affrontato la S. di Asperger. Vorrei ringraziare il Sig. Cohen per aver dedicato del tempo fuori dai suoi appuntamenti per rispondere a queste domande un po´ personali.




Cohen ha iniziato a lavorare su BitTorrent nel 2001, nel mese di aprile. Dopo il rilascio di questa tecnologia nell´estate del 2001, si è rapidamente diffusa fino a diventare uno dei metodi più autorevoli di distribuzione di file, in particolare tra i prodotti open source come Linux. La natura decentrata di BitTorrent permette ad un utente o una società di condividere i propri files senza bisogno di preoccuparsi di esigenze di larghezza di banda. Ogni “client” che scarica un file dalla rete di solito dona parte della propria banda che, se sommato con tutti gli altri scaricatori dei file, diventa un bel po´. Rendendolo molto più veloce di tecnologie come Gnutella (o Kazaa).


Dal momento che esistono già una pletora di informazioni su BitTorrent, questa intervista ha un approccio diverso e si concentra interamente sulla S. di Asperger di Cohen. La sua storia è fonte di ispirazione per quelli di noi che hanno la S. di Asperger e probabilmente anche per chi non è Asperger (Scusate, l´Asperger rende difficile per me dire quello che la gente pensa, per cui sto solo supponendo quello gli altri possano pensare). So che molti di voi con S. di Asperger possono essere in un punto triste della propria vita, ma questo è solo temporaneo! Anche Bram ci è passato, ed ora è una delle figure più rispettate del settore informatico.


WrongPlanet.net: In che modo l´Asperger ti aiutato con la programmazione (informatica)?


Bram Cohen: Oh, eh, non so. Tendo ad essere ossessionato da problemi tecnici, e ho una capacità di attenzione molto elevata, che sono ovviamente buone caratteristiche per un programmatore, e sembrano essere anche tratti Asperger, ma non avendo una versione di me senza l´Asperger è difficile da dire.


WP: Com´era la tua vita a scuola?


BC: Odiavo la scuola e ho lasciato il college. Ero molto preso di mira a scuola, e ho avuto un sacco di difficoltà a fare amicizia.


WP: Capisco cosa si prova.


BC: A proposito di scuola - ho sempre avuto questo atteggiamento che andavo a scuola per imparare, e ho tentato di tutto per farlo capire, mentre a scuola pensavano che fossi lì solo per prendere voti alti, che a me non fregava per niente. Non mi sorprende che i miei voti non fossero molto buoni.


WP: Questo è successo anche a me. Tendo ad avere problemi di messa a fuoco su tutto ciò che non mi interessa. Tu hai questo problema?


BC: Si, sono estremamente incapace a lavorare su cose che a me sembrano inutili (per la maggior parte, cose che reputo poco interessanti). Questo ha causato problemi per me in alcuni luoghi di lavoro, in particolare quando dovevo occuparmi di mantenere una “legacy codebase” spazzatura (ndr. correggere codice altrui scritto male).


WP: Quindi hai imparato da solo i linguaggi (di programmazione) che conosci?


BC: Mio padre mi ha insegnato il Basic e del C di base, ho imparato tutto il resto da solo, compresi gli studi di complessità computazionali. Questa è più una funzione della mia età - quando ero a scuola difficilmente c´erano corsi di programmazione.


WP: Come hai conosciuto tua moglie? [Molti di noi con Asperger tendono ad avere problemi con le relazioni romantiche.]


BC: Ho conosciuto mia moglie perché lei conosceva qualcuno con cui lavoravo, ma non voglio entrare nei particolari.


WP: Capisco, va bene così. In che modo l´Asperger ha influenzato i tuoi tentativi di trovare un lavoro? [o di lavorare con qualcuno?]


BC: In termini di lavoro, ho sempre avuto un brutto atteggiamento, nel senso che non lavorerei mai in un posto dove mi viene richiesto di seguire orari di lavoro rigidi o seguire un codice di abbigliamento. Non so se questa è una cosa tipica degli Asperger o no, penso sia solo ragionevole.


WP: Molti di noi sarebbero d´accordo con te su questo. Hai qualcos´altro da aggiungere riguardo la S. di Asperger in generale?


BC: A proposito di Asperger in generale, vorrei commentare che non mi sono mai identificato in esso finché non ho iniziato ad imparare un po´ di segnali sociali di base e realizzato quanto fossero gravi i miei problemi.
È molto frustrante adesso, perché riesco a ricordare gli eventi della mia vita abbastanza bene da essere in grado di capire in che modo la gente pensava in quel periodo, anche se non avevo idea di cosa stesse succedendo allora, ma ovviamente non c´è modo di tornare indietro e spiegarlo a me stesso.


WP: Un sacco di gente sembra sentirsi in quel modo quando lo vengono a sapere più tardi nella loro vita. Cosa ti riesce più difficile nelle relazioni sociali?


BC: Non c´è una cosa singola che mi causa problemi, è una mancanza di competenza generale nell´interpretare i volti, ed essere in grado di esprimere pensieri su di esso in modo appropriato (ci sono altri segnali sociali naturalmente, ma nel mio caso ho imparato partendo dal viso, tutto il resto è stato facile da lì in poi).
Ancora a volte mi stanco e non riesco più a farlo. Cerco di non stabilire il contatto visivo quando succede. Fortunatamente le persone riescono ad accettare quando a una persona girano le scatole, quindi se mi comporto in modo strano con qualcuno il giorno dopo capisce che ero solo stanco, distratto o qualcos´altro.


WP: Questa è una domanda del tutto estranea che non faccio di solito: quale sistema operativo preferisci?


BC: Odio avere a che fare con i computer in generale, quindi sono di solito SO-agnostico. Di recente sono stato abusato da una macchina Windows, quindi è quello che detesto di più al momento.


WP: Ah ah. Beh non voglio prenderti altro tempo. Grazie per l´aiuto!
Commenta questo articolo sul nostro forum.

< Torna alla pagina degli articoli

Ti è piaciuto l'articolo? Fanne parola!