• Associazione Spazio Asperger ONLUS
  • Dona il 5x1000 C.F. 97690370586
Banner Image Not Found

Articoli - Scopri News, Ricerche e Testimonianze

Concentrati sul bambino di fronte a te, oggi

Una cosa che ho imparato abbastanza presto come genitore è che nulla sul comportamento di tuo figlio è lineare – proprio quando pensi di aver trovato il modo di far dormire tuo figlio, all’improvviso non funziona più e tu vai nel panico. Quando si passa attraverso una fase difficile (alimentazione a grappolo, sveglia oraria) si pensa: “è così? Andrà sempre in questo modo?” Poi, naturalmente, le cose cambiano di nuovo – alcune migliorano e, inevitabilmente, alcune cose peggiorano. E così il ciclo si ripete e si ripete.

Il Disturbo oppositivo provocatorio (DOP) è un vero e proprio disturbo?

Molti bambini sono oppositivi. Infatti, la maggior parte dei bambini (anche se non tutti), sin dall’età di un anno hanno mostrato alcuni comportamenti oppositivi più volte nella loro vita. Alcuni sono talmente oppositivi e così di frequente (tranne quando dormono, un momento in cui possono mostrare altri comportamenti come l’iperattività e terrori notturni) che ci riferiamo al loro comportamento come un problema importante, anzi un disturbo. A seconda che questi bambini siano visti o meno in cliniche (ovviamente molti non lo sono) e a seconda del background di orientamento/formazione del medico, può essere fornita una diagnosi per valutare questo comportamento. Alcuni useranno l’etichetta Disturbo oppositivo provocatorio (DOP) dal manuale DSM, altri possono fare riferimento a PDA/EDA (Patological/Extreme Demand Avoidance).

Miti che cadono

Potrebbe sorprenderti sapere che, poiché la diagnosi è soggettiva, cioè non ci sono marcatori biologici per l’autismo di cui siamo a conoscenza, l’attuale “standard di riferimento” è una diagnosi assegnata dal professionista, come fornita da professionisti esperti. Non esiste uno strumento in grado di diagnosticare l’autismo. Un clinico esperto si tiene al passo con gli attuali strumenti diagnostici e altri disponibili e sceglie gli strumenti migliori, in base alle informazioni di riferimento, all’età, alle diagnosi differenziali e al sesso della persona da valutare.

Movimento e Mente

Studi recenti hanno dimostrato che i bambini nello spettro autistico mostrano un sottile ma significativo disturbo del movimento auto generato. Il disturbo motorio impedisce il successo nei movimenti di questi individui e può causare sofferenza e frustrazione nello svolgimento dei compiti quotidiani; dal semplice gesto di afferramento di un giocattolo durante il gioco, al bisogno regolare di una comunicazione gestuale espressiva di felicità o frustrazione. Il movimento costituisce il fondamento per apprendere ed accrescere la propria esperienza intima, è anche essenziale per la condivisione consapevole della propria esperienza con gli altri.

120 battiti al minuto

Il film sarà proiettato sabato 30 ottobre all’interno dell’evento Aspie Saturday Film, che si tiene presso la sede di Roma di CuoreMenteLab, dalle ore 16.00 alle ore 19.00. Clicca qui

Alta fedeltà

Il film sarà proiettato sabato 23 ottobre all’interno dell’evento Aspie Saturday Film, che si tiene presso la sede di Roma di CuoreMenteLab, dalle ore 16.30 alle ore 19.30. Clicca qui

I pensieri suicidari sono comuni in misura allarmante nelle persone con autismo

Per un lungo periodo di tempo, il suicidio é stato in gran parte ignorato dai ricercatori che si occupano di autismo. Si pensava che le persone con autismo provassero poco le emozioni, per non parlare della disperazione suicida.

10. Ritiene importante la ricerca di sottotipi clinici all´interno dei Disturbi dello Spettro Autistico?

Quali caratteristiche bisogna tenere a mente quando si cerca di caratterizzare in modo unico una persona Asperger?

9. Cosa pensa della fusione della Sindrome di Asperger nei Disturbi dello Spettro Autistico all´interno del DSM-5?

Il termine Sindrome di Asperger é destinato a scomparire? No…

8. La Sindrome da Evitamento Estremo delle Richieste e il rischio dell´isolamento.

Intervista a Tony Attwood – quali sono i motivi che spingono una persona ASD a rifiutare qualsiasi richiesta gli venga fatta? Perché alcuni ragazzi si ritirano dalla societá? Quali rischi corrono?