• Associazione Spazio Asperger ONLUS
  • Dona il 5x1000 C.F. 97690370586
Image Not Found

Categorie: Ricerca

Alcuni comportamenti ripetitivi nell´autismo sono prognostici di un ritardo nello sviluppo

I bambini autistici con un elevato numero di stereotipie e interessi sensoriali ristretti in età prescolare, tendono a ricevere successivamente una diagnosi di disabilitá intellettiva e avere maggiori difficoltá nella vita quotidiana. Queste classi di comportamenti ristretti potrebbero essere sia indicatori di un piú generalizzato ritardo nello sviluppo che causa e conseguenza delle difficoltà sociali. Il modo migliore di occuparsene potrebbe dipendere dalla situazione specifica e la ricerca deve ancora andare avanti.

Livelli ormonali in gravidanza legati al rischio di autismo

Donne con livelli insolitamente alti o bassi di determinati ormoni della gravidanza vedono incrementare il proprio rischio di avere un figlio con autismo di circa il 20 per cento, suggerisce un´analisi del sangue di piú di 600.000 donne.

Diversi bambini nello Spettro Autistico hanno sintomi che seguono percorsi differenti

Entro pochi mesi dalla diagnosi di autismo, bambini in etá prescolare nello Spettro Autistico possono giá seguire diversi percorsi evolutivi, in base ad uno studio pubblicato a gennaio 2015 in JAMA Psychiatry. I risultati suggeriscono che la profonditá dei sintomi dell´autismo non é legata con l´abilitá nel funzionamento durante la vita quotidiana nella misura in cui si ipotizzava precedentemente.

Come gli ormoni sessuali plasmano il cervello, etichettando chimicamente i geni

Oltre agli effetti genetici sono importanti gli effetti epigenetici, ossia la regolazione dell´espressione genetica da parte dell´ambiente. L´epigenetica ha un ruolo molto importante nell´autismo. Le modifiche epigenetiche possono avere effetti che dipendono dal sesso della persona. Queste azioni sono in grado di silenziare i cromosomi sessuali, mentre gli ormoni sessuali possono causare cambiamenti epigenetici nel cervello.

Troppo intenso. Il cervello sensoriale dei bambini autistici.

Il cervello dei bambini e dei ragazzi nello spettro autistico ipersensibili agli stimoli sensoriali reagisce diversamente rispetto a quello dei bambini e dei ragazzi che non subiscono allo stesso modo l´influenza di quegli stimoli.

Lo Spettro Autistico, Risposte Semplici

Scarica il libro gratuito: Lo Spettro Autistico, Risposte Semplice. DIFFONDILO ed aiutaci a combattere gli stereotipi dell´Autismo. Spazio Asperger ONLUS: al cuore della neurodiversità per la condivisione della Conoscenza.

Quindi, nessuna differenza neurologica nell´autismo?

Un recente studio, con un campione decine di volte più grande degli studi precedenti mostra l’assenza di differenze importanti nel cervello delle persone autistiche portando l’attenzione sulla necessità di cambiare il modo di fare ricerca.

Un enigma molto intricato: l´intestino autistico

L´attenzione degli scienziati è concentrata tutta sul microbioma, su quei tre milioni di geni “speciali” che sono in grado di decidere della salute o della malattia umana. I dati della ricerca dimostrano una miriade di modi in cui il microbiota intestinale influenza lo sviluppo neurocomportamentale. La possibilità di interventi specifici per modificare la qualità del microbiota apre quindi la prospettiva ad una serie di nuovi approcci terapeutici.

Mindfulness nell´autismo

La mindfulness consiste in un insieme di tecniche volte a ridurre la vulnerabilità cognitiva e la risposta emotiva allo stress. Le strategie di mindfulness sembrano promettenti nell´intervento psicoterapeutico con persone con autismo HF e sindrome di Asperger e nella riduzione dello stress in genitori di bambini e ragazzi autistici.

L´eziologia dello Spettro Autistico

L´autismo presenta sottogruppi significativi da un punto di vista eziopatogenetico; “endofenotipi”, ossia tratti quantitativi di natura morfologica, elettrofisiologica, biochimica, immunologia, neuroradiologica, dotati di familiarità, ereditabilità, associazione con la patologia complessa di interesse. Ricerche future dovranno spiegare come queste influenzano il neurosviluppo, il comportamento e l´apprendimento e indicare le possibili opzioni terapeutiche.