Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

La bolla dell'autismo il libro

Ciao già è stata aperta una discussione su questo libro ma la ripropongo perchè finalmente sono riuscito a leggerlo, ho parlato tempo fa con l'autore e mi è sembrato una persona competente voi avete mai avuto esperienze con de benedetti?? 
«1345

Commenti

  • mariadimagdamariadimagda Veterano
    Pubblicazioni: 138
    Perché invece non continui la discussione esistente? Ricordo era piena di spunti e riflessioni moooolto interessanti. Sono interessata anche io.
    vera68
  • mammaconfusa80mammaconfusa80 Veterano Pro
    modificato 2 June Pubblicazioni: 1,329
    De Benedetti prima o poi lo abbiamo incrociati tutti in questo forum, di esperienza vissuta o attraverso la lettura del suo blog. Quello che esprime, a mio avviso, è un concetto che può essere facilmente distorto. È vero che oggi moltissimi bambini vengono marcati come “autistici”, in realtà bisognerebbe spiegare a noi genitori che il concetto di spettro ha allargato di molto il range infilando all’interno casi a volte diametralmente opposti. Cadiamo tutti nell’errore dell’autismo perché abbiamo in mente, io per prima ero così, quello a basso funzionamento e quello ad alto o medio-alto prima lo identificavamo con altro. Mio figlio, è nello spettro, lieve ma è quello e ringrazio chi si è esposto dandoci una diagnosi per prima. Se non fosse spettro sarebbe altro ma in sostanza le sue difficoltà sarebbero quelle. L’unica cosa su cui sono d’accordo con De Benedetti è il fatto che lo sviluppo di un individuo non può conoscerlo nessuno ma di una cosa sono certa, mio figlio in alcune areee è in svantaggio.
    damy
    Post edited by mammaconfusa80 on
  • mariadimagdamariadimagda Veterano
    Pubblicazioni: 138
    E' uno degli argomenti che mi trova più sensibile, quello del prof de Benedetti. non faccio nessun commento, né in un senso né nell'altro. tuttavia io sono donna di scienza, e a mio avviso proprio questo forum potrebbe aiutarci. bisognerebbe contattare tutti gli iscritti (genitori con figli nello spettro)  da 9 a 6 anni fa. far riempire loro un questionario affinché sia chiaro lo sviluppo del figlio nel corso degli anni, dall'infanzia all'adolescenza. quanti di questi bambini con difficoltà relazionali e nel linguaggio hanno superato i problemi, quanti ancora faticano a scuola e nell'inserimento sociale, quanti invece sono rimasti in una condizione di grave disabilità. Trascrivere la diagnosi di partenza e verificare quella attuale. ma soprattutto questi genitori potrebbero raccontarci la loro storia in questi anni, le difficoltà e i successi. E' ovvio che se l'80% di queste diagnosi (ATROCI) sono state smontante nel tempo, qualcuno sta speculando su di noi. Viceversa invece dobbiamo comprendere i confini di questa nuova 'pandemia'. La scienza dovrebbe venirci incontro. basterebbe anche guardare le cartelle di 10 anni fa di un qualunque centro per l'autismo, e verificare lo stato dei ragazzini all'oggi. io non ho visto nessuna di queste statistiche. 
    betvera68sunsky
  • mammaconfusa80mammaconfusa80 Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,329
    Non ci sono statistiche perché i nostri sono le primissime generazioni di diagnosticati a “più ampio spettro”. Saremo noi che aiuteremo chi verrà dopo di noi.
    betSniper_OpsLinnaclaluidamy
  • marcusmarcus Membro Pro
    Pubblicazioni: 141
    mariadimagda ha detto:

    Perché invece non continui la discussione esistente? Ricordo era piena di spunti e riflessioni moooolto interessanti. Sono interessata anche io.

    perchè non lo so fare, non so come si recupera una discussione, io volevo sapere se qualcuno di voi ha avuto esperienze dirette con de benedetti
  • sunskysunsky Veterano
    modificato 3 June Pubblicazioni: 245
    Ciao, avevo aperto io il topic su questo libro. A me ha dato sicuramente una chiave di lettura diversa e più ottimistica. Ovviamente è una percezione personale.
    Penso che la serenità dei genitori nell'affrontare queste situazioni sia indispensabile per lo sviluppo sereno dei figli e il successo della terapia.
    Ho notato che questa cosa non interessa particolarmente a chi si occupa di neurosviluppo infantile in questi tempi. Ma dopo quasi 5 anni lo prendo come un dato di fatto.
    vera68mariadimagdaLinna
    Post edited by sunsky on
  • vera68vera68 Pilastro
    Pubblicazioni: 2,843
    Esattamente @sunsky. La serenità aiuta.
    Sentire che si è in mano a un team competente fa moltissimo. Alleggerisce in partenza, da fiducia e porta speranza.
    Linna
  • LinnaLinna Veterano Pro
    modificato 3 June Pubblicazioni: 236
    mammaconfusa80 ha detto:

    Non ci sono statistiche perché i nostri sono le primissime generazioni di diagnosticati a “più ampio spettro”. Saremo noi che aiuteremo chi verrà dopo di noi.

    Penso che saranno le nostri figli,che aiuteranno a quelli che verranno dopo di noi.Intanto mio e convintissimo di fare lo psicologa o insegnante.
    mariadimagdamammarosannadamy
    Post edited by Linna on
  • LinnaLinna Veterano Pro
    Pubblicazioni: 236
    sunsky ha detto:

    Ciao, avevo aperto io il topic su questo libro. A me ha dato sicuramente una chiave di lettura diversa e più ottimistica. Ovviamente è una percezione personale.
    Penso che la serenità dei genitori nell'affrontare queste situazioni sia indispensabile per lo sviluppo sereno dei figli e il successo della terapia.
    Ho notato che questa cosa non interessa particolarmente a chi si occupa di neurosviluppo infantile in questi tempi. Ma dopo quasi 5 anni lo prendo come un dato di fatto.

    @sunsky.
    Sono daccordo con te.
    Ma te lo assicuro che professionisti non
    sono tutti uguali.
    Ci sono anche interessati.

    Sniper_Opsvera68mammarosanna
  • marcusmarcus Membro Pro
    Pubblicazioni: 141
    quello che dice l'autore del libro se l'ho interpretato bene è che oggi si rientra nello spettro qualsiasi scostamento dal normale sviluppo di un bambino senza vedere dove veramente sta andando quel bambino, facendo diventare lo spettro un contenitore dove ci si mette di tutto, dando psicomotricità praticamente a tutti tanto male non fa!! e facendo cadere le famiglie in un incubo che fa vivere male per primi i bambini
    mariadimagdavera68
Accedi oppure Registrati per commentare.
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online