Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Creatività ed autismo. Luce sul paradosso.

Luce sul paradosso della creativitá delle persone Autistiche


Le persone nello Spettro Autistico Lieve ed il pensiero divergente


Autore: David Vagni


Articolo originale: The Relationship Between Subthreshold Autistic Traits, Ambiguous Figure Perception and Divergent Thinking


Autori articolo originale: Catherine Best, Shruti Arora, Fiona Porter, Martin Doherty


Questo studio getta luce su un paradosso: come possono le persone autistiche avere difficoltá con l´immaginazione ma al contempo essere rappresentate in molti campi creativi? Generano un minor numero di risposte simboliche ma generano risposte piú insolite e questo rende la loro mente unica.


image


Continua a leggere >>
WandadiegoWBorgAndato47ZenzeroAJDaisymaxwax67Krigerinne
Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
«1

Commenti

  • diegodiego Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,136
    Capita spesso anche a me di trovare soluzioni insolite. Sento che per me è più facile trovare strade nuove che imparare quelle battute da altri
    wolfgangAJDaisymaxwax67
  • Andato47Andato47 Veterano Pro
    modificato August 2015 Pubblicazioni: 603
    Io penso anche che una valanga enorme di informazioni raccolte su di un dato argomento (vedi caratteristica degli interessi speciali che portano ad indagare ogni minimo aspetto, in profondità fino ad estrapolare la totalità delle informazioni disponibili, quindi un'analisi ed una raccolta di dati maggiore di quella che può avere un NT) permetta, ovviamente, combinazioni maggiori e quindi può portare a scoprire "nuove strade" e "nuove soluzioni". Questo aspetto l'ho vissuto sulla mia pelle, io per gli altri sono una persona creativa, mentre io so benissimo di non esserlo. Perché ho potuto vivere a contatto con un vero creativo, e so che la creatività è la capacità di arrivare ad ideazioni nuove anche dal... nulla! Vedere un creativo al lavoro è una cosa che mi lascia sempre stupita e affascinata. I creativi oggi giorno sembrano tanti, solamente perché usano il metodo della "copia con modifica", sono pochi quelli che inventano di sana pianta cose nuove. Io appartengo a questa categoria. Ad esempio, può sembrare che io crei una nuova immagine... ma in realtà è la rielaborazione di tantissime immagini che, grazie alla mia instancabile capacità di ricerca, riesco a tirare fuori di un determinato argomento. Io posso ricercare una data cosa su internet, sui libri, ovunque, per ore e ore, per giorni interi, sino a quando non esaurisco completamente le fonti di informazione. Ad un NT verrebbe la nausea molto prima, io ho potuto fare dei confronti, gli altri si fermano moooolto prima di me nella raccolta informazioni di un argomento. Questa miriade di immagini e notizie ovviamente mi da la possibilità di fare un collage mentale, degli abbinamenti e delle connessioni che senza questa larga base di informazioni non sarebbero possibili. Differenza tra me e un creativo (almeno quello con cui ho lavorato negli ultimi 15 anni): io per creare un'immagine nuova ho bisogno di raccogliere dati dal di fuori, di avere a disposizione centinaia di esempi... a lui escono  direttamente dalla testa... dal di dentro. E' difficile da spiegare, ma io ho trovato una notevole differenza tra la mia creatività e la sua, almeno nel metodo. Cioè, in pratica se chiudi me in una stanza senza informazioni dal mio cervello non esce nulla... se chiudi lui dal suo cervello ne esce comunque il mondo... ovviamente questa è solo una mia ipotesi, basata sulla mia esperienza.
    wolfgangAndato46kripstyAJDaisyKaliarondinella61WandaEowyn
    Post edited by Andato47 on
    A.A.D. (Asperger Auto Diagnosticata)
    Tutto ciò che vuoi sta al di là della tua paura...
  • wolfgangwolfgang SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 10,754
    @Mikikii è interessante quello che dici anche se non sono convinto che il tuo collega non faccia come te, anche se magari in modo implicito. Semplicemente lui è probabile che tragga informazioni ad una scala più grande della tua quindi riesca a creare unendo informazioni più varie necessitando di minore approfondimento.
    Andato47Kaliarondinella61
    Né scusa né accusa. Addestrare le competenze, insegnare valori, e-ducare l'Uomo dalla Bestia. La Natura non è una scusa.
  • diegodiego Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,136
    Io invece faccio fatica a raccogliere così tante informazioni. Forse è un problema di ansia. È per questo motivo, secondo me, che ho sviluppato questa capacità di creare dal nulla. È puro spirito di sopravvivenza. Non riesco a controllare il mio interesse per le cose, spesso mi perdo nei miei interessi ma se cerco volontariamente questo grado di immersione non ce la faccio quindi al lavoro devo continuamente distrarmi facendo altro e puntualmente l'idea arriva.
    maxwax67alexander_pope
  • diegodiego Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,136
    Aggiungo anche che secondo me molti non riescono ad essere creativi perché hanno paura di esserlo. Tutte le volte che io tiro fuori qualche idea innovativa è impressionante la resistenza che oppongono gli altri. Hanno come bisogno di percorrere strade conosciute e validate da persone autorevoli. Spesso mi capita infatti che propongo una soluzione (che ho trovato usando solo il buon senso) e me la bocciano tutti, poi magari scoprono che quella soluzione è usata da colossi come Google o Facebook e allora è una grandissima idea.
    wolfgangmaxwax67mandragola77alexander_pope
  • mamma_francescamamma_francesca Colonna
    Pubblicazioni: 1,713
    Forse la capacità di "creare nuove strade" dipende anche da una certa avversità verso "il lasciarsi insegnare". Noto che mio figlio vuole sempre imparare da solo e che mal sopporta che uno cerchi di spiegargli le cose. Ovviamente in questo modo ci mette molto più tempo, alcune cose non le impara proprio, oltre a crearmi un'ansia pazzesca per quando andrà a scuola. Però di contro è il modo in cui più facilmente si inventano soluzioni nuove.
  • diegodiego Veterano Pro
    Pubblicazioni: 1,136
    @mamma_francesca è importante che tu capisca però che non è mancanza di volonta da parte di tuo figlio a volere imparare da altri. Per imparare dagli altri è richiesto l'utilizzo di un codice condiviso e per me difficilmente il codice usato dai miei insegnanti era conosciuto quindi ho dovuto decodificare. Può essere faticoso quindi capisci perchè può sembrare più facile fare da soli.

    Io alla fine a scuola me la cavavo sempre anche se mi dicevano che avrei potuto fare di più. Se hai una buona testa in un modo o nell'altro ce la fai, stai tranquilla.
    andreaumkKrigerinne
  • riotriot Moderatore
    modificato September 2015 Pubblicazioni: 6,266
    @mamma_francesca dico che non è che non vuole imparare, ma ha bisogno di usare la sua propria logica. Un esempio è da bambino quando risolvevo le espressioni aritmetiche con un metodo tutto mio (più complesso del dovuto) arrivando lo stesso alla soluzione.
    Il metodo ufficiale non lo capivo, o meglio, ne utilizzavo solo i principi tecnici (cioè soprattutto la semplificazione). E così per altri argomenti.
    Anche il metodo di studio generale era unico tra i compagni.

    @diego hai spiegato benissimo la questione del contesto avverso. Io ho sempre notato che nel mio ambito creativo, cioè arredamento, design, arti figurative, sono stato sempre avanti di almeno 10 anni rispetto a quanto poi veniva progettato o portato nelle mostre da altri. Il merito è anche dei docenti di alta qualità avuti a scuola.
    Tutto questo ha sempre comportato grande frustrazione perché a volte dovevo rinunciare a presentare lavori in quanto non sarebbero stati capiti.
    Poi crescendo ho imparato a regolarmi sulle aspettative, anche se non è giusto.

    Durante la diagnosi ne parlai al Dott. Moscone e mi disse che appartiene alla condizione 2E, e la cosa fondamentale per lo sviluppo sano dei più giovani è l'importanza del feedback familiare o da parte di una persona importante per i ragazzi. potrebbe essere la figura guida.
    questo aiuta a pensare che non si è incapaci o inferiori agli altri compagni.
    Eowyn
    Post edited by riot on

  • KrigerinneKrigerinne SymbolSenatore
    Pubblicazioni: 3,163
    GRAZIE! Ora mi spiego perché la professoressa di grafica aveva la fissa che dovessi fare 10 bozzetti diversi prima di scegliere il disegno appropriato asserendo che le prime produzioni sono le più scontate. Giuro che mai mai mai ho disegnato una lampadina. Di solito me ne uscivo con 2 belle idee e il resto era deserto. Tra l'altro sono sempre stata un po' "razzista" nei confronti dei miei compagni che prima di avere una bella idea passavano per il ciarpame uscito dal cassetto dei ricordi. Forse ora sono più tollerante.
    Andato46alexander_pope
    Backend developerAsperger ~ ex tutor ABA
    You split the sea
    so I could walk right through it

  • alexander_popealexander_pope Veterano Pro
    Pubblicazioni: 503
    anche io aspetto l'idea perfetta e originale. magari ho raccolto tanti esempi, ma non come ricerca ordinata e diretta al progetto. troppe info con uno scopo finale mi mettono ansia e penso di non farcela. per affrontare un obbiettvo preferisco il vuoto cosmico e il common sense XD

Accedi oppure Registrati per commentare.
Un pizzico di autismo? Ma quale? Aiutaci a scoprirlo con la ricerca online