Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586
Spazio Asperger è attivo anche su Facebook.

Per raggiungere la nostra pagina con gli argomenti più discussi del giorno, news e immagini cercate "spazioasperger.it"

Per un gruppo indirizzato a ricerca e terapia cercate "Ricerca e terapia nello Spettro Autistico"

Neurotribù, recensione al libro di Steve Silberman

SophiaSophia SymbolModeratore
modificato July 2017 in Libri, documentari, recensioni
Neurotribù, recensione al libro di Steve Silberman


Neurotribù

Titolo: Neurotribù. I talenti dell'autismo e il futuro della neurodiversità
Autore: Steve Silberman
Editore: Edizioni LSWR
Numero di pagine: 518
Prezzo di copertina: 29,90 euro
Anno di pubblicazione: 2016
Traduzione italiana: dott.ssa Chiara Mangione


«Sbalorditivo [...] Un resoconto straordinario [...] una delle testimonianze più affascinanti sull'autismo che abbia mai letto».
Simon Baron-Cohen, The Lancet

Neurotribù è il frutto di molti anni di lavoro che Silberman ha dedicato alla comprensione dello spettro autistico e della neurodiversità. È un testo affascinante e avvincente che riesce nell'intento di ripensare il modo di considerare l'autismo in un'ottica completamente rivisitata e nuova, scardinando i pregiudizi del senso comune. L'intento del libro è divulgativo e ha l'obiettivo di informare affinché vi sia accettazione della diversità, delle sue peculiarità e miglior comprensione delle strategie da adottare affinché vi sia inclusione e integrazione sociale. L'autore ci racconta inoltre cosa voglia dire essere autistici alla luce del diversa ricezione da parte delle persone e della società.


L'argomento trattato è ampio ma la sua lettura si presenta scorrevole e avvincente ed è consigliato alle famiglie di individui nello spettro e a chiunque sia interessato al funzionamento della mente.


Usando le parole di Uta Frith, professore emerito di Sviluppo Cognitivo presso l'University College di Londra, «questo racconto epico e avvincente è una brillante integrazione alla storia dell'autismo». Con Neurotribù Steve Silberman ci offre dettagliatamente l'excursus storico della neurodiversità attraverso i pionieri dell'autismo e attraverso le testimonianze di vita e i vari accadimenti storici che si sono succeduti; ci parla di come sia cambiato il termine autismo da «psicopatologia autistica» a «neurodiversità» e degli eventi salienti che hanno portato all'elaborazione di una coscienza dello spettro autistico e di come questa sia andata evolvendosi dagli inizi della psichiatria fino ad oggi.


«È un libro importante, che fa luce non solo su questa condizione ma anche sulla vergognosa
storia del trattamento riservato alle
persone considerate altre nella nostra società».
The Independent, edizione domenicale


L'autore conduce il lettore all'interno dei contesti storici in cui la storia dell'autismo si è sviluppata, lo avvicina all'autismo attraverso la piena consapevolezza della storia della diversità cognitiva e della terminologia utilizzata nelle diverse epoche; spiega minuziosamente il significato delle scelte da parte della sanità e della politica, purtroppo non sempre guidate da buonsenso e coscienza.

Il libro parla di  «neurodiversità» e dei  «talenti dell'autismo» seguendo la prospettiva  teorica e applicativa della psicologia positiva. Come sottolinea il Dott.re  Davide Moscone, direttore dell'Associazione Onlus Spazio Asperger e del laboratorio Cuorementelab di Roma, «il nuovo approccio della psicologia positiva esprime un'idea dimensionale alla persona e il profilo del singolo è quindi delineato non solo a partire da categorie scientifiche che ne descrivano le difficoltà, ma anche da tratti che ne rappresentano i punti di forza. Entrambe le polarità sono necessarie per una piena comprensione dell'individuo e per lo sviluppo di un piano d'intervento, conseguentemente incentrato sulla crescita personale, in vista di un generale miglioramento della qualità della vita, oltre che sul superamento delle più evidenti difficoltà».

Ed è proprio così che nel testo Silberman presenta l'autismo, non solo attraverso i disagi ma anche attraverso i punti di forza della neurodiversità e attraverso l'evoluzione dei nostri pensieri sull'argomento, con l'intento di affermare un nuovo approccio nei confronti della diversità cognitiva.



Steve Silberman



silberman

Steve Silberman è uno scrittore e un giornalista americano. Ha studiato psicologia presso l'Oberlin College in Ohio. Ha avuto la candidatura Shorty Award per la categoria giornalista. Il libro Neurotribù, caso letterario Negli Stati Uniti nel 2016, è stato presentato il 15 Dicembre 2016 a Milano, alla fondazione Maimeri, durante la tavola rotonda alla quale hanno partecipato gli esperti dell'autismo e dell'Asperger tra cui il Prof. Roberto Keller, medico psichiatra neuropsichiatra infantile, psicoterapeuta, docente universitario e Responsabile Centro Pilota regione Piemonte "Disturbi spettro autistico in età adulta ASL, To 2", il Dr. Davide Moscone, psicologo e psicoterapeuta, specializzato in psicologia Cognitivo Comportamentale adattata alle condizioni dello Spettro Autistico ad alto funzionamento e sindrome di Asperger, il Dr. Stefano Palazzi, medico chirurgo specializzato in neuropsichiatria infanzia-adolescenza  e in neurologia, Responsabile – Salute Mentale e Riabilitazione Infanzia Adolescenza ASL di Ferrara, il Dr. Claudio Cattaneo, responsabile della fondazione Ares (Autismo Risorse e Sviluppo, Giubiasco, Svizzera) e la Dr. ssa Chiara Mangione, traduttrice e direttrice di Asperger Tribe.
NewtoniieMononokeHimeKaliaLandauerGrizliValentaFenice2016
Post edited by Sophia on
"Nulla esiste finché non ha un nome".
Lorna Wing

Commenti

  • iieiie Veterano Pro
    Pubblicazioni: 548
    Ho letto questo libro un paio di settimane fa.

    L'ho trovato davvero un resoconto magnifico, scritto con grande tatto e frutto di un evidente lavoro di ricerca da parte dell'autore.

    Mi sento di consigliarne la lettura a chiunque non lo avesse ancora fatto.
    SophiaKaliaFenice2016OrsoX2Sniper_Ops
  • pokepoke Andato
    Pubblicazioni: 1,721
    Avvincente come un romanzo, con una ricca bibliografia.
    Riesce a dare una buona ed approfondita visione della storia medica sull'autismo, facendoci comprendere le.conseguenze di tali scelte.
    iieKaliaSophiaFenice2016OrsoX2
  • GrizliGrizli Veterano
    modificato May 2017 Pubblicazioni: 288
    Per chi come me ha difficoltà a vedere il quadro generale a partire da filoni diversi, un libro come questo è una risorsa importante, perché tenta una sintesi di ampio respiro con un taglio informativo e giornalistico. Mi è stato utile vedere Silberman prendere posizione. Mi confondo facilmente se una materia non è ancora divulgata, perché vorrei sapere tutto e mi perdo. Un libro così è quindi un buon punto di partenza per ragionare e verificare (anche in senso critico) gli eventi storici che hanno fatto la storia dell'approccio all'autismo. Trovo molto interessante che Silberman conosca dal di dentro la realtà e la storia dei campus e di vari personaggi storici della controcultura negli Stati Uniti e soprattutto in California, mi sono piaciute molto le parti sulla storia dei fandom di fantascienza, sui radioamatori e sulla nascita della prima bacheca elettronica a San Francisco (qui un link a articolo sul Guardian sui suoi rapporti con Allen Ginsberg). 

    Silberman è stato inoltre un attivista per i diritti degli omosessuali negli Stati Uniti e credo che questo abbia contribuito alla sua capacità di guardare con empatia e rispetto alla causa delle persone asperger e autistiche che si muovono verso l'autodeterminazione. 

    iieSophiaFenice2016wolfgangOrsoX2Albina
    Post edited by Grizli on
  • SophiaSophia SymbolModeratore
    modificato May 2017 Pubblicazioni: 5,279
    @Grizli eccomi qui a ringraziarti di nuovo, sia per la traduzione del testo sia per averne permesso la divulgazione.

    Credo che questo sia il libro che tutti dovrebbero leggere. E' un libro che mancava e che credo riesca in qualche modo a rimuovere un po' il pregiudizio sulla diversità, o perlomeno a scardinarlo, attraverso la conoscenza.

    Fosse per me lo proporrei già alla momento della diagnosi;  ai genitori di bambini nello spettro; nelle scuole; e a tutti coloro che sentono il bisogno di ricercare, di sapere, di capire il loro vivere o il vivere diverso delle persone che gli sono accanto. Lo consiglierei insieme al libro di Temple Grandin, Il cervello autistico, perché credo fortemente che la conoscenza sia la strada per poter far fronte all'autismo e all'ignoto. 

    Tutto ciò che si ignora fa in genere paura e quindi credo che cominciare dalla conoscenza della storia dell'autismo e delle sue peculiarità, in un approccio nuovo e positivo, come ha fatto Silberman, possa concorrere a restituire il giusto metro per confrontarsi con ciò che è per noi sconosciuto e quindi "diverso" da ciò conosciamo. L'obiettivo è quello di promuovere serenità ed equilibrio per il futuro e per il benessere delle persone, portando strumenti che facciano apprezzare l'esistenza del nuovo.

    Questo libro parla di inclusione, utilizza categorie nuove, come quella di Neurodiversità, ancora poco conosciuta, grazie come hai ben detto al lavoro dell'autore che si è fatto lui stesso testimone di un messaggio importante.

    Accolgo benevolmente persone che come lui, come te e come molti altri si stanno impegnando attraverso la loro testimonianza diretta, perché ritengo che siano preziosi gli interventi degli insider, di chi le cose le vive dal di dentro e le può raccontare in una formula che non credo attenga ad alcun manuale.

    Mi auguro che Neurotribù entri nelle scuole, come già ti dissi, e mi auguro che a leggerlo siano gli insegnanti, i genitori e gli alunni; che si facciano work-shop in merito all'argomento e che si cominci a parlare di inclusione e di diversità cognitiva nei termini della Psicologia positiva.

    Iniziare nei contesti didattici ed educativi vuol dire investire su chi ha il compito di portare avanti un progetto educativo; vuol dire parlare alle giovani menti, che hanno subito molto meno il condizionamento di una società che troppo spesso dimostra di non essere al passo con gli ideali di tutela della dignità umana.

    Manca ancora molto, me ne rendo conto, ma molto si sta facendo.

    Spero ci siano occasioni di incontro con te, come quello ultimo, e mi auguro che siano giorni di rinnovato entusiasmo e forza.
    GrizliiieFenice2016wolfgangLandauerqwert179OrsoX2
    Post edited by Sophia on
    "Nulla esiste finché non ha un nome".
    Lorna Wing
  • GrizliGrizli Veterano
    Pubblicazioni: 288
    Riposto il link funzionante qui
    iieSophia
  • davidemosconedavidemoscone SymbolSenatore
    modificato December 2017 Pubblicazioni: 483
    Il 18 febbraio 2018, in occasione della Giornata Mondiale della Sindrome di Asperger, l'Associazione Spazio Asperger ONLUS in collaborazione con Edizioni LSWR ha organizzato la presentazione del libro "Neurotribù. I talenti dell'autismo e il futuro della Neurodiversità" presso l'Auditorium del Seraraphicum a Roma. Interveranno molte persone Asperger adulte che racconteranno la loro esperienza. L'evento è gratuito con prenotazione obbligatoria inviando una mail a r.dicarlo@lswr.it.
    All'evento ci saranno testimonianze di persone Asperger adulte tra le quali alcuni utenti del forum!

    Neurotribù 18 Febbraio 2018

    SophiaOrsoX2Simone85Marco75BlackCrow
    Post edited by davidemoscone on
  • SophiaSophia SymbolModeratore
    Pubblicazioni: 5,279
Accedi oppure Registrati per commentare.
Dona il 5x1000 a Spazio Asperger ONLUS. Codice Fiscale: 97690370586